14 luglio 2007

Suonerie

Prima o poi qualcuno dovrà scriverci un saggio sociologico sulle suonerie telefoniche. Credo che vi sia materiale anche per un saggio psichiatrico. Certo, la differenziazione del suono con cui si viene chiamati è quasi indispensabile per capire se sta squillando il proprio telefono o quello del vicino. Ma la scelta della propria suoneria credo vada al di là della pura utilità ed è qualcosa a metà tra lo status symbol e la pura realizzazione di sè.

Beh, intanto ci sono i pigri che lasciano la suoneria preimpostata che, nei modelli Nokia è l'ormai odioso Nokia Tune, arrangiato in tutte le salse possibili, sino all'ultima versione che assomiglia ad un trillo di campane. Beh, i fanciulli della Nokia hanno ribatezzato il famoso motivo inserendo nel nome il proprio marchio solo nel 1998, mentre originariamente si chiamava Gran Valse ed è un motivo estratto da un'opera spagnola per chitarra del compositore Francisco Tarrega denominata Gran Vals. Questo compositore è morto nel 1909 e, se fosse in vigore l'attuale legge americana sul copyright (95 anni dopo la morte dell'autore), i diritti sarebbero scaduti solo 2 anni fa ed i suoi eredi sarebbero stati ricoperti d'oro. Beh, però il buon gusto di lasciare il titolo originale dell'opera la Nokia poteva averlo. Ah, ma questa è un'altra storia...

All'altro lato della scala vi sono quelli che cambiano suoneria più volte al giorno, spesso non riconoscendo che il telefono che sta squillando è proprio il loro. Nel mezzo c'è di tutto: dal coatto che imposta la suoneria su mugolii femminili, al narcisista che la imposta sull'inciso di Meravigliosa creatura della Nannini, da quello che andava a letto dopo Carosello che la imposta sulla sigla della famosa trasmissione, a quello in carriera abituato a "lanciare il cuore oltre l'ostacolo" che la imposta su Mission: impossible, da quello tutto patria chiesa e famiglia e che la imposta sull'Inno di Mameli, al solitario eroe della frontiera che la imposta su uno dei tanti western di Morricone (c'è solo l'imbarazzo della scelta: l'urlo iniziale di Il buono il brutto il cattivo, l'attacco di Per un pugno di dollari, lo "scion scion" di Giù la testa), ma anche gli altri spaghetti-western non se la cavano male.

Poi ci sono quelli che cercano di non strafare e tentano di impostare una suoneria che svolga il suo compito: far capire che il telefono sta sì suonando ma quello che squilla è proprio il tuo. Al riguardo il set standard di suonerie è piuttosto limitato: quello forse più gettonato sembra essere il vecchio trillo del telefono, quello di quando i telefoni erano forse ancora attaccati al muro. Ma anche questo è divenuto così inflazionato da essere poco utile allo scopo. Allora ci si ingegna con qualche tentativo di "personalizzazione", magari registrando la voce di qualche congiunto: la voce dei pargoli che chiamano il papà o la mamma sta divenendo un vero e proprio classico (e confesso, l'ho utilizzata anch'io qualche anno fa).

E quelli che associano una suoneria differente in funzione di chi chiama: un cane che abbaia per il proprio capo, lo starnazzare di un'oca per la collega antipatica, o i mugolii di cui sopra indovinate per chi.

Insomma di tutto di più. Personalmente, nell'imbarazzo tra le infinite possibilità, avendo cambiato recentemente cellullare, ce l'ho ancora impostata sul Gran Valse. Quale suoneria mi consigliate?

Beh, e voi? Quale suoneria avete impostato? E quali gli squilli più aberranti che vi capita di sentire in giro?

Suonerie Compilation

GRAN VALS - Francisco Tarrega
MERAVIGLIOSA CREATURA - Gianna Nannini
MISSION: IMPOSSIBLE - Lalo Schifrin
'O PAZZARIELLO - [sigla di Carosello]
INNO DI MAMELI - [inno nazionale italiano]
IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO - Ennio Morricone
PER UN PUGNO DI DOLLARI - Ennio Morricone
GIU' LA TESTA - Ennio Morricone

7 commenti:

Marcello ha detto...

Io sul mio vecchio telefonino, dopo aver tenuto per alcuni mesi la suoneria di mie autocomposizioni prima di "I like Chopin" e poi di "Uomini soli", sono ritornato da parecchio tempo al caro vecchio "ring ring", il normale trillo... La tecnologia che ho a disposizione non mi consente altro ! :-)

Anonimo ha detto...

Io non pozzu parlari...però mi pari c'arrivò un messaggio...

Anonimo ha detto...

Tra gli spaghetti western qui a Roma è gettonatissimo il fischiettato de "Lo chiamavano Trinità", ed alzo la mano, l'avevo pure io. Da un annetto ho, invece della voce dei pargoli, l'attacco di Harry Potter, loro eroe.
Tra le personalizzate, segnalo mio amico Massimo che ha abbinato alla chiamata della moglie l'inizio inquietante di Tubular Bells di Mike Oldfield, conosciuta anche come colonna sonora dell'Esorcista.
Maurizio T

Anonimo ha detto...

addendum: quelli che mettono l'ultima hit del momento a tutto volume e poi si precipitano a rispondere un po' vergognandosi degli sguardi di riprovazione dei presenti? o almeno questo è quello che desiderei succedesse e a volte succede
come suoneria non mi dispiacerebbe avere l'attacco di Così parlò Zaratustra: avete idea come si può fare?

.mau. ha detto...

Io ho l'attacco di Hey Bulldog tranne per le chiamate da mia moglie che hanno l'intermezzo strumentale di Day Tripper. Il bello è che non le riconosce nessuno!

Suonerie Nokia ha detto...

Beh... io ho messo di tutto sul mio cellulare...
sul mio vecchio nokia 3330 sono passate tutte le canzoni che giravano per radio dal 1999 al 2003! E pubblicavo pure i codici su un mio sito! Avete presente quelli che si componevano lettera per lettera? Quanto ho stressato i miei coinquilini con prove e provini fino a trovare il ritmo giusto!

Adesso, da tempo, sono fermo nel mio motorola v600 a The reason degli Hoobastank in versione mp3.

Comunque la migliore era quella di un mio amico che in francia, nel 2001, aveva la voce registrata di un palermitano "ou! arrispunni o no a stu telefunu?!"... Impossibile descrivervi l'espressione perplessa dei francesi... :-D

Marta ha detto...

io mi sono scaricata una suoneria da www.dindo.it ... ce ne sono tantissime"!!!