28 luglio 2011

Hit Parade che non c'è 2011/ Settimana del 26 Luglio

Il bellissimo pezzo Celentano del gruppo italiano A Toys Orchestra conquista la vetta della nostra classifica che non c'è (se non nei nostri desideri). Su YouTube esiste purtroppo solo una versione troncata della versione in italiano, mentre su MySpace potete ascoltare la versione integrale, che vi consigliamo vivamente.



Solo tre le nuove entrate di questa settimana. La più alta è dovuta agli M83, gruppo di musica elettronica francese che vanta una nutrita schiera di fan. Hanno annunciato un loro nuovo album doppio per il prossimo ottobre, HURRY UP, WE'RE DREAMING, anticipato da questo singolo intitolato Midnight City.

I Phinx sono una band veneta (di Bassano del Grappa per la precisione) passati lo scorso anno sotto la custodia della agenzia di promozione "Virus Concerti" che ha nella sua scuderia gruppi quali: Il Teatro degli Orrori, Tre Allegri Ragazzi Morti, Casino Royale, Linea 77, Velvet e Il Genio. Molto appoggiati anche da MTV New Generation che aveva scelto il loro ultimo singolo, Italian Job, come singolo del mese.

La Svezi è ormai uno dei Paesi più importanti nella geografia musicale internazionale: tornano in scena i Little Dragon, quartetto di Goteborg guidato dalla voce di Yukimi Nagano, che qualcuno ricorderà quale cantante dei Koop alcuni anni fa. Il loro terzo album RITUAL UNION -il primo con una distribuzione major, grazie alla EMI- esce in questi giorni e a precederlo c'è il singolo NightLight, che ne conferma l'identità a metà strada fra elettronica sperimentale, soul, jazz e pop.

Infine non possiamo che evidenziare con piacere la vivacità del panorama musicale italiano che spopola nella nostra classifica, occupando ben 10 posizioni su 20, dal già citato n.1 della A Toys Orchestra, passando per il n.3 di Riva Starr e Sud Sound System con Orizzonti, dalla struggente Dormi putin di Patrizia Laquidara, dalla Velleità dei Cani, dalla divertente Forse di Simona Molinari, da Tre capelli sul comò di Brunori SAS, da Rifare dei Tre Allegri Ragazzi Morti sino a Questo paese di Daniele Silvestri. Praticamente un miracolo, considerando gli scarsi mezzi a disposizione e le (criminali) politiche di programmazione musicale dei network italiani.

Classifica precedente: Settimana del 19 Luglio 2011

Nessun commento: