03 settembre 2007

La faccia come il culo 2/ Clemente Mastella

Seconda puntata della nostra serie dedicata alle facce di tolla, o di bronzo o toste. Insomma quelli che non mostrano alcun imbarazzo sulle panzane che eruttano a getto continuo. Il senatore, nonchè ministro della giustizia (rigorosamente in minuscolo per adeguarci alla statura del personaggio), Clemente Mastella, meriterebbe un intero blog dedicato alle sue tante sparate. Qui accanto lo vedete mentre si esercita in una delle sue attività preferite: la difesa dei valori della famiglia, suppongo.

Comunque, il nostro Clemente ha recentemente minacciato per la 154-esima volta di far cadere il governo se...
Il "se" di questa volta riguarda la partecipazione di ministri della maggioranza ad una manifestazione pubblica. Cioè, farebbe cadere il governo se qualche ministro della cosìdetta "sinistra radicale" partecipasse alla manifestazione a sostegno del welfare e del lavoro. Il ragionamento del genio di Ceppaloni sarebbe che "se si è al governo" non si può partecipare ad una manifestazione in contrapposizione alle scelte del governo. Opinione opinabile, appunto, ma che sarebbe degna del massimo rispetto se vi si attenesse non a giorni alterni.

Giova infatti ricordare che il suddetto Clemente, appena pochi mesi fa, fu uno dei più attivi partecipanti alla manifestazione clericale del Family Day che si opponeva ferocemente al progetto di riconoscere qualche diritto alle coppie di fatto, tematica che era nel programma di governo sottoscritto dal Mastella stesso. Per rinfrescargli la memoria, riportiamo qui a destra un edificante manifesto con cui le truppe mastellate erano mobilitate per la partecipazione alla manifestazione del Family Day, tra l'altro cavalcata dall'intera opposizione.


"La faccia come il culo/ Clemente Mastella" EP

FACCIA DI BRONZO - Bruno Lauzi
DIKIE'S SUCH AN ASSHOLE - Frank Zappa
CADE L'ULIVA - Anna Identici
LE MINACCE I FIERI ACCENTI [da La forza del destino] - Giuseppe Verdi
SEXY ASSHOLE - Brazilian Girls
'A MINACCIA - Enzo Di Domenico


Articolo precedente della serie: Tremonti & Bossi

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Se fossi un culo scriverei al Codacons per tutelare i miei diritti. In faccia a questo maiale non vorrei mai starci.

Baro ha detto...

ma questo una volta non era il blog su Chuck Norris?

Anonimo ha detto...

Grazie a questa schifezza di
Mastella abbiamo questa monnezza di governo

Anonimo ha detto...

ha fatto l'indulto solo per poter prendere i voti delle famiglie dei carcerati che faceva liberare,

Anonimo ha detto...

Oltre ad avere la faccia come il culo, é anche un faccia di merda come tutti (o quasi) i nostri politici....ma cosa si aspetta a fare la rivoluzione?

Clemente Mastella biografia ha detto...

Come fa a parlare di onesta e di famiglia quando il ministro di Indulto e Giustizia ha fatto il testimone di nozze al braccio destro di Provenzano insieme a Cuffaro, mi vergogno per tutti quelli che lo hanno votato.

Sampei ha detto...

per anonimo : la rivoluzione in italia ce la sognamo...siamo un popolo di pecore. Francesi, tedeschi e inglesi ci mangiano a colazione caratterialmente.

saluti

Comitato MAY DAY CALABRIA ha detto...

PETIZIONE MAY DAY CALABRIA

Cari Amici,
per restare uniti contro il MALGOVERNO ED IL MALAFFARE Vi chiediamo di voler firmare la ns. petizione contro tutti gli abusi dei ns. politici.
Loro vivono alle ns. spalle e si permettono il lusso di prenderci per i fondelli dicendo che "il pagamento delle tasse deve renderci felici".
Lo saremmo se avessimo i ns. diritti al pari dei ns. doveri.
Basta con tutto ciò.
Grazie.

http://firmiamo.it/bastaconilmalgovernoedilmalaffaremaydaycalabria

http://maydaycalabria.blogspot.com

Comitato MAY DAY CALABRIA ha detto...

Richiesta del 08/10/07 a Clemente Mastella - http://clementemastella.blogspot.com

Egregio Onorevole Mastella,
non nascondo il mio rammarico quando in serata ho appreso le Sue dichiarazioni, dal Columbus Day, circa il “terrorismo mediatico” italiano (anche se non parlerei mai di “terrorismo” poiché ricorda dei momenti terribili vissuti sino ad oggi dall’intera popolazione mondiale) poiché noi tutti, oggi giorno, dobbiamo subire le Vs. prevaricazioni.
Voi tutti non capite i bisogni dei ceti meno abbienti che non riescono ad arrivare a fine mese con il proprio mensile mentre Voi cercate di ampliare le Vs. indennità.
Non comprendete il malessere dei Giovani che, dopo numerosi sacrifici, non riescono a costituirsi una famiglia per mancanza di uno posto di lavoro nella propria terra natia mentre Voi sistemate i Vs. “amici e parenti” nel migliore dei modi.
Non comprendete il malessere di quei pensionati che vivono sotto la soglia minima di reddito e, in alcuni casi, devono “rubare” nei supermercati per poter mangiare.
Mi auguro che qualcuno di Voi parlamentari decida di entrare nella storia decidendo di ABBANDONARE la propria poltrona DIMETTENDOSI.
Il concetto è questo benché differisca nelle parole scritte nel post del Blog del Ministro della Giustizia Mastella, sperando che quest’ultimo, sulla base del proprio senso democratico, decida positivamente sulla pubblicazione.
A presto, su questo blog, saprete l’esito.

Anonimo ha detto...

la colpa di mastella clemente non è quella di essere "onorevole" ma di essere facente parte di quell'etnia di italiani che adora no i masochisti..difatti,senza costoro, potrebbe a mala pena esere il guardiano di pecore...

Luca ha detto...

Io gli ho dedicato una canzone a Clemente...
http://kabuki.netsons.org/index.php?itemid=65