28 agosto 2007

Sciopero in IBM su Second Life: Avatar di tutto il mondo, unitevi!

Finalmente un colpo da maestro da parte della rappresentanza sindacale italiana. I lavoratori italiani della IBM hanno annunciato uno sciopero in difesa dei propri interessi richiedendo, secondo tradizione: + soldi + diritti + sviluppo. E sin qui tutto normale. Il colpo di genio è che ciò avverrà senza che si perda una sola ora lavorativa. Almeno nel mondo reale. Eh già, perchè lo sciopero è stato indetto su Second Life e a scioperare saranno gli avatar e non i dipendenti!

Un colpo geniale, dicevo. Già, perchè IBM ha appena inaugurato la sua presenza su Second Life lo scorso maggio, cosa praticamente obbligatoria per un'azienda che ha la sua ragion d'essere nella tecnologia e nell'innovazione. Ora si ritrova a gestire il primo sciopero virtuale al mondo. In pratica, si ritrova a dover fronteggiare un contropiede micidiale. E dovrà spiegare, al (primo) mondo perchè si riempie la bocca con la parola innovazione nella seconda vita quando poi non riesce a rinnovare un banalissimo contratto di lavoro nella prima vita.

E la dirigenza italiana della multinazionale dovrà spiegarlo anche ai vertici world wide che, naturalmente non saranno contenti di questa conflittualità che irrompe nella vetrina di Second Life. Perchè attualmente l'unico motivo per la presenza di un'azienda su Second Life è di pura "immagine". E l'immagine di IBM a livello internazionale rischia di essere bollata per sempre come quella di un'azienda che riduce ai minimi termini il morale dei propri dipendenti. Che per una società di servizi, qual è ormai IBM, non è proprio il massimo dell'immagine.

Un colpo di genio, dunque. Perchè ottenuto praticamente a costo zero: senza trattenute sullo stipendio, senza perdite di ore lavorative, senza blocchi del traffico o picchettamento ai cancelli. Metodi da profondo Ottocento. Ma con i metodi della new economy più estrema, gli stessi che hanno consentito ad IBM di superare la crisi degli anni '90, di veleggiare tranquillamente tra le prime 10 aziende al mondo e di essere tra le aziende con la più alta profittabilità.

Già, il mondo. Perchè un'altra innovazione di questa protesta è la visibilità mondiale. Con la possibilità di porre le basi di un sindacato IBM globalizzato. Utilizzando gli stessi strumenti che hanno consentito all'azienda di delocalizzare le attività in giro per il globo. Beh, è l'uovo di Colombo: tali strumenti possono essere utilizzati per organizzare i circa 300.000 lavoratori IBM nel mondo, di cui circa 9.000 in Italia. Chapeau!

Ora aspettiamo che alla manifestazione che si terrà a Settembre partecipi anche il ministro Antonio Di Pietro visto che ha appunto aperto un'isola su Second Life. La cosa ci azzecca...

"Sciopero in IBM: su Second Life" Compilation

SECOND LIFE - Paola e Chiara
VIRTUAL WORLD - The Verve
LE OTTO ORE - anonimo
UOMO VIRTUALE - Jo Squillo
SCIOPERO - Renato Zero
VIRTUAL REALITY - Jan Hammer
BRAVE NEW WORLD - Steve Miller Band
VIRTUALITY - Rush
BIG WIDE WORLD - Teddy Randazzo
VIRTUAL INSANITY - Jamiroquai
WORLD WIDE REUNION - Urban Cookie Collective
VIRTUALLY - Soft Machine
WORLD WIDE SUICIDE - Pearl Jam

2 commenti:

cinghios ha detto...

Caro Chartitalia,
reclamo l'originalità del titolo visto che l'ho scritto il 27/08
http://circolinodeicinghios.splinder.com/post/13587868/Avatar+di+tutto+il+mondo+unite

Ma cosa vuol dire scioperare su SL? Forse questi dipendenti lavorano su SL?

un saluto cinghios

chartitalia ha detto...

azz... mi hai preceduto di 1 giorno
beh, il riferimento all'attacco del manifesto era troppo ghiotto per non usarlo...
per la tua domanda: credo che nel post abbia illustrato il perchè trovo l'iniziativa molto efficace
1 saluto