31 maggio 2010

Hit Parade che non c'è 2010/ Settimana n.21 del 30 Maggio

Ancora un cambio della guardia al vertice della nostra hit parade che vorremmo ma che, ovviamente, non esiste, se non nei nostri desideri. Il nuovo gruppo-fenomeno americano The National raggiunge i maggiori consensi all'interno del nostro team con la ottima Boodbuzz Ohio.

Come da tradizione, ecco la Top 20 completa da cui potete esprimere le vostre preferenze (oltre che ascoltare il singolo brano) mentre immediatamente sotto c'è il player con cui ascoltare l'intera lista.






Il podio è completato da due gruppi di musica elettronica (da cui, non c'è verso, arrivano le cose più attuali più interessanti):lo storico duo Underworld con Scribble (che si sono fatti dare quel tocco in più dal produttore drum'n'bass gallese High Contrast) e la band De/Vision con mAndroids.

Il gruppo degli italiani in classifica aumenta di un'unità: a Mario Venuti, Amor Fou, Apres La Classe, Il Teatro degli Orrori si aggiunge Bungaro, ovvero il brindisino Antonio Calò, uno dei pochi talenti italiani che restano però nell'ombra, offuscati da mezze seghe uscite dai "talent" show. Dal suo album uscito nello scorso gennaio proponiamo Se rinasco.

Per il resto, le novità sono tutte anglosassoni. Dal terzo singolo Love Lost dei Temper Trap (quelli di "Sweet Disposition" e "Fader", buoni hit anche dalle nostre parti), al secondo singolo di Tinie Tempah: dopo aver sfondato con "Pass Out" nelle chart inglesi (numero 1 per 3 settimane) e non solo (incredibilmente è entrato nei 100 anche da noi..), il 21enne rapper di South London pubblica un'altra convincente anticipazione dall'album di debutto RHE DISC-OVERY, che uscirà in agosto. Frisky contiene la tensione fino agli ultimi 30 secondi, in cui esplode in un travolgente incedere drum'n'bass senza perder di vista la caratteristica melodica dell'ottimo brano. Ulteriore singolo )estratto dal loro fortunatissimo album IN THIS LIGHT AND ON THIS EVENING) anche per gli Editors (quelli di "Papillon"): Eat Raw Meat = Blood Drool.

Natalie Merchant calca invece le scene da quasi 30 anni, avendo fatto parte dal 1981 al 1993 del gruppo rock alternativo 10,000 Maniacs. Sangue misto siculo-irlandese, da quando ha intrapreso la carriera solista si è sempre più raffinata, potendo vantare collaborazioni prestigiose quali Michael Stipe dei R.E.M., David Byrne, Tracy Chapman o Peter Gabriel. Il 13 aprile scorso è uscito, LEAVE YOUR SLEEP, il primo album di studio della Merchant dal 2003. Il disco, prodotto in due versioni (un'edizione deluxe con ventisei canzoni e una selezione con sedici pezzi) è stato definito dalla stessa Merchant come "il progetto più complesso che io abbia mai portato a compimento o immaginato". Infatti, la registrazione ha coinvolto più di cento musicisti e i testi delle canzoni sono stati scelti da Natalie Merchant tra canzoni popolari e composizioni di poeti di epoca vittoriana, oltre ad autori contemporanei. Da questa raccolta vi proponiamo la struggente Equestrienne.

Alla prossima.

Classifica precedente: Settimana n.20 del 23 Maggio

Nessun commento: