04 ottobre 2007

Il Ceppalonico

La splendida figura di uomo che vedete qui a sinistra, Clemente Mastella da Ceppaloni, non finisce mai di sorprenderci. E' di ieri la notizia che ha denunciato alla Polizia Postale il sito a lui dedicato, intitolato provocatoriamente mastellatiodio. E dire che il Ceppalonico è lui stesso un blogger, che qualcuno definisce di razza. Già, che razza di blogger.

Questa incarnazione vivente di tutti i mali della nostra politica (nell'ultimo lustro è riuscito a ricoprire il ruolo di ministro sia nel governo Berlusconi che nel governo Prodi), dopo essere stato il principale artefice di quel capolavoro politico dell'indulto che ha messo in libertà decine di migliaia di criminali di tutti i generi, ora vuole mandare in galera chi si limita ad elencare su di un blog le malefatte del Ceppalonico: dalla persecuzione del magistrato De Magistris (che stava indagando sullo stesso mastellino), alle gite su aereo di stato al gran premio di Monza, all'essere stato testimone di nozze di un importante esponente di Cosa Nostra, ecc. ecc.

Beh, il Clementino ha denunciato in diretta TV la persecuzione cui è oggetto dando del "neonazisti" agli autori del suddetto blog. Ora, non sono ferrato in materia, ma non credo che neonazista sia un termine granchè elogiativo. Sospetto che se si va per via legali, a rischiare maggiormente sia più il mastellino che gli autori del blog per i loro articoli satirici. Ma stiamo parlando di carneadi contro il Ministro della Giustizia: e ciò dà un'idea della lotta prometeica che questa poltrona fatta uomo sta combattendo.

Consigliamo al Ceppalonico di impiegare il suo tempo (ovviamente a nostre spese, cui non badiamo) per perseguire altri blog che si occupano della sua persona: Demente Mastella o Clemente Pastella (qui è tutto un magna magna), ed altri che stanno spuntando come funghi.

"Il Ceppalonico" Compilation

UNA POLTRONA, UN BICCHIERE DI COGNAC... - Lucio Battisti
DIVENTA DEMENTE - Skiantos
TUTTI INSIEME LO DENUNCIAM - Edoardo Bennato
GRAN PREMIO - Albatros
IN GALERA! IN GALERA! - Edoardo Bennato
MY DARLING CLEMENTINE - Bobby Darin
LA BALLATA DI SEDIE E POLTRONE - Nino Manfredi
FORMULA UNO FEBBRE DELLA VELOCITA' - Guido e Maurizio De Angelis
NUIT DEMENTE - Andrè Dedjean
VENT'ANNI DI GALERA - Mauro Pelosi
DEL CIEL CLEMENTE ATTO (SCENA DELLA PAZZIA) - da Lucia di Lammermoor di G. Donizetti

3 commenti:

Marcello ha detto...

Che schifo.

Ma un giorno per questi signori finirà la pacchia e magari dovranno andare a LAVORARE....

Spero che prima o poi noi "lavoratori comuni mortali" finiremo di mantenerli.

Anonimo ha detto...

Aveva scritto un post in cui dichiarava che ai lettori del suo blog, non doveva alcuna risposta o spiegazione. Gli ho fatto notare come una risposta simile, significasse non aver compreso appieno la sua funzione, ovvero quella di dipendente al servizio dei cittadini...ai quali, considerate anche le recenti acquisizioni immobiliari, doveva tutto. Sarà stato questo appunto, o il fatto di essermi firmato con lo pseudonimo di O' vassall 'e Ceppaloni...mi ha censurato, come fa con tutti i commenti a lui ostili.
Ieri sera l'ho visto a Porta a Porta. Una delle puntate più vergognose alle quali mi sia capitato di assistere. Un monologo in cui gli unici interlocutori erano Maroni e Sartori, che per quanto autorevole non è esattamente quello da cui attendersi un morso alla giugulare improvviso. Tra le altre cose (adesso ricordo solo questa), ha affermato che i partiti italiani, diversamente da quelli americani, non usufruiscono di contributi privati...
Allora già che c'è...potrebbe pure rimborsare Tanzi & compagnia.

Miguel ha detto...

Ecco che cosa dice Nonciclopedia(una specie di Wikipedia un po' + "seria"(chissà se la conosce Chartitalia :-D)) su Clemente Mastella:

Clemente Mastella, soprannominato affettuosamente Demente, nacque nell'823 a.C. in Svervegia e purtroppo non è ancora morto. Uomo politico (si fa per dire) assai indeciso. Sta a sinistra solo perché a destra c'è l'UDC, anche se voci di corridoio dicono che andrà presto a destra per lo stesso motivo! Si dice cattolico ma sembra che sia stato avvistato mentre pregava su un tappeto in direzione della Mecca. In verità non dovevate vedere verso dove era rivolto ma chi aveva alle spalle!

Storia politica:
Principale esponente del Clientelismo post-democristiano, nostalgico dell'italietta anni sessanta e settanta, provinciale e nepotista fino al midollo, questo grande ed ispirato esponente, prestato dalla Politica ai fumetti e divenuto supereroe della Terronia, lo si può incontrare abitualmente in Parlamento mentre complotta, fa del cul trombetta, ordisce trame e vende al miglior offerente i voti in aula del suo gruppo.

Mastella è famoso per allietare con la propria presenza le cene nei ristoranti bene, dai quali puntualmente esce di soppiatto senza pagare, in quanto suppone che la cena sia "offerta" dal proprietario.

Come se ciò non bastasse - e basta, Mastella va fiero della sua appartenenza alla loggia massonica di Ceppaloni, che conta al giorno d'oggi sette adepti (il solo Mastella però occupa due posti, provocando non pochi problemi di computo); si ritiene che questa affiliazione fortunata abbia avuto una parte consistente nel consentire a Mastella di ascendere ai gradi più alti del potere in Itaglia. Di Ceppaloni Mastella fa anche il sindaco, e verrebbe da meravigliarsi di come quest'uomo, lavoratore indefesso, instancabile, diremo di più, fannullone, possa trovare il tempo per curarsi del Paese e del paese. Diviso in due tra questi oberanti incarichi, Mastella affida sovente la funzione di sindaco di Ceppaloni a suo fratello Elton John, noto per le tendenze ambigue e il pessimo gusto nel vestire.

Curiosità:
La Linea C della metropolitana in costruzione a Roma sarà ad esclusiva disposizione di Mastella e gli consentirà di spostarsi da una parte all'altra della sua villa ancora più velocemente.
È stato ri-battezzato MedioMan
A scuola d'insaccamento, era compagno di banco di Prodi.
Non è Clemente.
Ha capito che da ministro può comprare case al centro di roma al prezzo di un monolocale a Ceppaloni
Per andare a vedere il Gran Premio col figlio si è inventato un "passaggio" da parte di Rutelli con gli aerei che pagano i sudditi itagliani
Ha un senso auto-ironico grosso quanto un atomo di idrogeno. Ultimamente ha deciso
di impedire a chiunque non solo di insultarlo o di muovergli critica sul suo(ridicolo) blog, ma anche di impedire a qualsiasi essere umano di farlo su qualsiasi pagina Web del mondo. In un primo momento un gruppo di alieni comunisti avrebbe dovuto dagli una mano disintegrando tutte le persone che lo trovavano antipatico(in cambio dei voti dell'udeur nel consiglio galattico), ma poi ha optato per un secondo indulto e un sano ricorso alla censura.


il testo è tratto da http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Clemente_Mastella