01 luglio 2007

Hit Parade Brani 2007/ Settimana n.26 del 30 Giugno

Parlami d'amore dei Negramaro si conferma al nr. 1 della classifica dei brani di maggior successo della settimana (periodo dal 17 al 23 giugno 2007).



Classifica Brani, Settimana n.26 - 2007
(quando disponibile, cliccando sul titolo si aprirà una nuova finestra dove viene eseguito il video clip del brano).

PosPos-1TITOLOINTERPRETEScore
11Parlami d'amoreNegramaro100
22Bruci la cittàIrene Grandi94
38Relax (Take it easy)Mika69
43La compagniaVasco Rossi56
54EverythingMichael Bublè51
69UmbrellaRihanna feat. Jay-Z49
711Makes me wonderMaroon 547
85Say it rightNelly Furtado feat. Timbaland46
913AdrenalinaFinley46
106Grace KellyMika43
1114Ordinary dayDolores O'Riordan43
1219GirlfriendAvril Lavigne39
1315What I've doneLinkin Park38
1412Si tu no vuelvesMiguel Bosè & Shakira37
157Beautiful liarBeyoncé feat. Shakira37
1610Torno subitoMax Pezzali36
1723How to save a lifeFray35
1821CandymanChristina Aguilera33
1920Cupid's chokehold (Breakfast in America)Gym Class Heroes feat. Stump31
2017Come Vasco RossiGaia e Luna30
2128Un KiloZucchero30
2216PensaFabrizio Moro28
23^Cambio direzioneFrancesco Renga26
24^SognamiBiagio Antonacci25
25^MonsoonTokio Hotel24
26^Do it againChemical Brothers23
2722Que hicisteJennifer Lopez22
28^Lascia stareBiagio Antonacci22
2918La paranzaDaniele Silvestri22
3024Ti scatterò una fotoTiziano Ferro21

LEGENDA: Il simbolo ^ denota i brani non presenti nella settimana precedente. L'ultima colonna rappresenta un indicatore che misura relativa di un successo di un brano, posto uguale a 100 quello in prima posizione E' disponibile una nota metodologica che illustra i criteri utilizzati per l'elaborazione della classifica.

Innanzitutto un saluto caloroso a tutti i frequentatori di Hitparadeitalia e un ringraziamento a Chartitalia, che da questa settimana mi passa il testimone per il commento settimanale alla Hit Parade Brani. Spero di non farlo rimpiangere troppo.

Seconda settimana in vetta per Parlami d'amore dei Negramaro, che -la Grandi permettendo- si avviano a diventare i re dell'estate 2007, complice la forte credibilità presso il pubblico più giovane, un considerevole seguito live e il marketing neanche troppo aggressivo della casa discografica di "casco d'oro".

Continua ad avanzare, al di là dei suoi effettivi meriti, Relax (Take It Easy) di Mika, che forse ha il pregio di essere una canzone pop leggera quanto basta per la stagione estiva, e si affaccia nei top 10 Adrenalina dei Finley, che il sempre astuto Cecchetto sta guidando verso il target adolescenziale che digerisce con sempre maggior facilità il punk-pop di scuola Green Day (ma anche la nuova ondata "emo" di My Chemical Romance e compagnia...). Un po' come quando a un certo punto degli anni '60 il beat italiano scimmiottava i modelli inglesi: la storia si ripete...

Oltre ai ritorni di Lascia stare e Sognami (quest'ultima, malinconica e piacevole, è da qualche settimana anche il suo nuovo "singolo radiofonico" ufficiale) di Biagio Antonacci, ci sono tre nuovi ingressi veri e propri. Il più alto è per Francesco Renga, con una Cambio direzione che, al solito, pare tagliata apposta per le sue non comuni corde vocali e che con strategia insolita anticipa di ben 4 mesi l'uscita del prossimo album "Ferro e cartone".

A seguire, i tedeschi Tokio Hotel con Monsoon. Fatto inusuale, quello che una rock band germanica conquisti il pubblico italiano. Forse avrà aiutato il look androgino del cantante (sì, è un uomo!) Bill Kaulitz, o ancora l'avere scimmiottato in maniera più banale lo stile di band come i Placebo. Che al confronto sembrano dei geni.
Infine i Chemical Brothers: raro caso di progetto dance "longevo", da ormai una dozzina d'anni continuano ad essere tra i pochissimi esempi di come portare la musica da club più innovativa al grande pubblico e anche a vendere album in mezzo mondo. Do It Again, che anticipa il nuovo "We Are The Night", ospita la voce di Ali Love, indicato dagli addetti ai lavori britannici come uno dei nomi nuovi di prossima affermazione. Staremo a vedere...

by Pop!

Ci piace
  1. Bruci la città - Irene Grandi
  2. Candyman - Christina Aguilera
  3. Si tu no vuelves - Miguel Bosè & Shakira

Non ci piace

  1. Come Vasco Rossi - Gaia e Luna
  2. La compagnia - Vasco Rossi
  3. Adrenalina - Finley
Alla prossima.

Classifica settimana precedente: Hit Parade Brani/ Settimana n.25 del 23/06/2007

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Ero lì lì per cliccare sul link dei Tokio Hotel, quando ho letto ciò che hai scritto ed i miei tendini sono repentinamente imbalsamati.
Se questo nuovo sapor di krauti, si gusta davvero peggio del pudding di Molco e soci, i Tokio Hotel rischiano di divenire per la musica, ciò che Abu Grahib è stato per la dignità dell'uomo. Comunque adesso vado a dare un occhiata...
Uhm, non so se l'intero album possieda il medesimo spessore, ma per quanto riguarda questo pezzo, mi viene da dire che regala la stessa sensazione di vuoto che ti pervade, quando vuoi fare una doccia ma dal miscelatore esce soltanto una gocciolina d'acqua, perchè in strada stanno cambiando le tubazioni e quindi hanno tagliato il servizio. Uno a zero per te.
Negramaro vuol dire reggiseni e chiome al vento, ma il profumo di salsedine che accompagna gli eventi memorabili di ogni estate, stavolta mi pare meno intenso. Siamo già alle rime fiore cuore, per non parlare dell'intro, che mi prima o poi ricorderò dove l'ho già sentito...
Irene Grandi viaggia verso il quindicesimo anno di carriera, facendo tappa (nel video) a Secondlife, per cantare questo bel pezzo. Se si tratti del punto di partenza per una vita nuova, oppure soltanto un nuovo episodio non so. Mi pare comunque che da "Sposati subito" e "Se mi vuoi", di strada ne abbia percorsa tanta. Insomma è una delle poche artiste capaci di rinnovarsi (almeno secondo me).
Fortuna che di Rossi c'è pure Valentino, almeno abbiamo qualcosa per cui ancora esaltarci. Per Blasco no comment.
I Finley non rappresentano il genere di musica che preferisco, ma li ho visti quando il Festivalbar ha fatto tappa nella mia città e devo dire che a dispetto dell'età, sanno tenere bene il palco. Cecchetto riconferma la sua bontà di talent scout, nonostante la sua carriera sia stata pesantemente messa alla prova da Francesco (che cmq mi piace perchè è un personaggio allegro e positivo).

ciao

Anonimo ha detto...

Per i bambini cinesi e pakistani messi a cucire i palloni della Nike, si sono indignate le masse.
Di Gaia e Luna che vogliamo dire?

Michele C. ha detto...

Ecco cosa mi piace e cosa non mi piace della classifica di oggi:

Cosa mi piace:
-Parlami D'amore (Negramaro)
-Bruci la città (Irene Grandi)
-How to save a life (The Fray)

Cosa Non Mi Piace:
-Relax(take it easy)(Mika)(straplagio sia di "I Just died in your arms" dei Cutting Crew che di "Spacer" di Sheila & B.Devotion)
-Adrenalina (Finley)
-Come Vasco Rossi (Gaia e Luna)(canzone idiota e da "Zecchino D'Oro".A 'sto punto aridatece Cicciolina e la sua "Muscolo Rosso"(ve la ricordate?)).

Anonimo ha detto...

Il campionamento dei Cutting Crew nel pezzo di Mika è dichiarato nei credits dell'album.

ilgmk ha detto...

Allora... I Tokio Hotel hanno con sta canzone (versione tedesca) la vetta della classifica tedesca nel 2005. Da allora son definiti dai teen agers teutonici "la band più grande del mondo" (sti teen agers! Sarebbe opportuno impedire loro di comprare/scaricare dischi!;)

Il pezzettino è senza personalità, probabilmente nessuno l'avrebbe notato se non fosse per il look androgino del cantante Bill. E qui mi pongo un dubbio... Possibile che a 35 anni di distanza da Ziggy Stardust (vera bomba scagliata nell'Inghilterra dei primi anni '70), a 25 da Boy George (commerciale finché si vuole, ma considerate cos'era l'America Reaganiana dei primi anni '80) e 10 anni dopo i Placebo (che praticamente han ripreso il glam rock accentuandone, almeno nei primi due album, gli aspetti sessuali) basti ancora così poco come un look androgino per vendere dischi? Mah... Evidentemente le regazzine amano i ragazzini che sembrano ragazzine... (mi sembra il ritornello di "Girls & Boys" dei Blur...)

In ogni caso il paragone con i Placebo mi sembra un pò fuori luogo, immagine del cantante a parte (che tra parentesi dice di non essere assolutamente gay e di esprimersi con il trucco e i vestiti - evidentemente la musica non basta).

Riguardo a Mika...

In effetti il pezzo dei Cutting Crew è un campionamento dichiarato, cosa che ormai fa parte della pratica pop da lunghissimo tempo e che non trovo una cosa negativa in sè. Nel caso in questione direi che alla fine il risultato è più che discreto, assemblando parecchie cose a destra e manca, come già faceva "Grace Kelly" con gli anni '70.

D'altra parte, a un artista dichiaratamente derivativo e a un pezzo che pesca a piene mani dal sound anni '80 non si può chiedere l'originalità...

Analogie melodiche a parte, lo trovo molto debitore della cover di "Confortably Numb" ad opera degli Scissor Sisters (il cui successo ha presumibilmente aperto le porte delle case discografiche proprio a Mika).

Insomma, il ragazzo copia, ma lo fa bene:)

Per il resto, la classifica è piuttosto triste nell'insieme. Sicuramente meno divertente di quella inglese, dove solo sta settimana ci son 4 nuovi artisti che debuttano in top 10. Dureranno? boh? Ma siamo così sicuri che "durare" nel mondo del pop sia una cosa positiva? Vista la gerontocrazia che affligge da anni la classifica italiana, il pop usa e getta delle one hit wonder non mi sembra il male peggiore...;)

Ciao!

ilgmk ha detto...

perdono: nella prima frase va aggiunto "raggiunto"...

pop! ha detto...

ilgmk: mi leggi nel pensiero!

Da mercoledì inizierò a curare in una nuova sezione di questo sito un commento alle classifiche internazionali e ieri sera, dopo aver ascoltato la nuova chart britannica, ho buttato giù degli appunti nei quali sono arrivato a conclusioni molto simili alle tue: ormai in Italia siamo all'equazione "giovane=stupido/inconsistente". E poi ci meravigliamo se altri Paesi (persino la Francia o i Paesi scandinavi) esportano molta più musica di noi...
Rispetto al suono dei Tokio Hotel, un altro paragone plausibile potrebbe essere quello con gli Evanescence. Per quanto questi ultimi non mi piacciano, mi sembrano comunque inferiori anche a loro.

lorenzo ha detto...

Il pop usa e getta degli one hit wonder se ben fatto è una cosa molto piacevole. Sì la chart italiana è non solo affetta, ma anche assuefatta dalla gerontocrazia: che non é automaticamente un difetto, ma purtroppo si dimostra tale. Gli artisti della vecchia guardia ormai vanno avanti per inerzia e pubblicano continuamenye nuove declinazioni delle stesse canzoni di 10, 20, 30 e oltre anni fa. Di De André ce n'era uno solo.
La cosa paurosa è che di ciò ne sono affetti anche artisti più giovani come Tiromancino, Negramaro, N.Fabi, M.Gazzé, T.Ferro, Zero Assoluto, Meneguzzi ecc. che una volta trovata una ricetta di successo non fanno altro che autoplagiarsi riscrivendo più o meno sempre la stessa canzone.
Non parliamo poi degli artisti giovani che iniziano ad affermarsi e che ai ragazzini possono sembrare "bravissimi" e le loro canzoni "bellissime" (mai meno che superlativi!), ma che in realtà sono di una pochezza: Daniele Battaglia, Studio3, PQuadro, Dennis, Modà, Finley, Tormento solo per citarne alcuni

ilgmk ha detto...

per Pop!:

Mi fa davvero piacere che si apra una sezione dedicata alle charts internazionali! Riguarderà solo le charts contemporanee o son previsti anche viaggi nel passato tipo "voli charter"? In caso affermativo, se mai ti servisse una mano son a disposizione, dispongo di un discreto archivio:)
Buon lavoro!
Marco

chartitalia ha detto...

@ilgmk:
contattami all'indirizzo email che vedi in alto a destra nella pagina così ci mettiamo d'accordo su come procedere
ciao

Anonimo ha detto...

io amo solo
VASCO ROSSI!!!!!!!!!!!!!!!!

BY CHERRY AL ROXY