01 settembre 2008

Classifiche Internazionali Storiche/ Estate 1975

Van McCoy - Disco Baby / The HustleL'ESTATE DEL 1975 - Macchine, mandibole e lezioni di ballo
"Il Mozambico acquista l'indipendenza, la FIAT cessa di produrre la 500, mentre in America il potente e controverso leader sindacale Jimmy Hoffa sparisce nel nulla. E a livello globale impera la crisi economica. Meglio non pensarci per almeno due ore e andare al cinema. E la gente fa le code davanti ai cinema che proiettano la storia di un pesce alquanto famelico. Mentre, su altri schermi, un alieno travestito corrompe una coppietta insegnando a ballare il "Time Warp". E tutti a New York vogliono ballare l'Hustle. Per la serie "ballando che ti passa", la discomusic sta diventando il genere dominante e ad essa si convertono tre fratelli che ne diverranno, volenti o nolenti, i massimi esponenti commerciali. Ma non sta emergendo solo il suono da discoteca. Dal sottobosco emergono anche suoni elettronici che invadono la classifica USA. Arrivano dalla Germania e sono prodotti da quattro uomini-macchina che propongono un viaggio in autostrada. Ma l'elettronica può essere usata anche per creare grandi ballate. Suoni nuovi contro il rock dei "dinosauri" che si ritrova invecchiato: è in corso un vero e proprio cambio generazionale che provocherà la caduta di molte stelle e che anticipa la prossima rivoluzione: il punk. Ma intanto in America trionfa anche il country rock nelle sue varie declinazioni, compresa quella "fuorilegge"."


Nonostante siamo ormai agli sgoccioli dell'estate, facciamo in tempo a pubblicare l'analisi di Marco sui successi pop internazionali dell'Estate del 1975. Strepitosa come sempre. E se non sapete ballare l'hustle, è la volta buona per impararlo.

Come da tradizione, eccovi la compilation con il "fior da fiore" della stagione.


LIVING IN THE PAST COMPILATION - ESTATE 1975

  1. Main Title From “Jaws” – John Williams
  2. Science Fiction / Double Fiction – Ed O’Brien
  3. Thunder Road – Bruce Springsteen
  4. One Of These Nights – The Eagles
  5. Listen To What The Man Said – Wings
  6. Magic – Pilot
  7. The Time Warp – Rocky Horror Picture Show Cast
  8. Only Women – Alice Cooper
  9. I’m Not In Love – 10cc
  10. Autobahn (single edit) - Kraftwerk
  11. The Hustle – Van McCoy & The Soul City Symphony
  12. Get Down Tonight – KC & The Sunshine Band
  13. Jive Talkin’ – Bee Gees
  14. Why Can’t We Be Friends – War
  15. How It Is Sweet (To Be Loved By You) – James Taylor
  16. Sister Golden Hair - America
  17. Wildfire – Michael Murphey
  18. Solitaire – The Carpenters
  19. Someone Saved My Life Tonight – Elton John
  20. Landslide – Fleetwood Mac
  21. I’m Not Lisa – Jessi Colter
  22. It Don’t Worry Me – Barbara Harris

7 commenti:

zago ha detto...

Ciao

non c'entra molto con questo post ma sarebbe interessante un altro articolo riguardo i misteri delle copie vendute in italia (avevate già trattato l'argomento tempo addietro)

Magari parlando del fatto che le "copie vendute" di cui parlano i discografici e le certificazioni (oro e platino) riguardano esclusivamente le copie distribuite (e qui si potrebbe citare il nuovissimo caso di Carla Bruni in francia).

Con altri esempi come il doppio platino dato a Madonna in Italia nella prima settimana (140.000 copie, non le ha vendute neanche in UK..mercato 5 volte l'italiano) o Marco carta, oro (35.000) nella prima settimana debuttando alla 3 (già è molto difficile venderne tante debuttando alla 1..figuriamoci alla 3)

Anonimo ha detto...

Meravigliosa puntata sulla musica di metà anni '70 ed i favolosi pezzi dance, ah... che bei tempi
grazie per avermeli ricordati

Alina

pop! ha detto...

Zago, concordo pienamente. C'è da dire che in passato si è arrivati al ridicolo assegnando presunti dischi di platino e d'oro ad album che addirittura dovevano ancora uscire, sulla base delle sole copie prenotate dai negozi. Nel 90% dei casi i suddetti dischi si sono poi rivelati dei flop, a conferma di quanto tali operazioni in Italia servano alle major per creare "fumo" quando non c'è "arrosto". Tra l'altro, dato che la classifica FIMI/Nielsen viene effettuata grazie alle rilevazioni attraverso i codici a barre, non si vede perchè non si possa anche da noi -come accade negli altri mercati maggiori- elaborare una proiezione e rivelare (almeno per i primi 5 o 10 posti) gli effettivi quantitativi venduti settimanalmente. O non lo si fa perchè ci si vergogna dei numeri bassi?

zago ha detto...

Giusto Pop.

ormai tanti paesi rilasciano il numero di vendite, gli Usa lo fanno (e se si cerca in giro si riesce ad avere anche le vendite di tutti i 200 album), in Uk lo fanno, in francia lo fanno..in australia lo fanno.

Da noi nulla..solo cifre sparate (a cui aggiungo le 400.000 di Vasco nella prima settimana) per aria e comunque sempre relative alle copie distribuite.


l'unico modo per capire e provare a stimarle basandosi magari sul fatto che ora abbiamo un mercato grande più o meno come quello Australiano (ahimè).

a questo proposito ti segnalo una sezione del blog che cerca di fare proprio qiesto:

http://worldwidealbums.blogspot.com/search/label/Dati%20di%20vendita%20Italiani

questo è il metodo di stima:

http://worldwidealbums.blogspot.com/2008/08/post-for-italians.html

-----------

sarebbe bello avere anche un vostro articolo a riguardo, anche per dare un po' più di ufficialità alle cose che abbiamo detto (platini..copie distribuite ecc..).
Dato che se viene detto da un bloggherello come il mio nessuno ci crede, se invece lo vedono scritto anche qui..magari qualcuno in più..

;)

ilgmk ha detto...

Mi sembrava strano che ci fossero ben 4 commenti su un articolo dedicato a metà anni '70..;)

Grazie mille Alina per i complimenti! Spero di continuare a farti ricordare bei tempi!

Interessante davvero il tuo blog Zago. Soprattutto per aprire gli occhi sull'attuale crisi di mercato. E poi i britannici si lamentano se un singolo vende meno di 50.000 copie alla settimana...;)

zago ha detto...

eheh grazie!


non sapevo dove postare :D

cmq ottima lista, ci sono dei pezzacci (nel senso buono) all'interno.

nic ha detto...

.......e BOWIE? -Tutti gli anni ricchi,ricchi di culture-musicale,complimenti.