06 giugno 2011

Lega Ladrona/ Si sono fottuti anche l'onomastica

La dolce fanciulla qui a sinistra è la vincitrice dell'edizione 2011 di Miss Padania, baracconata strapaesana e massima espressione culturale del popolo legaiolo. Beh, sapete come si chiama? Jessica. Jessica! Una figlia di Odino e nipote del dio Eridano che ha nome Jessica. Sì, con la J.

La "cultura" legaiola, sempre pronta ad attaccare il kebabbaro all'angolo e a difendere la padanità di qualunque cosa - ma non il lavoro e la salute dei cittadini lumbard, per dire- non è riuscita neanche a mantenere la tradizione di nomi locali. Non dico che le pulzelle longobarde debbano tutte chiamarsi Adalgisa, Roslinda o Adua, ma almeno decenza vorrebbe che non fossimo invasi da Deborah (con l'acca), Samantha (sempre con l'acca), Yara o, Jessica, appunto.

Lo so. I misfatti ed i crimini della Lega sono ben altri (ad es. la distruzione del tessuto industriale, la devastazione del territorio, l'impoverimento generalizzato del Nord). Però queste quisquilie forse danno maggiormente l'idea dello sfacelo causato da vent'anni di becero leghismo.

3 commenti:

Rino ha detto...

Ti do ragione, Chart, ultimamente poi noto quasta insana mania di appioppare ai bambini nomi stranieri (quasi sempre anglosassoni). Si sprecano i Michael (sovente scritto "Maicol"), i Kevin et similia. Si deve trattare dei postumi della TV spazzatura e dei vari telefilm che ci sono stati propinati per decenni.

La signorina in questione inoltre ha rilasciato un'intervista nella quale attaccava il Sud Italia...

Anonimo ha detto...

ovviamente la solita signorina delusa da un "terrone" che l'ha sedotta ed abbandonata...

Anonimo ha detto...

Mi pare che sovente abbiate una forte acidità di stomaco che vi costringe ad un livore esagerato. Pensate al mio fegato quando mi costringono a pagare per tutte le nefandezze che avvengono al di sotto di Firenze !
Eppure io non pubblico una serie di offese da querela !