18 giugno 2010

Nessuno tocchi i blog



Sì, certo. Il PD, al pari di quasi tutti i partiti politici, non ha brillato per acume nel capire cosa fossero quelle cose misteriose chiamate "rete", internet, web e simili (mitica la definizione di ambaradan data da PG Bersani). E di cazzate ne ha fatte tante (così come in tanti altri campi).

Salutiamo quindi, per una volta, una felice iniziativa: il tentativo di abrogare una delle tante vergogna del disegno di legge sulle intercettazioni, quella del comma 29 dell'articolo 1, che estende a blog e siti informatici in genere l'obbligo di rettifica in vigore dal 1948 per giornali e quotidiani su carta.

Non si capisce se questo cialtro-destra (mi fanno sempre più schifo quelli che lo votano) sono ignoranti ed incompetenti e, per zittire qualche voce non gradita, stanno sabotando l'intera rete. O se, viceversa, tale sabotaggio è scientemente voluto e si prefiggono di ridurre al silenzio l'intera blogosfera, anzi l'intero web italiano.

Com'è che si fanno chiamare? Popolo della "libertà". Un partito-ossimoro...

1 commento:

Anonimo ha detto...

PD solo quando fa comodo!