01 novembre 2011

Hit Parade che non c'è 2011/ Settimana del 26 Ottobre

Riprendiamo anche la nostra classifica preferita, quella che non c'è, se non nei nostri desiderata. Avevamo lasciato Paolo Benvegnù con Avanzate, ascoltate al N.1, e lì lo ritroviamo. Affiancato dalla ottima Quando dei Subsonica e dalla splendida Always della Submotion Orchestra che precede altri due altri eccellenti pezzi italiani: Saldati di Dente e Non ritiro quel che ho detto di Vincenzo Fasano.




Tra i nuovi brani che vi proponiamo c'è questo Giorgio Tuma, leccese, che dovrebbe essere un orgoglio nazionale ma ovviamente nessuno si fila in Italia. E lui canta direttamente in inglese e cerca notorietà all'estero, in Nord America sopratutto. I suoi album sono dei piccoli capolavori, così come questo suo terzo intitolato IN THE MORNING WE'LL MEET. Qui l'ascoltiamo in questa sinfonia-pop, Innocenza Cetra, suo omeggio a Ravel, ma anche ad Alessandro Cigonini, autore delle musiche di "Miracolo a Milano" di Vittorio De Sica.

James Blake è uno dei beniamini di queste pagine dove spesso segnaliamo i suoi affascinanti brani. Questo che vi proponiamo si intitola Not Long Now ed è tratto da ENOUGH THUNDER, EP che accompagna l'edizione deluxe del suo celebrato album eponimo d'esordio.

Dopo il successo di critica (se non di grosso pubblico) del progetto Major Lazer, il dj/produttore Switch si ripresenta da solo con un brano che unisce una melodia "alla Michael Jackson" e un beat modernissimo nella sua brutale essenzialità: I Still Love You potrebbe diventare un hit alternativo di culto...

Il Mercury Prize è un prestigioso premio dell'industria discografica britannica che porta alla notorietà artisti spesso sconosciuti ed indipendenti. Tra i tanti artisti nominati, l'artista folk Laura Marling lo è stata due volte, nel 2008 e nel 2010 co i suoi due precedenti album. In attesa della terza nomination, la critica ha osannato il suo terzo album, A CREATURE I DON'T KNOW, da cui vi proponiamo Sophia.

Alla prossima.

Classifica precedente: Settimana del 12 Ottobre 2011

1 commento:

MassimoL ha detto...

Sìì la canzone di James Blake è troppo bella!