06 febbraio 2010

Perchè Morgan è Sanremo

Mai avrei pensato di poter, se pure vagamente, perorare la causa di un personaggio come Marco Castoldi, in arte Morgan. Ed infatti, non la peroro. Ma meno che mai potrei assecondare le motivazioni dei Mazza-Mazzi-Masi-Marano che lo hanno escluso dalla partecipazione al festival di Sanremo. E' uno di quei casi in cui butterei giù dalla torre sia gli uni che gli altri, anzi, mi verrebbe di buttar giù la torre stessa. Ma la cosa è così assurda che è praticamente impossibile non parlarne, sopratutto per un blog borderline tra musica e politica come questo.

Già. Perchè a prendere le difese di Morgan è intervenuto il principale esponente del principale partito di opposizione, PiGi Bersani (no, non è quello che canta Giudizi universali) con delle dichiarazioni in puro stile mosciamente buonista: "Ha sbagliato ma bisogna dargli una seconda occasione" (!). Gli fa eco la ex-ministressa Livia Turco: "mi auguro che la Rai riconsideri la scelta di non invitarlo a Sanremo". Ma glielo ordina il medico che devono fare dichiarazioni su qualunque cagata? E sopratutto, che tali dichiarazioni debbano essere così insulse?

Rischio che non corre certamente il radicale (radicale!) Marco Beltrandi, uno dei 9 fatti eleggere dalla Rosa nel Pugno nelle liste del PD alle ultime elezioni ed attuale componente della Commissione di Vigilanza sulla Rai: "Mi sento costretto a chiedere formalmente al direttore generale della Rai di sottoporre d’ora in poi ogni eventuale ospite di ogni trasmissione Rai a severi test antidroga". Cioè, vi rendete conto? Cose così dette da un partito che ha fatto dell'antiproibizionismo della droga uno dei suoi segni distintivi!

Di fronte ad un simile scempio, il solito turpe approccio del cialtro-destra rischia di passare in secondo piano. Dalla ministressa del Fronte della Gioventù Giorgia Meloni che trova amigua la distinzione tra una canna ed un'overdose (!), al solito noioso Giovanardi che magari preferirebbe che i drogati fossero massacrati in carcere. Per non parlare del magnifico trittico di pulzelle: Alessandra Mussolini (nipote di cotanto nonno), Mariella Bocciardo (ex moglie di cotanto fratello Paolo Berlusconi) e Gabriella Carlucci (di co-tante sorelle) che invocano a gran voce il test anti-droga per tutti coloro che partecipano al festival di Sanremo e che vengano esclusi in caso di positività.

Ah, ho finalmente capito perchè Jimi Hendrix non ha mai partecipato a Sanremo. Così come i Beatles, i Rolling Stones, Janis Joplin, i Doors, i Pink Floyd, i Nirvana, i Red Hot Chili Peppers, i Velvet Underground, Eric Clapton, Bob Dylan, David Bowie, John Coltrane, Chet Baker, Jaco Pastorius, Miles Davis, Charlie Parker, Bill Evans, Joy Division, Cream, Depeche Mode, Deep Purple, Motorhead, Bob Marley, Sex Pistols, Clash, Iggy Pop e Led Zeppelin.

Come? I Led Zeppelin sì (beh, quasi, erano gli Yardbirds). Ma che dire di Vasco Rossi, di Irene Grandi, di Fiorello, dei Bluvertigo? Già, indovinate chi era il solista dei Bluvertigo. Già, lui, il nostro Morgan. E come si chiamava il pezzo? L'assenzio, distillato un tempo considerato allucinogeno ed il simbolo stesso della droga. Ma era il febbraio del 2001 e l'Italia non era ancora stata plasmata dal decennio terribile dalla cutlura bigotta e tetra di questo cialtro-destra.

Davvero, l'ennesima occasione sprecata per riflettere su droga e proibizionismo, su ciò che fa bene e su ciò che fa male, sulle libertà individuali, sui cattivi, sui maestri, e sulla propaganda. Perchè tutto il caso Morgan è pura propaganda ideologica. Si approfitta di un personaggio che si è venduto al prime time televisivo (godendone dei relativi privilegi) per farne oggetto della solita, noiosa, campagna proibizionista.

Se poi si esamina con un po' più di disincanto la cosa, Morgan ha già vinto Sanremo prima ancora che sia iniziato. Non avrebbe goduto di tale popolarità e clamore mediatico neanche se avesse trionfato tra le giurie più o meno di qualità. Altro che vittima. Le vere vittime siamo noi, che ci ritroviamo una dose supplementare di clerico-fascismo quotidiano.

E la cosa più triste di tutta la faccenda è che Morgan sia additato come un cattivo maestro. E non perchè venga additato come un cattivo. Ma perchè viene additato come un maestro...

12 commenti:

loris ha detto...

l'ultima frase è strepitosa!!!
già maestro...bum! di cosa?
tutta spocchiosità
comunque anche i depeche sono stati a SR ovviamente non come concorrenti...era il 1986 e presentavano in anteprima mondiale
il singolo stripped
ora diograzia in anteprima nazionale si presenta il fatto se la canna fa male o no
povera italia (con la i minuscola)

Anonimo ha detto...

mi domando, con tutta la spazzatura musicale che c'è in giro, siamo sicuri che Morgan sia poi così male? In fondo ha sempre cercato di far capire la musica con il punto di vista del musicista e, cosa più importante, di rispettarla. Se poi si fa le "basi" sono problemi suoi, e non vedo cosa c'entra con un eventuale partecipazione a Sanremo.

pop! ha detto...

bell'articolo, chartitalia! Anche se concordo specialmente con l'opinione dell'ultimo anonimo: con tutti i suoi limiti e il suo narcisismo esagerato, è uno dei pochissimi personaggi di una certa visibilità mediatica che ama -e dichiara il suo amore per- la buona musica italiana e non, e ha cercato di trasmetterlo anche attraverso un contenitore mainstream come X Factor. Non a caso Noemi è una sua scoperta, non a caso Marco Mengoni e Matteo Beccucci hanno cantato -e bene- sotto la sua direzione artistica brani di gente come Talking Heads, Umberto Bindi, Led Zeppelin o Nina Simone. Personalmente era proprio Morgan l'artista che attendevo con più interesse tra i partecipanti al prossimo Sanremo, insieme alla suddetta Noemi, Irene Grandi e Malika Ayane...

herr doktor ha detto...

mi piacerebbe davvero che facessero il test antidroga a chi va in televisione, così avremmo molti meno politici ai talk show ....

vi ricordate Cosimo Mele?

http://it.wikipedia.org/wiki/Cosimo_Mele

Alessandro ha detto...

Il vostro articolo di commento non mi è piaciuto per niente, ma avete letto l'intervista di Morgan? "La droga? Apre i sensi a chi li ha già sviluppati, e li chiude agli altri.... La uso come antidepressivo..... Avercene invece di antidepressivi come la cocaina. Fa bene. E Freud la prescriveva. Io la fumo in basi....". Altri discorsi su Sanremo o no sono fuori luogo, Morgan maestro??? ma per favore qui c'è un chiaro incitamento all'uso di droga di uno che può influenzare tanti giovani.

Gil4Morgan ha detto...

Ho letto l'intervista di Morgan(anche se contrariata ho comprato il giornale) e chi lo conosce può notare,tra le righe,il suo modo sarcastico e provocatorio di dire le cose x prendere un po' in giro l'interlocutore!
LUI non dice di drogarsi che fa bene,afferma che NEL SUO CASO "le basi" gli fanno meglio che gli psicofarmaci prescritti dal medico!!! NEL SUO CASO!!!
Era da capire ma NO tutti facciamo come i pecoroni e leggiamo le cose così tanto x fare invece di capire il vero contenuto!!!
In quanto all'ultima frase dell'articolo,Morgan è un gran maestro di musica,solo lui sa spiegare certe cose con quel modo così chiaro ed appassionato e chi non lo ammette è solo x invidia!!!
Sì povera Italia xchè CE NE FOSSERO DI ARTISTI COME LUI!!!

Anonimo ha detto...

Dalla lontana Germania non ho capito una cosa. Al di là delle polemiche se fosse giusto o meno escluderlo, in base a cosa è stato escluso?

Cioè, Sanremo ha delle regole precise per la partecipazione oppure un qualche comitato/direttore_artistico/chi_per_lui può decidere in base all'ispirazione del momento?

E nel primo caso le regole prevedono la squalifica in caso di istigazione di giovani?

Non è una domanda retorica, non mi è proprio chiaro come sia possibile tecnicamente escludere un partecipante in base ad una sua dichiarazione fatta non all'interno della trasmissione stessa.

il rompi ha detto...

Non è una domanda retorica, non mi è proprio chiaro come sia possibile tecnicamente escludere un partecipante in base ad una sua dichiarazione fatta non all'interno della trasmissione stessa.

Infatti hanno fatto una gran cazzata!

pop! ha detto...

Concordo: a prescindere da ogni considerazione sugli aspetti ipocriti e moralisti della decisione, il regolamento del Festival di Sanremo non prevede assolutamente l'esclusione di un partecipante a causa di dichiarazioni esterne ed estranee alla manifestazione. Viene da pensare che i motivi qui invece siano prettamente politici: Morgan è stato escluso da Sanremo (e mi sa che sarà messo al bando dai principali canali Rai) perchè estraneo alla linea Masi-Mazza-Meloni su certi argomenti...

Anonimo ha detto...

vorrei che facessero il test ANTI-DROGA A CHIUNQUE PENSI CHE MORGAN SIA UN MUSICISTA.... senza offesa per chi vuole sballarsi.... ma se una qualsiasi tipo di sostanza induce a pensare che MORGAN sia capace di suonare allora quella persona deve cambire spacciatore!!! o farsi ridare i soldi.

pop! ha detto...

Anonimo delle 16,04: i tuoi insulti gratuiti (e anonimi) denotano la tua ignoranza e incompetenza. Occupati di giardinaggio che è meglio per tutti.

Anonimo ha detto...

La madre degli Ignoranti è sempre incinta!!!!
Morgan è un musicista ed un artista completo!!!
Chi non conosce la sua musica non può di certo saperlo!!!