31 marzo 2008

Chart Internazionali 2008/ Marzo: 4a settimana

Le classifiche internazionali di USA e UK dal 16 al 22 marzo 2008, con l'aggiunta questa settimana di quelle svedesi.




USA ALBUM (settimana 16/22-03-2008)

1 (*) Danity Kane - Welcome To The Dollhouse
2 (2) various artists - Now 27
3 (1) Rick Ross - Trilla
4 (*) Flo Rida - Mail On Sunday
5 (4) Jack Johnson - Sleep Through The Static
6 (16) Miley Cyrus - Hannah Montana 2 (Soundtrack)/Meet Miley Cyrus
7 (3) Snoop Dogg - Ego Trippin'
8 (12) Taylor Swift - Taylor Swift
9 (7) Sara Bareilles - Little Voice
10 (10) Miley Cyrus - Hannah Montana/Miley Cyrus: The Best Of Both Worlds Concert



USA SINGOLI (settimana 16/22-03-2008)

1 (8) Bleeding Love - Leona Lewis
2 (1) Love In This Club - Usher feat. Young Jeezy
3 (7) Sexy Can I - Ray J & Yung Berg
4 (2) With You - Chris Brown
5 (4) Love Song - Sara Bareilles
6 (6) No Air - Jordin Sparks & Chris Brown
7 (3) Low - Flo Rida feat. T-Pain
8 (5) Don't Stop The Music - Rihanna
9 (85) Lollipop - Lil Wayne feat. Static Major
10 (19) Shawty Get Loose - Lil Mama feat. Chris Brown & T-Pain



UK ALBUM (settimana 16/22-03-2008)

1 (1) Duffy - Rockferry
2 (*) Muse - H.A.A.R.P.
3 (2) OneRepublic - Dreaming Out Loud
4 (4) Leona Lewis - Spirit
5 (*) Elbow - The Seldom Seen Kid
6 (*) Bryan Adams - 11
7 (3) Nickelback - All The Right Reasons
8 (5) Amy Winehouse - Back To Black: The Deluxe Edition
9 (*) Mike Oldfield - Music Of The Spheres
10 (*) Van Morrison - Keep It Simple



UK SINGLE (settimana 16/22-03-2008)

1 (re) American Boy - Estelle feat. Kanye West
2 (1) Mercy - Duffy
3 (2) Better In Time / Footprints In The Sand - Leona Lewis
4 (4) Stop And Stare - OneRepublic
5 (5) Rockstar - Nickelback
6 (7) Low - Flo Rida feat. T-Pain
7 (*) 4 Minutes - Madonna feat. Justin Timberlake
8 (9) Something Good '08 - Utah Saints
9 (16) Can't Speak French - Girls Aloud
10 (3) What's It Gonna Be - H Two O feat. Platnum



Svezia ALBUM (settimana 16/22-03-2008)

1 (1) Eros Ramazzotti - E²
2 (*) Linda Bengtzing - Vild & Galen
3 (6) Amy Diamond - Music In Motion
4 (3) Nordman - Djävul eller Gud
5 (4) Amy Winehouse - Back To Black
6 (21) Carola - Främling 25 år
7 (re) Povel Ramel - Det bästa av Povels mångsidor
8 (re) Cornelis Vreeswijk - CV Det Bästa Med Cornelis Vreeswijk
9 (34) Paul Potts - One Chance
10 (5) Michael Jackson - Thriller 25



Svezia SINGOLI (settimana 16/22-03-2008)

1 (1) Hero - Charlotte Perrelli
2 (3) Empty Roon - Sanna Nielsen
3 (2) Lay Your Love On Me - BWO
4 (4) Hur svårt kan det va? - Linda Bengtzing
5 (*) 4 Minutes - Madonna feat. Justin Timberlake
6 (9) Line Of Fire - E-Type & The Poodles
7 (6) I lågornas sken - Nordman
8 (5) Just A Minute - Rongedal
9 (42) The Worrying Kind - Maia Hirasawa
10 (7) That Is Where I'll Go - Sibel



Danity Kane - Welcome To The Dollhouse
E' un dato di fatto, il mercato discografico è nel mezzo di una vera e propria rivoluzione, e nell'era del download la corrispondente crisi del compact disc significa che si vendono sempre più "singoli" -anche se virtuali- e sempre meno album, quasi in un ritorno agli anni '60. Anche la classifica degli album del maggior mercato discografico nel mondo (quello statunitense) ne risente, e mostra una maggiore instabilità, determinata anche dal minor numero di esemplari venduti. Il numero uno cambia per la quarta settimana consecutiva ed è ora appannaggio del quintetto femminile Danity Kane, che peraltro raggiunge il vertice per la seconda volta, dopo aver centrato l'obiettivo con l'album di debutto del 2006, con la rispettabile cifra di 236mila copie nella prima settimana. Costruite "a tavolino" attraverso il reality di MTV "Making The Band" e scritturate dalla Bad Boy di P.Diddy (già Puff Daddy), le Danity Kane sono dunque una sorta di versione americana delle Spice Girls con un'abbondante decina d'anni di ritardo. Ad anticipare l'album "Welcome To The Dollhouse" è stato il singolo Damaged, arrampicatosi fino al 27° posto nella relativa classifica americana.

* * *

Flo Rida - Mail On Sunday
A proposito di download, il rapper Flo Rida con l'attuale singolo "Low" -firmato insieme a T-Pain e ancora settimo nella graduatoria dei singoli USA- detiene il fresco record del maggior numero di download (a pagamento, s'intende) di sempre: dalla sua uscita nel novembre 2007 "Low" è stata finora scaricata 3 milioni e 300mila volte, e il totale è ovviamente ancora parziale. Alla luce di ciò, pare quasi deludente l'ingresso al numero 4 per il suo album di debutto "Mail On Sunday", che nei primi sette giorni si ferma a 86mila copie vendute. Una volta si sarebbe detto che il 21enne di Miami è un "artista da singolo"... Intanto il nuovo estratto dall'album, Elevator, si avvale della produzione e partecipazione dell'infallibile Timbaland, che ha qui campionato il tema dal film "Halloween" di John Carpenter.

* * *

Bleeding Love - Leona Lewis
Chissà se gli americani parleranno nuovamente di "British Invasion" come ai tempi dei Beatles e Rolling Stones o come nei primi anni '80 della new wave di band come Police ed Eurythmics: fatto sta che, a neanche due mesi dal trionfo di Amy Winehouse ai Grammy Awards, un'altra voce femminile inglese conquista il grande pubblico d'Oltreoceano, ed è proprio quella Leona Lewis già divenuta superstar nel Vecchio Continente. D'altra parte Bleeding Love riecheggia proprio il pop/soul mainstream di stelle americane degli ultimi decenni come Whitney Houston e Mariah Carey, e sembrava tagliata apposta anche per il pubblico statunitense. Il singolo spodesta dal primo posto un concorrente difficile come Usher, la cui "Love In This Club" molla la presa dopo tre sole settimane, e lo fa vendendo 219mila download. L'evento è storico anche per altri motivi statistici: Leona Lewis è soltanto la terza cantante femminile britannica a raggiungere il primo posto negli USA con un singolo di debutto ("Bleeding Love" è la sua prima canzone pubblicata negli States...), dopo Petula Clark nel 1965 e Sheena Easton in 1981. Inoltre c'è da sottolineare che l'ultimo singolo di provenienza britannica ad arrivare al primo posto nella classifica statunitense fu "You're Beautiful" di James Blunt, nell'ormai lontano marzo 2006.

* * *

Lollipop - Lil Wayne feat. Static Major
Dopo alcune settimane di stasi, finalmente si registra un po' di movimento tra i primi 10 singoli più scaricati dal pubblico e più programmati dalle radio negli Stati Uniti. Due nuovi ingressi, il primo dei quali è per un protagonista della scena hip hop da un decennio come Lil Wayne: Lollipop è però soltanto il suo secondo successo da top 10, e si fa notare per un intenso utilizzo di quel vocoder oggi tanto di moda tra i suoi colleghi (vedi T-Pain e lo Snoop Dogg di "Sexual Eruption/Sensual Seduction"). Il morbido brano anticipa il sesto album del rapper di New Orleans, "Tha Carter III", in uscita a maggio.

* * *

Shawty Get Loose - Lil Mama feat. Chris Brown & T-Pain
Al secolo Niatia Jessica Kirkland, la 18enne Lil Mama aveva tra l'altro già acquisito una certa popolarità per essere apparsa nel videoclip di "Beautiful Girls" del coetaneo Sean Kingston. La risaputa Shawty Get Loose, che non si fa mancare la partecipazione di due prezzemolini come Chris Brown e T-Pain, è già il suo secondo successo da top 10 dopo la "Lip Gloss" dello scorso anno, e apparirà a fine aprile sul suo album di debutto "VYP: Voice of the Young People".

* * *

Muse - H.A.A.R.P.
Ormai tra le più apprezzate band rock a livello mondiale, con un pubblico che pesca tra i fans dei Radiohead come dai nostalgici dei vecchi Queen, i Muse si concedono l'inevitabile passo dell'album live: il CD+DVD "H.A.A.R.P." sfiora il colpaccio e per poco non riesce a superare la fenomenale Duffy, entrando comunque a un rispettabilissimo secondo posto nella classifica inglese pur non contenendo brani inediti. Il titolo è un acronimo che si riferisce allo "High Frequency Active Auroral Research Program", cioè un'installazione civile e militare che si trova in Alaska per la ricerca scientifica sugli strati alti dell'atmosfera e della ionosfera tramite l'uso di onde elettromagnetiche. "H.A.A.R.P." è il quarto album consecutivo (su 5) del trio guidato da Matt Bellamy a piazzarsi tra i primi 3 nella classifica britannica, e ovviamente contiene uno dei loro maggiori successi, Plug In Baby.

* * *

Elbow - The Seldom Seen Kid
Il quarto album della band di Manchester è anche quello finora maggiormente premiato dalle classifiche, complice il passaggio dall'indipendente V2 alla major Universal.
"The Seldom Seen Kid" conferma le qualità evocative del loro rock, infuso di blues e talvolta intimista, come ben esemplifica il singolo Grounds For Divorce.

* * *

Bryan Adams - 11
Primo fra tre veterani che tornano questa settimana nelle zone alte della chart inglese grazie ai rispettivi nuovi lavori, il canadese Bryan Adams intitola nel modo più semplice il suo 11° album in studio in 28 anni di carriera, a quattro anni dal precedente "Room Service". Prodotto dall'altrettanto esperto Robert Lange, "11" non riserva grandi shock agli estimatori del suo educato pop-rock, come si può desumere da I Thought I'd Seen Everything.

* * *

Mike Oldfield - Music Of The Spheres
A 35 anni dall'uscita di quel suo primo storico album, il musicista di "Tubular Bells" pubblica il suo primo album sinfonico: tanto per cambiare si tratta di un disco concettuale, diviso in due parti come ai tempi dei long playing a 33 giri. Tra i 14 brani di "Music Of The Spheres" c'è la suggestiva Shabda.

* * *

Van Morrison - Keep It Simple
Puntuale come quasi ogni anno all'appuntamento con un album nuovo, il 62enne musicista di Belfast conferma la sua classe senza età anche in quello che è il suo 33° album esclusi live e compilation. That's Entrainment è solo un esempio della naturalezza con cui l'autore di canzoni come "Gloria", "Moondance" e "Brown Eyed Girl" fonde in un linguaggio universale influenze musicali che abbracciano soul, blues, jazz e musica celtica.

* * *

American Boy - Estelle feat. Kanye West
Ovvero come inseguire il successo per sei anni e trovarlo improvvisamente grazie alla collaborazione con il rapper numero 1 in circolazione. Già, perchè senza il prestigioso cameo di Kanye West forse in pochi si sarebbero accorti di "American Boy", canzone che invece proietta direttamente al primo posto la 28enne cantante londinese (si tratta di un reingresso per motivi puramente tecnici, dato che il brano immesso su iTunes in versione live era stato ritirato dalla circolazione per alcuni giorni prima del lancio ufficiale). Prodotta da Will.i.am dei Black Eyed Peas, American Boy anticipa "Shine", il secondo album della cantante/rapper, che si avvale di un parterre di colaboratori d'eccellenza: John Legend, Wyclef Jean, Mark Ronson, Cee-Lo, Swizz Beatz, Kardinal Offishall oltre ai già citati.

* * *

4 Minutes - Madonna feat. Justin Timberlake
La campagna di lancio dell'imminente "Hard Candy" inizia in modo più sommesso del previsto: il ritorno di Madonna affiancata dal "dream team" composto da Justin Timberlake alla voce e da Timbaland alla produzione si concretizza per ora in un modesto settimo posto nella classifica britannica. 4 Minutes ha finora raggiunto il primo posto soltanto in Olanda, Norvegia e Danimarca. Sarà perchè la canzone non è così immediata o perchè la svolta hip hop ha deluso il suo pubblico più legato ai suoni dance?

* * *

Can't Speak French - Girls Aloud
Piccole ragazze crescono. Inizialmente snobbate da molti e considerate l'ennesima derivazione del modello-Spice Girls, le Girls Aloud -senz'altro aiutate in maniera determinante dal team di produttori e autori Xenomania, che firmano anche questa canzone- sono progressivamente divenute un marchio di garanzia del pop britannico di qualità. Nulla per cui storcere il naso: in epoche storiche diverse, Dusty Springfield, gli Abba, i Pet Shop Boys o Robbie Williams sono riusciti a coniugare grandi (anzi, grandissimi) numeri e qualità musicale, ed è esattamente ciò che il quintetto femminile sta facendo da alcuni anni a questa parte nonostante non sia stato granchè notato al di fuori delle isole oltre la Manica. Can't Speak French è il loro 18° singolo e centra per la 18a volta i "top ten" britannici, oltre ad essere una delle canzoni più raffinate del loro repertorio.

* * *

Linda Bengtzing - Vild & Galen
Il nostro sguardo alle classifiche mondiali si sofferma questa settimana anche su quelle svedesi, dove l'album più venduto è del nostro Eros Ramazzotti.
Alle sue spalle entra "Vild & Galen", seconda uscita a lunga durata di Linda Bengtzing, finalista nel 2004 dell'edizione locale di "Pop Idol", oltre ad aver partecipato anche quest'anno al Melodifestivalen, cioè le selezioni nazionali per l'Eurofestival. La leggera "Hur Svårt Kan Det Va?" (http://www.youtube.com/watch?v=p64u_EfQLQQ), che troviamo anche al quarto posto tra i singoli, è il brano di punta di quest'album.

* * *

Hero - Charlotte Perrelli
Invece a vincere il "Melodifestivalen 2008" (che gli svedesi prendono molto sul serio, visto che dall'Eurofestival partì il percorso dorato degli Abba) è stata Charlotte Perrelli, che già aveva rappresentato la Svezia al festival dell'Eurovisione nel 1999. Hero è puro euro-pop, facile e orecchiabile, kitsch e delizioso al tempo stesso.

by Pop!

Settimana precedente: Chart Internazionali 2008/ Marzo: 3a settimana

1 commento:

Miguel Lovo ha detto...

Ciao, non sono italiano,
Sono stato in Itália nel 2007 08 e 09.

Ho visto una bela canzoni, ma non ricordo il nome nemeno il cantante.

Ricordo che il videoclip
C'era un ragazzo che se sveglia, alsa da letto, lascia lá amorosa a dormire e mentre suona lá canzone, lui prende lá bici e vá su panifício torna a casa prepara la colazione,

Dopo prende lá guitara inizia a cantare insieme lá canzone Del clip.
Cosi se sveglia e viene la fidanzata a trovarlo.



Help
Voglievo vedere una'ltra volta.

Qualcuno sa che canzone è???


Magari qualcuno, Manda me per favore miguel@viamure.com.br