10 agosto 2009

Bravo Grillo!

Da queste parti siamo stati sempre piuttosto critici vero Beppe Grillo, definendolo spesso guitto, parolaio, provocatore, opportunista, e cose così. Però questa volta non possiamo che esprimere tutto il nostro plauso per la sua ultima iniziativa: mettere su un pool di avvocati per diffendere i blog querelati dal potente di turno.

Ecco quanto asserisce papale papale sul suo blog:
"Io ho dei buoni avvocati e molte querele, preferirei non averle, ma fa parte del gioco. Quasi sempre le ho vinte. La maggior parte dei blogger non ha soldi, e neppure l'abitudine a essere querelata da un potente che può usare, talvolta anche a carico dello Stato, avvocati di grido. L'intera Rete è a rischio querela, tutta la verità che è presente in Rete è un attacco al Regime. Non si può querelare la Rete, ma la si può limitare, porre restrizioni idiote presenti in Cina e in Birmania, come hanno fatto e stanno facendo. Si può anche colpirne qualcuno per educarne cento. Per questo voglio creare un pool di avvocati della Rete a disposizione dei querelati.

Chiedo a tutti gli avvocati che mi leggono che vogliono difendere gratuitamente i blogger di inviarmi i loro riferimenti. Li inserirò in una lista sul blog. Per i casi più complessi metterò a disposizione i miei avvocati, che ormai vantano una certa esperienza. Nel blog sarà disponibile a settembre un'area di aiuto per i blogger querelati con i fatti da sapere per difendersi, gli studi legali cui rivolgersi e l'elenco delle cause in corso contro le pubblicazioni in rete."


Ecco, al solito, non riusciamo a capire perchè questa cosa semplice, chiara, provvidenziale, debba essere proposta, sostenuta e realizzata da un comico, mentre a nessuno delle centinaia di parlamentari dell'opposizione non sia venuta in mente.

Intanto, un "bravo, bravissimo" a Beppe Grillo.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Si potrebbe fare addirittura meglio, ad esempio creando un sindacato (uno vero) degli utenti web, in modo da tutelare al meglio i diritti dei navigatori, incidere sulle tariffe, coadiuvare l'operato della polizia postale etc etc. I navigatori sono una delle poche categorie a non godere di alcun riferimento. Secondo me qualcuno dovrebbe pensarci.

Luca