07 giugno 2008

Pirl Parade 2008/ Settimana n.23 (dal 31 Maggio al 6 Giugno)

Il presidente interista Massimo Moratti ha trionfato nella Pirl Parade della scorsa settimana, aggiudicandosela con oltre il 43% delle preferenze. Praticamente un plebiscito. E veniamo alle nomination per il Premio Italiano per il Rigetto della Logica di questa settimana.

1. Ignazio Larussa
Dopo anni per arrivare ad una riduzione dei tribunali militari, nella attuale Finanziaria era stata inserita una norma che avrebbe ridotto drasticamente i tribunali militari dal prossimo 1° luglio riduceva i tribunali. Per farsi un'idea del vergognoso spreco di risorse di tali tribunali, basti sapere che i tipici precessi di cui si occupano i giudici militari riguardano reclute che hanno attraversato il cortile senza il basco o che hanno mandato a cagare il sergente. E tali giudici sono praticamente nullafacenti: 1,5 processi a testa, cioè 666 volte in meno il carico di lavoro di un giudice ordinario. E cosa fa il nostro diabolico Larussa? Ha rimandato tale riduzione di 6 mesi, mandando in fumo un risparmio di 848 milioni di euro.

2. Berlusconi ed il suo Presidente-ombra
Il presidente della repubblica dura in carica 7 anni: Napolitano è in carica da 2 e mancano 5 anni alla scadenza del mandato. Ma BelliCapelli ha già nominato il suo successore: Gianni Letta. BelliCapelli continua a copiare Veltroni: così come c'è il governo-ombra, ora abbiamo anche il presidente-ombra. Beh, considerando la fama di menagramo di Tu-Sai-Chi, immaginiamo che l'attuale Presidente della Repubblica si stia toccando energicamente i cosìdetti.

3. I leghisti
Galvanizzati dal successo elettorale (grazie a tutti quelli che li hanno votati) ormai non hanno più freni. L'ultima impresa l'hanno compiuta contro la costruzione di residenze stabili per i Sinti, nel comune di Venezia. Il sindaco Cacciari ha spiegato che si tratta di cittadini italiani a tutti gli effetti, ma ai leghisti questo non interessa affatto. Del resto, loro sono italiani a intermittenza: quando c’è da prendere cadreghini ministeriali e prebende, sono italiani; ma quando c’è da pagare le tasse, diventano improvvisamente padani, cioè cittadini di un paese inesistente che pretende di dettare legge all’Italia.

4. Carlo Rienzi di Codacons
Solo l'Italia potrebbe partorire personaggi quali l'attuale presidente del Codacons, una associazione di presunta difesa dei consumatori. Il suo unico scopo è quello di tentare di attrarre le attenzioni mediatiche denunciando tutto e tutti, sui motivi più futili ed inessenziali. Come illustrato egregiamente dal buon .mau., l'ultima iniziativa in ordine di tempo del vulcanico Rienzi è un servizio fantastico: al modico prezzo di un euro, è possibile ottenere una password con cui potersi scaricare un file con l'elenco dei distributori che, teoricamente, dovrebbero far pagare meno il gasolio. In realtà si tratta di una banale lista di distributori indipnedenti, tra l'altro non aggiornata. In pratica, una truffa bella e buona, visto che in rete si trovano facilmente informazioni su distributori dove è possibile effettivamente pagare meno il carburante.

5. L'autore del sito www.evasori.info
A proposito della ricerca di facile consenso, come non segnalare l'autore del sito evasori.info che consente di denunciare gli evasori online? Il tutto in modo anonimo, potete denunciare l'idraulico che non ha rilasciato la fattura, o il barista che non ha battuo lo scontrino. Naturalmente senza fare nomi. Ah... ovviamente l'autore del sito è anonimo.

Come sempre, qui sotto potete effettuare la vostra scelta per il Pirl della settimana.




Alla prossima.

Pirl Parade precedente: Settimana n.22 (dal 24 al 30 maggio)

1 commento:

Anonimo ha detto...

Anch'io sono cittadino italiano a tutti gli effetti. Se il sindaco di Venezia regala una casa anche a me, nulla eccepisco sull'iniziativa.
Altrimenti non capisco perché questi cittadini italiani non se la possano pagare, come tutti gli altri. Stefano