06 gennaio 2012

La copia è una religione

Letteralmente, davvero. Si chiama Copimismo ed ha una sua chiesa, The Missionary Church of Kopimism. In Svezia è stata registrata ed ufficialmente riconosciuta questa nuova religione, dopo una battaglia amministrativa durata due anni. Per la Chiesa del Copimismo l'informazione è santa, e copiarla è un sacramento centrale per l'organizzazione ed i suoi membri. Tra i simboli sacri della neonata chiesa ci sono i tasti Ctrl C e Ctrl V

La cosa a prima vista sembra una goliardata. In realtà, riflettendoci su è un'idea mica male. Considerando le centinaia di sette e religioni le più strampalate che ci sono in giro, perchè non fondarne una in cui la condivisione della conoscenza e delle opere dell'ingegno siano assunti a sacramenti?

"Essere riconosciuti dallo stato svedese – si legge sul sito ufficiale – è un passo verso il giorno in cui potremo vivere la nostra fede senza la paura di persecuzioni". Ed anche qui colgono nel segno. Perchè di vere e proprie persecuzioni sono stati oggetto coloro che hanno l'abitudine di scaricare musica o film da internet, o anche solo copiarsi il CD prestato dall'amico.

Il colpo d'ala è quello di rivendicare tali pratiche come un vero e proprio atto religioso, checchè ne dicano le leggi di quasi i tutti i paesi del mondo che annoverano la copia di opere dell'ingegno come reati passibili di multe se non di galera.

Fatto sta che il Nord Europa è in prima linea nella battaglia contro il copyright ed a favore del copyleft: dal fondamentale contributo dato dal finlandese Linus Torvalds con Linux alla nascita in Svezia del primo Partito Pirata con rappresentanti regolarmente eletti, allo strepitoso successo ottenuto a Berlino dal Piratenpartei. Ed ora si aggiunge addirittura una religione...

Nessun commento: