17 luglio 2007

Living In The Past

Con questa settimana abbiamo inaugurato una nuova sezione su hitparadeitalia.it, dedicata ai commenti sulle chart internazionali degli anni scorsi, da cui il titolo della sezione: Living In The Past, appunto. La prima puntata è uno spettacolo: una lunghissima carrellata tra gli hit dell'estate 1987. Questi alcuni dei titoli che furoreggiavano in giro per il mondo nell'estate di 20 anni fa: I Wanna Dance With Somebody di Whitney Houston, I Want Your Sex di George Michael, Who's That Girl di Madonna, I Still Haven't Found What I'm Looking For degli U2, La Bamba dei Los Lobos.

La nuova sezione è a cura di ilgmk (Marco, per gli allergici ai nickname) e, con cadenza più o meno quindicinale, andrà a spasso tra i decenni scorsi, soffermandosi volta per volta su uno specifico trimestre coincidente grosso modo con le varie stagioni: Primavera (marzo-aprile-maggio), Estate (giugno-luglio-agosto), Autunno (settembre-ottobre-novembre) e Inverno (dicembre-gennaio-febbraio).

Per l'occasione abbiamo elaborato una apposita classifica internazionale che prende in considerazione sia le classifiche USA che quelle europee (UK e Germania in particolare), pervenendo così ad una Top 100 che include i brani di maggior successo della stagione. Inoltre, come aiuto alla memoria, quando disponibili, sono indicati i link ai video per consentirvi di ascoltare i brani di cui parla nei commenti alla classifica.

Come detto, il lavoro svolto da Marco è stato eccellente: un grazie di cuore da parte mia. E buon lavoro per la prossima puntata, dedicata agli hit internazionali dell'estate del 1979.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Se anche tu, come noi, avverti un irrefrenabile palpito seguito da una sensazione di tensione proveniente dai tuoi slip, ogni volta che lei apre e chiude la bocca nell'atto del cantare. Se anche tu, come noi, credi che "Nothing s gonna stop me now" sia l'inno di una intera generazione, quella dei giovani rampanti e degli Amico Motta (altro che Mc Donald). Se anche tu, come noi, ritieni Samanta Fox una delle femmine più femmine che abbiano mai calcato il grande palco della musica. Se infine anche a te, come a noi + capitato di dover riavvolgere centinaia e centinaia di volte, il nastro della cassetta sbizzarritasi all'interno del walkman, ogni qualvolta ascoltavi un suo pezzo...
Iscriviti al nostro movimento "I new boys for Samanta Fox". Aiutaci a riportare il nostro idolo sulle scene, perchè abbiamo ancora bisogno di sentirci duri. Britney e le altre sono zero. Come le faceva ballare Samanta, nemmeno l'Orchestra di Raoul Casadei.
Aiutaci e sarai un duro anche tu.

Marcello ha detto...

Sarà anche come dici una delle femmine più femmine che abbiano mai calcato il grande palco della musica, ma ha gusti sessuali ambigui...

Wikipedia inglese dice

Rumours regarding Fox's sexual preference began to surface in 1999 when she judged a lesbian beauty pageant, and many people said they believed that the woman she lived with at the time, Australian Cris Bonacci, formerly guitarist with Girlschool, was more than just her manager.

In February 2003, she made a statement about her personal life: [1]

“ But I can't keep saying, "Maybe", or denying it. It's time to let people know where my heart is. People keep trying to say I'm a lesbian. I don't know what I am. All I know is that I'm in love with Myra [Stratton, her manager]. I love her completely and want to spend the rest of my life with her.

Joyello ha detto...

grande ilgmk! Parte redazionale completissima e impeccabile!
Ti aspetto con ansia tra 15 gg!
Continua così!
Joyello

ilgmk ha detto...

Grazie Joyello! Dato che son tuo fan devoto, mi sento davvero onorato dal tuo apprezzamento!!!

x marcello: che la Samathona sia lesbica lo si sa da un bel po' di tempo. Non vedo che ambiguità ci sia. Più chiaro di così. Ciò non toglie il fatto che sui suoi calendari e sulle sue doti ("vocali" e non) si potrebbero riempire pagine e pagine di cronache onanistiche degli adolescenti anni '80...

Ciao! Marco

diego ha detto...

la sesta di reggiseno...

Anonimo ha detto...

...Non che interessi a nessuno (spero, più che credo!) e tanto meno a me (scusate per la crudezza, ma, come si dice a Roma, "quanno ce vò, ce vò!"), però il titolo esatto, o meglio, completo, dell'orripilante (cito il geniale aggettivo da voi usato per connotare "Toy Boy" di Sinitta - aargh! l'ho pure scritta...) brano (ma può definirsi poi tale?) di Glenn Medeiros è "Nothing's gonna change my love for you" (ce l'ho qui davanti a me - non tirate conclusioni affrettate e aspettate un istante prima di darmi dell'ipocrita :-) - sulla compilation HITS NOW! di quell'estate e sull'opera britannica che a noi qui manca troppo, "British Hit Singles" di gambaccini et al.). A buon rendere (per esempio, con precisazioni migliori della presente relativa a Medeiros - by the way: ma è vivo? o è deceduto ascoltando il suo orripilante pezzo... pezzo di... ehm... cretino!!!). Seriamente: complimenti per il sito che è geniale! Finalmente, dopo mesi ed anni che cerco un database per capire e ricordare la posizione raggiunta da famose hit anglo/americane e, anche italiane, in Italia... Non credo esista un sito simile a questo per precisione, completezza e inventiva. Mi ricorda il summenzionato libro dei singoli inglesi, in versione Web. Avrei, forse, qualche consiglio da darvi, in realtà, ma non lo faccio ora, perché sono troppo stanco e quasi mi addormentavo sullo schermo prima, scrivendo "Toy Boy" (chissà come mai proprio in quel punto...), quindi potrei non aver visto qualcosa che c'è e, viceversa, aver visto qualcosa che invece non c'è!!! Buona notte da Alex BF. Grazie 1000. E ancòra complimenti!