23 marzo 2007

Padoa Schioppa: un ministro dell'economia bocciato in Economia

Tommaso Padoa Schioppa per sua stessa ammissione, fu bocciato all'esame di Economia 1 quando era studente universitario. Non sappiamo se a ragione o a torto. Lui asserisce che quello che sa di economia lo deve a quella bocciatura.

C'è da dire che la cosa ic lascia qualche dubbio. Padoa Schioppa è quello che, dopo aver innalzato all'infinito il livello di tassazione in Italia motivandolo come assolutamente indispensabile, si accorge di aver incassato al di là di ogni previsione. In altri termini: ha cannato completamente i calcoli e si trova sommerso da un mare di soldi prelevati dalle tasche degli italiani.

E dopo aver regalato milardi di euro alle imprese, qual è stata la sua prima dichiarazione? Che questi soldi "imprevisti" devono essere utilizzati per abbassare le tasse, indovinate a chi? Alle imprese.

Questo personaggio è tra i prinicipali responsabili del calo di consenso che si abbattuto sull'attuale governo anche tra i suoi stessi elettori. E' riuscito nel capolavoro di disilludere completamente i sostenitori dell'Ulivo senza riuscere a conquistare 1 consenso che sia 1 nella parte avversa, che pure avrebbe fortissimi motivi di riconoscenza verso questo strenuo difensore degli interessi dell'apparato industriale-finanziario. Insomma, un suicidio politico per i genii che reggono le sorti dell'Unione.

Chi è infatti Tommaso Padoa Schioppa? E' figlio di Fabio Padoa-Schioppa, glorioso amministratore del più grande gruppo assicurativo italiano, le Assicurazioni Generali. Dal 1979 al 1983 è stato direttore generale per l'economia e la finanza dell'Unione Europea, dal 1984 al 1997 è stati vice direttore della Banca d'Italia, dal 1997 al 2001 è stato direttore della CONSOB e dal 1998 al 2006 ha fatto parte del consiglio di amministrazione della Banca Europea e dal Maggio ce lo ritroviamo come sciagurato Ministro dell'Economia del governo Prodi.

Come si vede, il Padoa Schioppa, per ceto ed estrazione culturale ha poco a che spartire con gli interessi degli elettori del centro sinistra e molto a che fare con gli interessi dei grandi gruppi finanziari bancari ed assicurativi italiani ed europei. Insomma, i cosìdetti "poteri forti".

Il prossimo luglio Tommaso compirà 67 anni. In qualsiasi sistema pensionistico noto, avrebbe ampiamente maturato il diritto di godersi una meritata pensione e di dedicarsi ad arti nobili quali portare i nipotini al parco. Insomma, per il bene dell'Unione, togliamocelo dai coglioni.

"Padoa Schioppa: un ministro dell'economia bocciato in Economia" Compilation

The Beatles - TAXMAN
Giorgia - M'HANNO BOCCIATO
Mike Seeger - LE TASSE SUI CONTADINI CI DANNO DA MANGIARE
Anti Flag - CONFESSIONS OF AN ECONOMIC HIT MAN
Armando Trovajoli - STANZA 17/17. PALAZZO DELLE TASSE UFFICIO IMPOSTE
Tizio e Caio - LISCIO TASSE
Franco Battiato - BREVE INVITO AL SUICIDIO
Alberto Sordi - GUARDO GLI ASINI CHE VOLANO NEL CIEL
Duke Ellington - DEMI TASSE
Natalino Otto - LA CLASSE DEGLI ASINI
Afterhours - QUESTO PAZZO PAZZO MONDO DI TASSE
Alberto Radius - ASINO L
Novalis - MAZURKA DELLE TASSE

4 commenti:

Anonimo ha detto...

...adesso quest'esubero di quattrini lo si deve a schioppa....mah

aghost ha detto...

la cosa terrificante è che questi neoboiardi della seconda repubblica, come monti o padoa schioppa, ci vengono propinati come salvatori della patria!!!

si salvi chi può!

Anonimo ha detto...

Questo personaggio è tra i prinicipali responsabili del calo di consenso che si abbattuto sull'attuale governo anche tra i suoi stessi elettori.

E riesce anche a peggiorare la situazione insultando chi a 30 anni non e' ancora andato fuori casa dei genitori...mica tutti sono figli dell'amministratore delegato della compagnia di assicurazioni piu' grande d'italia! 40 euro al mese se li puo' mettere nel qlo e col cavolo che gli do' ancora il mio voto a sti bamboccioni che campano con i nostri soldi!

ComePerseo ha detto...

Mortacci.
Te leggono in parecchi.

Fra un me addiventi brunovesspa