29 giugno 2009

Chi ci lascia/ Michael Jackson


Il presidente degli Stati Uniti si è sentito in dovere di fare una dichiarazione sulla figura di Michael Jackson e di fare le condoglianze ufficiali della Casa Bianca alla sua famiglia. La Camera dei rappresentanti USA ha interrotto i lavori per rendere omaggio alla sua memoria. L'Osservatorio Romano, cioè l'organo ufficiale del Vaticano, lo celebra come mito immortale accostandolo ad Elvis. Google lo celebra a suo modo, accostandolo ad un attacco virale che stava mandando in tilt l'intera rete: si trattava solo dei fan che hanno iniziato ad effettuare ricerche su "michael jackson" alla notizia della sua morte.

Insomma, la morte di Jacko, il "re del pop", (per usare alcuni degli appellativi con cui veniva indicato) è uno di quei grandi eventi globali che segnerà questo 2009, al pari della crisi mondiale, dell'elezione di Barack Obama, e di poche altre cose.

Sebbene negli ultimi lustri avesse fatto parlare di sè più per le bizzarrie della sua vita privata (dalle incredibili metamorfosi fisiche ai suoi rapporti con l'infanzia), resterà per sempre nella storia della musica almeno per THRILLER, l'album più venduto di tutti i tempi a livello mondiale: sinora 109 milioni di copie, destinate ad aumentare dopo la sua morte. A 25 anni di distanza, "Thriller" continua ad influenzare decine di artisti e certamente resterà tra i capolavori assoluti della musica pop di ogni tempo. Non vogliamo riscrivere qui cose già dette da altre parti e ci limitiamo a rimandare alla splendida epopea descritta da marco-ilgmk in una delle sue epiche puntate di Living In The Past.

Jackson ha lasciato il suo segno anche nella storia della video music, di cui ha interpretato forse il capolavoro assoluto: ancora Thriller, diretto da John Landis, di una lunghezza spropositata per un video-clip: 13 minuti. Mentre con il video clip di Scream detiene un altro record: quello più costoso con 7 milioni di dollari.

Da parte nostra vogliamo ricordarlo come nostro solito: con una Top 20 che raccoglie il fior da fiore della sua discografia, a partire dagli esordi, decenne, con i suoi fratelli nei mitici Jackson Five. Alcuni di questi sono già dei classici assoluti. Ed altri lo diverranno ancora più nei prossimi anni, quando verranno inseriti in decine, centinaia di compilation di tutti i tipi. A partire già dalle prossime settimane che vedranno le classifiche invase da brani ed album di quello che è stato uno dei più grandi intrattenitori del '900.

1969 - I Want You Back (Jackson Five)
1970 - ABC (Jakson Five)
1970 - I'll Be There (Jackson Five)
1971 - Never Can Say Goodbye (Jackson Five)
1972 - Ben
1979 - Don't Stop 'Til You Get Enough
1979 - Rock With You
1982 - The Girl Is Mine (con Paul McCartney)
1983 - Billie Jean
1983 - Beat It
1983 - Wanna Be Startin' Something
1983 - Thriller
1983 - Say Say Say (con Paul McCartney)
1985 - We Are The World (USA For Africa)
1987 - I Just Can't Stop Loving You
1987 - Bad
1988 - The Way You Make Me Feel
1988 - Dirty Diana
1988 - Smooth Criminal
1991 - Black Or White


Articolo precedente della serie: Chi ci lascia/ Mike Francis

1 commento:

Io ha detto...

grazie