21 gennaio 2008

Le balle delle major

Nei giorni scorsi si è avuta l'ennesima conferma delle balle propagandistiche che raccontano le major discografiche. L'ultimo album dei Radiohead, In Rainbows, è arrivato al 1° posto delle classifiche di vendita in praticamente tutti i mercati principali, USA e UK in primis. Già, perchè da tempo è possibile scaricare questo album da tutte le piattaforme di file sharing praticamente gratis, o addirittura dal sito stesso della band con una offerta libera.

L'equazione da sempre sostenuta dalle case discografiche: download da internet = crollo delle vendite si è rivelata una balla colossale. Certamente la diffusione di internet ha sparigliato le regole del gioco e c'è chi sta guadagnando e chi sta perdendo da questo sparigliamento. E le case discografiche, ed anche quelle cinematografiche, stanno pagando pesantemente i loro errori.

Noi riteniamo che i soldi spesi per fruire di musica complessivamente non siano affatto diminuiti ma che abbiano prese altre strade, ad es. in abbonamenti ADSL o in supporti di memorizzazione di massa. Su queste grava un prelievo niente affatto banale (il cosìddetto equo compenso) che va a rimpinguare le casse della SIAE. Mentre su un analogo compenso che si proponeva di attivare sulle connessioni internet per compensare il diritto d'autore, le case discografiche l'hanno sempre demonizzato.

Hanno sbagliato praticamente tutto quello che c'era da sbagliare, imbarcandosi in una guerra folle contro i propri clienti, sostenuta dalla loro associazione più potente, la RIAA americana. A cinema, e sinanche noleggiando un DVD, è costretto a sorbirsi dei vergognosi spot che lo criminalizzano nonostante quanto si sta fruendo è stato regolarmente pagato.

Almeno a quest'ultima aberrazione, i Verdi Europei si stanno opponendo promuovendo una campagna di contro-propaganda tramite un spot che inneggia alla condivisione, prendendo per il culo l'equazione cara ai propagandisti delle major: scaricare = rubare.

Va beh, intanto i Radiohead stanno dimsotrando che si può fare a meno delle major, autoproducendosi l'album e facendone quello che vogliono, magari facendosi dare una piccola mancia da milioni di fans. Tanto, chi può comprarsi il cd tradizionale se lo compra lo stesso.

"Le balle delle major" EP

TANGO DELLE PALLE - Renzo Arbore
BUGIARDI NOI - Umberto Balsamo
SONO BUGIARDA - Caterina Caselli
BUGIARDO E INCOSCIENTE - Mina
SEI BELLISSIMA - Loredana Bertè
TU MI RUBI L'ANIMA - Collage

Nessun commento: