13 luglio 2007

Chart Internazionali 2007 / Luglio: (1a settimana)

Ecco la nuova panoramica sulle classifiche internazionali, che questa settimana affianca alle top 10 di singoli e album UK e USA quelle del Messico, cioè il mercato più grosso dell'America Latina, dati alla mano. Anche stavolta, largo alle chart prima dei commenti.


USA ALBUM (settimana 1/7-07-2007)

1 (*) T.I. T.I. vs. T.I.P.
2 (1) Miley Cyrus - Hannah Montana 2 (soundtrack) / Meet Miley Cyrus
3 (2) Kelly Clarkson – My December
4 (3) Bon Jovi - Lost Highway
5 (*) Velvet Revolver - Libertad
6 (*) Kelly Rowland - Ms. Kelly
7 (5) Brad Paisley - 5th Gear
8 (6) Amy Winehouse - Back To Black
9 (8) Linkin Park - Minutes To Midnight
10 (4) White Stripes - Icky Thump



USA SINGOLI (settimana 1/7-07-2007)

1 (1) Umbrella - Rihanna feat. Jay-Z
2 (3) Hey There Delilah - Plain White T's
3 (4) Big Girls Don't Cry - Fergie
4 (2) Party Like A Rockstar - Shop Boyz
5 (5) Buy U A Drank (Shawty Snappin') - T-Pain Featuring Yung Joc
6 (6) The Way I Are - Timbaland feat. Keri Hilson
7 (7) Makes Me Wonder - Maroon 5
8 (13) A Bay Bay - Hurricane Chris
9 (11) Big Things Poppin' (Do It) - T.I.
10 (14) Bartender - T-Pain


UK ALBUM (settimana 1/7-07-2007)

1 (*) The Chemical Brothers - We Are The Night
2 (3) Travelling Wilburys – Collection
3 (*) Crowded House - Time On Earth
4 (1) Editors – An End Has A Start
5 (10) Take That - Never Forget/The Ultimate Collection
6 (*) Velvet Revolver - Libertad
7 (20) Nelly Furtado - Loose
8 (5) Amy Winehouse – Back To Black
9 (2) Kelly Clarkson – My December
10 (7) Rihanna - Good Girl Gone Bad


UK SINGOLI (settimana 1/7-07-2007)

1 (1) Umbrella - Rihanna feat. Jay-Z
2 (2) Foundations - Kate Nash
3 (17) When You're Gone - Avril Lavigne
4 (3) Do You Know (The Ping Pong Song) - Enrique Iglesias
5 (6) Worried About Ray - Hoosiers
6 (18) The Way I Are - Timbaland feat. Doe & Keri Hilson
7 (49) Soulmate - Natasha Bedingfield
8 (28) Big Girls Don't Cry - Fergie
9 (5) Any Dream Will Do - Lee Mead
10 (8) Like This - Kelly Rowland feat. Eve


MESSICO ALBUM (settimana 30-6/6-7-2007)

1 (2) Alejandro Fernández - Viento A Favor
2 (1) Miguel Bosé - Papito
3 (4) Camila - Todo Cambio
4 (3) Lola - Erase Una Vez
5 (7) Enrique Iglesias - Insomniac
6 (*) Varios - Instant Karma: The Amnesty International Campaign To Save Darfur
7 (8) Timbiriche - 25 Años
8 (6) Maroon 5 - It Wont Be Soon Before Long
9 (15) Aleks Syntek - Lección De Vuelo
10 (5) Avril Lavigne - The Best Damn Thing


MESSICO SINGOLI (settimana 30-6/6-7-2007)

1 (2) Intocable - Aleks Syntek
2 (1) Te voy a perder - Alejandro Fernández
3 (3) Morena mía - Miguel Bosé y Julieta Venegas
4 (5) Makes me wonder - Maroon 5
5 (4) Dímelo - Enrique Iglesias
6 (7) Girlfriend - Avril Lavigne
7 (6) Todo cambió - Camila
8 (12) The Sweet Escape - Gwen Stefani
9 (9) Las de la intuición - Shakira
10 (11) Sueños rotos - La 5a Estación

T.I. - T.I. vs. T.I.P. (USA album #1)
Big Things Poppin' (Do It) - T.I. (USA singoli #9)
Guidato dall'attuale singolo "Big Things Poppin'", "T.I. vs. T.I.P." è il secondo album consecutivo del 26enne rapper T.I. (al secolo Clifford Joseph Harris Jr.) a debuttare direttamente al primo posto nella chart americana, con quasi mezzo milione di copie vendute al primo colpo, il che è un risultato non indifferente di questi tempi. Proveniente da Atlanta (in Georgia), T.I. è ormai tra gli esponenti di punta della sempre più vivace scena hip hop del sud degli Stati, e dargli man forte in questo album ci sono colleghi come Jay-Z, Nelly, Busta Rhymes, Wyclef Jean (ospite del secondo singolo, "You Know What It Is") ed Eminem (che appare in "Touchdown"). Comunque roba addirittura di classe rispetto ad altri esempi (vedi Hurricane Chris).

Velvet Revolver - Libertad (USA album #5 - UK album #6)
E' il secondo album del "supergruppo" formato dagli ex Guns N'Roses (Slash, Duff McKagan e Matt Sorum: praticamente il nucleo originario della band escluso il solo Axl Rose) con Scott Weiland (altro ex: Stone Temple Pilots) alla voce. I trascorsi dei singoli musicisti ovviamente continuano a garantire un consistente seguito al rock tra hard, grunge e metal dei Velvet Revolver, la cui formula però suona risaputa e poco innovativa.

Kelly Rowland - Ms. Kelly (USA album #6)
Like This - Kelly Rowland feat. Eve (UK singoli #10)
Ovviamente dopo Beyoncé, la Rowland è quella che tra le ex Destiny's Child ha ottenuto finora i miglior risultati. A cinque anni da "Simply Deep", "Ms. Kelly" è il suo secondo album in proprio, lanciato dal singolo "Like This", con la partecipazione di Eve e tuttora anche nei top 10 britannici. C'è poco da dire: il suo r&b contemporaneo è ben confezionato per il pubblico a cui si rivolge.

A Bay Bay - Hurricane Chris (USA singoli #8)
Ecco quando il cosiddetto "gangsta rap" si fa davvero inconsistente e, per i miei gusti, irritante. Il rapper della Louisiana sfrutta un suono vocale fino all'inverosimile senza aggiungere alcunchè di personale, di artistico o presunto tale.

Bartender - T-Pain (USA singoli #10)
Tratto dal secondo album del 22enne cantante della Florida, "Epiphany" (che ha debuttato al numero 1 qualche settimana fa), "Bartender" è un esempio di moderno r&b tutto sommato ben confezionato, e che aggiorna il dizionario sonoro di gente come i Cameo e Bobby Brown. Non manca, come di consueto nelle sue canzoni, un uso piuttosto intenso della "talk box", quella diavoleria che filtra elettronicamente la voce e fece la fortuna di Cher ai tempi di "Believe" e dei nostri Eiffel 65 con "Blue".

The Chemical Brothers - We Are The Night (UK album #1)
Nonostante il singolo "Do It Again" abbia mancato di un soffio (la sua scalata si è fermata al n. 12) i top 10 dei singoli britannici, "We Are The Night" è il quinto album consecutivo (su sei in studio pubblicati) a debuttare al primo posto. Tra le collaborazioni al nuovo lavoro del duo elettronico di Manchester, quella con i Klaxons in "All Rights Reversed" (qui linkata), e i cameo di Willy Mason e Midlake, nuovi rockers però ispirati da una certa tradizione americana.

Crowded House - Time On Earth (UK album #3)
Si sa, l'Inghilterra è la patria dei Beatles, e poi di grandi artigiani del "pop-rock d'autore", da Elvis Costello al dimenticato Joe Jackson, e così via. E' così che musicisti come i neozelandesi Crowded House, fuori da ogni trend e senza un'immagine che sia di questi tempi "vincente", riescono a mantenere un seguito consistente di cultori, appassionati semplicemente alla loro musica: per intenderci, se uno come Mario Venuti fosse britannico, lì sarebbe davvero (e meritatamente) una star... Noto (si fa per dire) in Italia soprattutto per la canzone "Don't Dream It's Over" (del 1986, tradotta in italiano da Venditti due anni dopo come "Alta marea"), il gruppo di Neil Finn (che ha radici negli Split Enz dell'era-new wave), torna con "Time On Earth", il primo disco dopo la recente "reunion" a 14 anni dal precedente lavoro in studio, e ne conferma le raffinate qualità.

When You're Gone - Avril Lavigne (UK singoli #3)
Ammetto di avere una forte antipatia personale per la Lavigne. In più trovo che la sua carriera finora riassuma molto semplicemente il peggio di ciò che è capace di esprimere l'odierna industria discografica: incapace di esprimere qualsivoglia qualità, ruffiana nel cavalcare le tendenze (vedi gli inizi da presunta punk, peggio della prima Anna Oxa...), insuperabile nella capacità di sfornare dischi (e videoclip) ad intervalli regolari e con lo stampino, di diabolica efficacia quando si tratta di finire nelle pagine dei gossip tra flirt assortiti, liti con paparazzi, vegetarianismo posticcio e foto in topless. E questa insipida ballata non fa nulla per modificare la mia opinione.

Soulmate - Natasha Bedingfield (UK singoli #7)
Niente male, soprattutto considerando che arriva dalla stessa interprete di canzoni "usa-e-getta" di formula r&b/pop come "These Words" e la recente "I Wanna Have Your Babies". "Soulmate" è il secondo estratto da "N.B.", il secondo album della 25enne cantante/autrice londinese, ed è una canzone d'atmosfera ben arrangiata e interpretata, che potrebbe benissimo figurare nei repertori di ben più celebrate star internazionali.

Big Girls Don't Cry - Fergie (UK singoli #8)
La voce femminile dei Black Eyed Peas fa inevitabilmente centro con questa ballata che ne mette in risalto la voce, anche se si poteva fare qualcosa di più in fatto di originalità... L'ingresso nei primi dieci è aiutato in una certa misura anche dalla partecipazione della stessa al "concerto per Diana" tenutosi a Wembley pochi giorni fa e che ha causato molti reingressi nelle posizioni sottostanti, il più clamoroso dei quali è quello di Puff Daddy con "I'll Be Missing You" al numero 32.


MEXICO CHARTS

Con 33 milioni di CD venduti (più del doppio che in Italia, i dati sono del 2005), il mercato discografico messicano è tra i 12 più importanti del mondo, e il più grosso dell'America Latina (secondo questi dati, superiore persino al Brasile), pirateria a parte. Anche le classifiche messicane, che prendiamo in considerazione questa settimana nello spazio "a rotazione" risentono di una certa "globalizzazione" della musica pop, con i dischi in inglese di Maroon 5, Avril Lavigne e Gwen Stefani. Ovvio invece che le star mondiali della musica latina -Shakira, Enrique Iglesias- compaiano qui con il proprio repertorio in spagnolo. E a trainare il best-seller mondiale di Miguel Bosè qui ovviamente c'è il suo duetto con Julieta Venegas, nata a Long Beach ma cresciuta a Tijuana...

Alejandro Fernández - Viento A Favor (Messico album #1)
Te voy a perder - Alejandro Fernández (Messico singoli #2)

Guidato dal singolo "Te voy a perder", che ha appena ceduto la vetta a Syntek, il nuovo album di colui che è soprannominato il "potrillo" (puledrino) del Messico contiene anche il prestigioso duetto con Beyoncé "Amor Gitano". Nonostante Alejandro sia l'ultimo dei tre figli di Vicente Fernández (leggenda vivente della musica mariachi), il suo stile melodico non sfigurerebbe al confronto di certi nostri cantanti "sanremesi".

Intocable - Aleks Syntek (Messico singoli #1)
Al secolo Raúl Alejandro Escajadillo Peña, il cantautore e produttore messicano, oltre a un volto di vaga somiglianza con Michele Zarrillo, ha alle spalle una carriera ventennale della quale il nuovo album "Lèccion de vuelo" è solo il capitolo più recente. Curiosamente, sia questa canzone che quella di Fernández poggia su altrettanti riff (qui la chitarra, lì il piano) che sembrerebbero mutuati dal pop britannico di band come i Coldplay. E' solo una mia impressione?

Settimana precedente: Chart Internazionali 2007/ Giugno (4a settimana)

1 commento:

emanuele ha detto...

1.AVRIL è BRAVISSIMA LA SUA CARRIERA è STUPENDA...LEI NON FA DISCHI PER VENDERE MA PERCHè LE PIACE DIVERTIRSI SUL PALCO CON LA SUA MUSICA 2.AVRIL NON HAI MAI DETTO DI ESSERE PUNK O ROCK O POP...LEI è AVRIL LAVIGNE...è BASTA IL NOME...CIAO