02 giugno 2011

Hit Parade che non c'è 2011/ Settimana dell'1 Giugno

Podio interamente statico questa settimana nella nostra classifica che non c'è (se non nei nostri desideri di vedere questi pezzi nella Top 100 Brani). Comunque vi sono 5 nuovi ingressi che commentiamo dopo la tradizionale (e votabile) Top 20.



Non sono solo i vulcani e le loro ceneri a far parlare dell'Islanda. In musica, oltre a Bjork e Sigur Ros, ci sono anche questi GusGus, eccellente gruppo di musica house attivo sin dal 1995. Dotati di uno stile innovativo ed affascinante, hanno appena pubblicato l'album ARABIAN HORSE, da cui abbiamo scelto il brano Deep Inside. Sul Panopticon la recensione più estesa dell'intero album.

A proposito di Islanda, Valgeir Sigurosson è stato il produttore di Bjork e quindi l'accostamento è pressochè obbligato, visto che ha prodotto l'album di esordio, È, di una giovanissima cantautrice pugliese, Erica Musci, in arte Erica Mou. Per la verità il suo stile, molto accattivante ed incredibilmente maturo per una ventenne, ricorda molto più la cantantessa per antonomasia Carmen Consoli, giusto per aver dei riferimenti. E' riuscita a farsi scritturare dalla scuderia di Caterina Caselli riuscendo ad evitare talent-show vari. Oltre è l'ottimo brano che vi proponiamo.

E continuiamo con la produzione indipendente italiana che continua a sfornare cose molto interessanti anche se pochissimo distribuite. Come questi Martinicca Boison, gruppo fiorentino specializzato nelle commistioni di stili ed armonie diverse, spaziando dal cinema al teatro. Marianne è il brano che dà il titolo al loro primo EP (pubblicato a fine 2010) e loro opera terza, prodotto da Erriquez Greppi della Bandabardò per la meritoria etichetta Materiali Sonori.

Ancora musica italiana. Vanni Pinzauti viene anche lui dalla Toscana dove lavora come operaio in una ditta di oreficeria ed ama il jazz e Tom Waits. Partecipa a manifestazioni quali il Premio Ciampi 2010, il premio Donida 2010 e quest'anno a Musicultura. Battitura è un pezzo terribilmente ipnotico, ma proprio per questo affascinante: da sentire.

Peter Silberman è il leader e frontman della band indie rock newyorchese The Antlers, autore di un album-cult quale "Hospice" del 2009. Il suo ultimo album si intitola BURST APART e potete leggerne una recensione sul Panopticon. Il brano che abbiamo scelto il brano di apertura, I Don't Want Love.

Alla prossima.

Classifica precedente: Settimana del 25 Maggio

Nessun commento: