10 settembre 2007

La faccia come il culo 3/ Tommaso Padoa Schioppa

Omaggio pressochè obbligatorio a questo degno rappresentante della classe padronale all'interno della composita coalizione del centro-sinistra. Della serie: con uno così nell'esecutivo che bisogno ha la grande industria e/o la grande finanza di appoggiare la destra? Il figuro qui a sinistra è quello che continua a sottostimare il gettito fiscale, o a cannare sistematicamente le previsioni, lasciandoci nel dubbio se è uno che proprio sta brancolando nel buio o se ci sta turlupinando di brutto. Da cui la dedica in questa serie.

Beh, il TPS (Tommaso Padoa Schioppa) in questi giorni ci sta rassicurando che "non aumenterà le tasse". Beh, se è per questo l'aveva detto anche con la scorsa finanziaria, anzi aveva anche detto che sarebbero leggermente diminuite, salvo che per i riccastri. Se adesso dice che non aumentano, cosa dobbiamo aspettarci?

La faccia da culo deriva dal fatto che fa finta di non sapere che esiste una legge dello stato che dice che il maggior gettito fiscale va utilizzato per la diminuzione della fiscalità generale. E visto che ogni trimestre sistematicamente si riscontra che vi è stato un maggior gettito fiscale (i famosi "tesoretti") non capisco perchè tutto questo gran dibattito su come utilizzarlo.

Il fanciullo (si fa per dire, neh...) che si picca di passare per il custode dei conti pubblici, è quello che ha regalato, nel silenzio quasi totale, decine e decine di miliardi pubblici alla classe padronale tagliando il cosìdetto cuneo fiscale. Per i pochi che non lo sapessero, con tale orrenda espressione si indica la differenza tra quanto l'azienda paga per avere i servizi di un lavoratore e quanto di quei soldi vanno a finire in tasca al lavoratore. Orbene, il taglio c'è stato ma solo sul versante dei datori del lavoro mentre i lavoratori non riceveranno un solo centesimo in più da tale taglio: in altri termini, la detassazione c'è stata solo per gli industriali.

Non solo. Essendo intevenuta l'Europa che ha detto che era illegale tagliare le tasse solo per l'industria, il taglio del cuneo fiscale è stato esteso anche a banche ed istituti finanziari, concessionarie di servizi pubblici e monopolisti quali ENI, Enel, Autostrade e simili. Insomma una combriccola che realizza utili record sfilando quello che vuole dalle tasche degli italiani.

Ma quando si tratta di restituire un minimo di potere d'acquisto alla metà del paese che ha tirato la cinghia in questi anni, se ne viene con il ritornello dei conti pubblici da risanare. Be' quasi quasi, visto le sue difficoltà, gli do' un consiglio: perchè non prova con la tasssa sul macinato?


"La faccia come il culo/ TPS Extended Play

PADOANA - Vincenzo Capirola [1474 - 1548]
'O FISCO - Nino Taranto
IL TASSAMETRO - I Gufi
TI TAGLIO I VIVERI - Banco del Mutuo Soccorso
MAZURKA DELLE TASSE - Novalis
QUESTO PAZZO PAZZO PAZZO MONDO DI TASSE - Afterhours
PAGO LE TASSE - Er Piotta


Articolo precedente della serie: Clemente Mastella

19 commenti:

Marcello ha detto...

Lo avete eletto e ora piangete... noi vi avevamo avvisato nella primavera 2006, solo che ora purtroppo sono cacchi sia vostri che nostri. Sob che amarezza.

chartitalia ha detto...

Caro,
io non ho eletto nè Padoa Schioppa nè qualsiasi altro componente di questa maggioranza: come sai, la legge approvata dai tuoi beniamini me l'ha impedito. Possibile che ti debba sempre spiegare l'abc?

La sola cosa che potevo scegliere era la maggioranza da mandare al governo e questo ho fatto e la confermo al 110%. Per un motivo semplicissimo: l'alternativa sarebbe stata consegnare il paese per altri 5 anni alla banda bassotti dell'innominabile + calderoli + schifani + gasparri + bondi + bossi + castelli; insomma, ci siamo dimenticati i 5 anni precedenti?

al contrario di te, io non milito in alcun partito della maggioranza: se questa include dei personaggi che non hanno il mio consenso, lo dichiaro esplicitamente; e come vedi, ve n'è più di uno che non mi garba

va be', comunque prendo atto che tu sei in campagna elettorale permanente: rassegnati, le elezioni sono ancora molto distanti.

Marcello ha detto...

Per la cronaca neanch'io sono iscritto a nessun partito, nè penso di esserlo in futuro.

Io tifo solo per la libertà del cittadino e ne vedo assai di più nelle idee del centro destra.

Alex_Vr ha detto...

ma quali libertà difende il centro destra, quali? Le libertà delle minoranze? No. La salvaguardia dei diritti individuali o la libertà della ricerca? No. La libertà di avere famiglie diverse da quella tradizionale? No. La libertà dalla Chiesa? Nemmeno.
Non profaniamo la parola "libertà", per favore, solo perché il centrodestra difende le TUE libertà e non quelle di TUTTI.
Vuoi votare centrodestra per non pagare tasse? O perché sei imprenditore? Fallo, ma non chiamarlo "libertà".
Grazie

Marcello ha detto...

Per la cronaca non sono imprenditore e pago onestamente (fino ahimè all'ultimo centesimo)più tasse di te, probabilmente.

Le libertà che difende il centro destra sono quelle fondate per esempio sul lavoro, sulla disciplina e sulla legalità, molto diverse da quelle dell'okkupazione selvaggia, dello sciopero a go-go, dello spinello libero e dello statalismo/assistenzialismo alla massima potenza a cui forse tu ti ispiri.
Io credo in ben altri valori, pur non avendo un'impresa, nè essendo milionario. Ma pensa te...

Senza rancore, ovviamente :-)

PS: non mi sembra che la tua amata sinistra sia così paladina delle libertà che citi... mi pare che la stupenda coesione dello schieramento porti divergenze di vedute su ogni tematica... ma sicuramente mi sbaglierò :-P

Anonimo ha detto...

Marcello io sono di destra, ma questa destra è fatta da escrementi i quali con i valori della destra non hanno nulla da spartire. Quale libertà è stata garantita ai lavoratori dalla destra? La legge Biagi, ammesso che quel pover'uomo l'abbia scritta così come è stata messa in pratica, ha privato i neo assunti di qualsiasi tutela e probabilmente i vecchi dei loro risparmi. In merito alla legalità, ti invito a leggere il profilo del senatore Antonio D'ALI', il cui pedigree non ha nulla da inviare al Padrino di Marlonbrandesca memoria. Come puoi essere credibile, se dopo aver elaborato una normativa pesantemente repressiva contro gli spinelli, finisci a sniffare cocaina nel sudiciume di un albergo, accompagnato dalla puttana di turno? Giorni fa ho scoperto che sinanche Fermo adesso fa provincia. Ciò significa altri impiegati statali da sfamare, altra cancelleria da acquistare, altre spese da non poter sostenere. Cos'ha fatto la destra per impedirlo?
Qua non si tratta più di definizioni, ma di un corpo unico e imputridito, che dalla svendita dei beni statali agli indulti, se ne strafrega degli interessi della gente comune e di qualsiasi valore. In una qualsiasi azienda, come in qualsiasi altro paese civile, un amministratore che generi mille miliardi di debito, avrebbe il buonsenso di levarsi dalle palle. Qua invece si parla di nuove elezioni, in cui la nuova libidine è la signora Brambilla!!!

Michele C. ha detto...

Non so voi ragazzi,ma a me è passata proprio la voglia di scrivere in questo blog non per quello che scrive Chartitalia o Verdier ma per quello che scrivono certi utenti "astiosi" e poi mi sembra impossibile non che un blog gestito da uno "di sinistra" sia così frequentato da gente "di destra",ma che un blogger SOLO per aver espresso(un po' acremente ad esser sinceri) le sue idee si sia creato così tanti nemici.
Io andavo su questo blog solo perchè ero consapevole di stare in mezzo a delle persone adulte e non a dei ragazzini dell'asilo che appena sentono uno che esprime un parere diverso si incazzano,insultano,fanno i capricci e appena possono lo fanno apparire come un deficiente.Ci manca solo la frase "...llallallà non ti sento..." ed abbiamo completato.

Purtroppo questo blog (dalle risposte degli utenti) è proprio lo specchio(in negativo) della nostra società:Strapieno di rancore(nei confronti di chi la pensa diversamente),strapieno di voglia di litigare anzichè di fare un confronto SERENO,CIVILE ed EDUCATO,strapieno di supponenza,strapieno di bullismo(come lo definireste voi uno che pretende di aver ragione urlando e mostrandosi strafottente?),strapieno di mancanza di obiettività,strapieno di populismo e strapieno di chiacchiere da bar veramente nazionalpoplari.E con questo ho chiuso con questo blog e non stupitevi(e non lamentatevi) di quello che ho scritto,visto che io (se si esclude la mia risposta su "No.Non è un ex-idiota")sono sempre stato estremamente moderato.

E con questo vi dico addio.

chartitalia ha detto...

@Michele C.:
beh, come diceva il poeta: "guarda e passa e non ti curar di loro" (o qualcosa del genere)

d'altronde, non puoi mica pretendere che se è uno è cialtrone dentro, non cialtroneggi fuori

Anonimo ha detto...

Una curiosità.
I Senatori eletti dagli italiani all'estero che fanno approvare leggi sulla tassazione in Italia, DOVE PAGANO LE TASSE???!!!

Alex_Vr ha detto...

Non ci si può vantare di essere paladini della libertà (tanto da metterlo come nome di un raggruppamento politico) se non lo si è davvero. E ,ripeto, di tutte le libertà, non solo diuna selezione di libertà. Se no chiamiamola "Casa delle libertà accuratamente selezionate". Non mi parlare di difesa della legalità di una destra o di una sinistra come la nostra (a proposito di legalità, il Belgio ha spiegato un paio di cose a Borghezio su cos'è la legalità, forse in Italia non ci era abituato). Quanto all'essere di destra o di sinistra: mai detto di esserlo, e me ne guardo bene, come mi guardo dal dirmi di centro o di destra; in Italia è assolutamente lo stesso: da An attraverso la Lega e Forza Italia, fino al Pd e a Rc è tutta un'unica enorme Democrazia Cristiana che non ha mai difeso alcuna reale libertà che non fosse puramente nominale. Nessuna libertà per nessuno o troppa libertà solo per alcuni... ecco cosa propongono i nostri partiti.
Infine mi fanno schifo i centri sociali almeno quanto i club di imprenditori forzaitalioti e non ho mai fumato uno spinello in vita mia; puoi dire altrettanto dei nostri parlamentari (di sedicente destra e di sedicente sinistra)? No. Ma si vede che loro questa libertà ce l'hanno... hanno pure quella di tirare coca e andar a battone...
evviva la libertà!

Anonimo ha detto...

Michele C
con tutta la simpatia che posso....ma ti sei letto?
A me sembri proprio tu quello che si sbizzarrisce ad etichettare questo e quell'altro, nella convinzione di aver compreso tutto su come la società moderna sia fatta. Populista qua, supponente di la, le dita nelle orecchie e non ti sento, certi utenti astiosi...
Mi pare che i primi astiosi siate tu ed il tuo compare chartitalia, che non manca mai di dare del cialtrone (se non eliminare i commenti) a chiunque risieda fuori i confini del suo ego.

Anonimo ha detto...

Sentite questa: per lavoro mi trovo spesso a frequentare i tribunali, e ad avere a che fare con carte bollate.
Per estrarre copie di atti, così come per emettere cambiali, ecc., spesso bisogna apporre una marca.
Capita sovente di dover apporre tagli, previsti per legge, di 0,77 €., 0,81 €., ecc.: insomma, tagli di marche da bollo inferiori ad un euro.
Dal 01 settembre 2007, l'attuale governo - che non vuole aumentare le tasse! - ha deciso non di aumentare i costi delle marche da bollo da apporre (quelli rimangono invariati, così le tasse non aumentano!), bensì di vietare ai tabaccai il rilascio di qualsiasi marca da bollo del valore inferiore ad un euro!!!
Devi estrarre copie per l'ammontare di 77 centesimi? Paghi un euro!
Devi apporre una marca del valore di 52 centesimi? Paghi un euro!
Devi validare una cambiale apponendovi marche per centesimi 81? Paghi un euro!!
La differenza la pappa lo Stato, alla faccia dei cittadini e di chi crede che questo governo non aumenti le tasse!
Stefano

Anonimo ha detto...

e anche se le aumenta? Se è un bene per lo stato ben venga...

Luca

Marcello ha detto...

E' un bene solo per il conto in banca della classe politica, per lo stato non cambia nulla. Noi paghiamo sempre di più e loro si godono i benefici sempre maggiori. Che amarezza.

Anonimo ha detto...

e allora smettiamo di votarli, invece di passare il tempo nei blog a difendere destra e sinistra...
Luca

Marcello ha detto...

Secondo il ministro dell'Economia Padoa-Schioppa "le tasse sono una cosa bellissima, un modo civilissimo di contribuire tutti insieme a beni indispensabili quali istruzione, sicurezza, ambiente e salute".

Ecco TPS, allora paga anche le mie, visto che ti piacciono tanto. Che schifo. Che schifo. Che schifo. "Le tasse sono una cosa bellissima, un modo di far campare i politici e la loro gang mentre noi ci facciamo un mazzo tanto", questa era la vera definizione.

Anonimo ha detto...

se un "grande uomo" che rappresenta il governo se ne esce con certe frasi a dir poco assurde,io comincerai a pensare se i "bamboccioni" sono i giovani che lottano per costruirsi un futuro o se in realtà i veri bamboccioni sono proprio quelli che dicono certe stronzate

Anonimo ha detto...

Sono un "bamboccione" di 51 anni che grazie a gentaglia come te Tommaso Pado-Schioppa, è costretto a vivere a casa dei genitori, 51 ANNI CAPITO?
E' facile parlare quando si ha un CONGRUO stipendio a fine mese, peraltro pagato dai cittadini. VERGOGNATI!! Se invece di avere un posto al sole che hai grazie al papponaggio che fate voi politicanti con i NOSTRI soldi. Vi trovate d' accordo solo quando dovete ritoccare verso l' alto la ricotta che fate sulla pelle di chi lavora (leggi VOSTRI STIPENDIONI GIGANTI), Dimmi, dove ti troveresti se non avessi il posto superprevilegiato che grazie agli scemi che ti hanno votato ti trovi? Sono sicuro che saresti uno dei primi "bamboccioni" di questo paese, e alla veneranda età di 67 anni staresti ancora chiedendo a mammà i soldi per il cinema o la pizza con gli amici. Prima di parlare di chi ti da da vivere sciacquati la bocca col vetriolo, sei un rifiuto del Cottolengo e ti permetti anche di parlare con spocchia infinita ai figli degli scemi (NOI) che ti danno da vivere, prof. TPS fammi un favore personale e fallo all' Italia tutta: "Mettiti davanti ad uno specchio e sputati in faccia" il popolo te ne renderà merito.
PS
Se ti piacciono tanto ler tasse come dici paga pure quelle dei miei genitori di 82 anni che si trovano a dover campare un figlio di 51 ed un nipote di 27 anni, orfano di entrambi i genitori perchè gente schifosa come te se ne fotte altamente della sorte del popolino.

Mauro Gasperini
greatgasby56@yahoo.it

perchè tu sappia chi te le manda a dire queste cose, io la mia responsabilità su quello che dico me la prendo.
A quando la vostra?
Veltroni ha detto che la tua è stata una battuta infelice, ma di infelice io vedo solo te, quello che hai detto lo pensavi percio ti auguro quanto di peggio ti possa succedere, e se come si dice le bestemmie arrivano, conto di vederti fuori dalle palle quanto prima. Con tutto il cuore: "CREPA"

Anonimo ha detto...

Diciamo che le stronzate di Padoa-Schippa fanno coppia con quelle di Tremonti. Come votiamo siamo nella melma
Luca