14 marzo 2012

PI Day

Non c'è solo la Festa della Mamma o quella del Papà, c'è anche il PI Day, cioè la Festa del Pi Greco, e ricorre oggi, 14 Marzo, cioè 14,03 o meglio, con notazione anglosassone che usano mettere il mese prima del giorno: 3,14. Appunto, che è il l'abbreviazione tipica per quel numeraccio lì.
Che c'entra il π con questo blog? Beh, ogni tanto ci piace ospitare qualche puntata del Carnevale della Matematica oppure, come in questo caso, fornire un piccolo contributo. E così, come puntata speciale del Canzondario (con cui ci prefiggiamo di associare un brano ad ogni giorno dell'anno), ecco una puntata dedicata interamente al più famoso numero della storia.

Da dove inziare? Magari dalla playlist dei brani che abbiamo scelto così, se ritenete potete farla andare in sottofondo mentre leggete il resto del posto. E' un po' un minestrone, con brani commerciali di interpreti di grido e brani molto particolari derivati direttamente da Pi Greco e prodotti direttamente dalla comunità scientifica, ed altri che vi sono collegati in qualche modo. Eccola.



Una categoria di canzoni dedicate a π è costituita da parodie di brani famosi. Il più divertente è questa Pi Pi Song sulla melodia di American Pie di Don McLean e giocata sull'assonanza di Pi e Pie che inglese si pronunciano allo stesso modo. Per darvi un'idea, questo è il ritornello:
To sing of the virtue of pi,
Pi, pi, mathematical pi,
3.14 15 92,
65 35 89 7,
932384 62,
6433832 7

(ah... se non vi bastano, qui si trovano le prime 100.000 cifre di pi greco).

Altra parodia è fatta su un pezzo di Eminem, Lose Yourself, ottenendo così un rap in piena regola, il Pi Rap, appunto.

Un'intera categoria è fatta ottenendo dei brani musicali direttamente dalle cifre stesse di pi greco. Questa The Real PI Song ne usa 248, oltre al 3 iniziale. Il risultato non è granchè perchè è stato usato il semplice beep sintetico, ma già quest'altra The Pi Song usa il pianoforte ed il suono inizia ad essere più compiuto.
Variante sul tema è quest'altra Song from π!.

The Sound Of Pi utilizza un metodo più sofisticato in quanto, anzichè usare una scala decatonale corrispondente alle 10 cifre del sitema decimale, usa tutte le 12 note del nostro sistema tonale e le suona dopo aver convertito le cifre di pi greco in base 12.

La versione più elaborata è questa What pi sounds like, variazione sul tema di come suonano le cifre di pi greco; decisamente più musicale ed orchestrata.

Un'altra categoria di brani è tesa a far memorizzare le infinite cifre del mitico numero (impresa ovviamente impossibile, però almeno qualche centinaio si riesce). Eccone un paio: The Pi Song e Irrational Number (Pi Part One), il cui testo è:
3.1415926535 8979323846 2643383279 5028841971 6939937510 5820974944 5923078164 0628620899 8628034825 3421170679 8214808651 3282306647 0938446095 5058223172 5359408128 4811174502 8410270193 8521105559 6446229489 5493038196 4428810975 6659334461 2847564823 3786783165 2712019091 4564856692 3460348610 4543266482 1339360726 0249141273 7245870066 0631558817 4881520920 9628292540 9171536436 7892590360 0113305305 4882046652 1384146951 9415116094 3305727036 5759591953

Beh, anche artisti di grido si sono cimentitati con il loro omaggio a questo numero affascinate. Più precisamente da Kate Bush, eclettica ed influentissima cantautrice britannica che al Pi greco ha dedicato uno specifico brano intitolato, perentoriamente, Pi (dall'album AERIAL). Ed anche in Bulgaria dove un duo di dj bulgari, denominato 1000names, ha inciso un brano intitolato Pi Day nel loro album dello scorso anno, INVISIBLE ARCHITECT.

Come sapete (o almeno dovreste sapere) Pi greco è il rapporto tra la circonferenza di un cerchio ed il suo diametro. E quindi parlare di Pi greco e parlare di cerchi non dico che è la stessa cosa, ma un po' sì. E quindi canzoni che parlano di cerchi hanno pieno diritti di cittadinanza in questo post.

Al riguardo, di canzoni ce n'è a bizzeffe, sia preparati dalla comunità scientifica come questa The Circle Song, o quest'altra Circle Song 1 sia di brani commerciali di notorietà più o meno alta.

E Cerchi nell'acqua sono quelli intona il più interessante cantautore italiano dei Duemila (ovviamente misconosciuto ai più), Paolo Benvegnù, con cui vogliamo avviare questa sottosezione. Per la verità c'è un altro bel pezzo intitolato sempre Cerchi nell'acqua ma risalente a qualche decennio fa: era interpretato nella versione italiana da Memo Remigi ed era tratto da un film perdutamente anni '60, "Vivere per vivere".

Cerchi e basta sono quelli in cui gira viziosamente all'infinito la Nicoletta nazionale, alias Patty Pravo, in questo pezzo anni '80. Mentre i Litfiba usano l'immagine del "cerchio che ha perso il suo centro" per descrivere chi si smarrisce, in uno dei loro brani-simbolo (sic! capitemi, stiamo parlando dei Litfiba): Fata Morgana, del 1993.

L'immenso Paolo Conte sembrerebbe anelare a risolvere l'annoso problema della quadratura del cerchio (intrinsecamente collegato al nostro amato Pi greco, anzi alla sua radice quadrata) in questo brano contenuto nel recente album PSICHE, Il quadrato ed il cerchio.

Parlando di cerchi, ci corre obbligo citare quello della colonna sonora italiana del "Re Leone" interpretata da Ivana Spagna, Il cerchio della vita, traduzione letterale della versione originale di Elton John, The Circle of Life. The Trash of Life magari sarebbe stato un titolo più azzeccato, ma tant'è...

Vabbe' rifacciamoci l'orecchio con qualche sonorità anni '70, per esempio con questa deliziosa The Circle Game di Joni Mitchell, o con quest'altra Will The Circle Be Unbroken, brano tradizionale meravigliosamente reso dai Pentangle, se non addirittura con i Byrds di Full Circle e ci aggiungiamo anche il Billy Preston di Will It Go Round In Circles.

Infine, per non correre il rischio di passare come passatisti e canzonettari, ci congediamo con una ballata di un gruppo metal, gli Slipknot, e con un pezzo jazz dell'immenso Miles Davis, entrambi alle prese con un brano intitolato Circle, appunto.

Nessun commento: