17 ottobre 2009

Pirl Parade 2009/ Settimana n.41 (dal 10 al 16 ottobre)

Scontro tra presidenti per la conquista del Pirl della scorsa settimana vinto, manco a dirlo, dalla tessera P2 n. 1816, anche se l'andamento dei voti è stato piuttosto strano, con folate a vantaggio dell'uno o dell'altro. Insomma, pare che vi siano state "squadre" che hanno passato il tempo ad ingegnarsi sistemi per orientare il voto. Bah, c'è gente che si diverte così...
Va be', lasciamo stare queste tristezze e passiamo alle nomination di questa settimana, tristissima.

1. Maria Stella Gelmini
L'unico ministro della storia che ha rischiato il commissariamento. Il TAR del Lazio le ha dato torto marcio sulla graduatoria degli insegnanti precari dove ha dimostrata tutta la sua totale incapacità a gestire un ministero complesso come quello dell'Istruzione.

2. Eugenio Scalfari
Altro ferrovecchio della politica italiana, cui nessuno rimprovera la corresponsabilità dei disastri cui la sinistra italiana è andata incontro. Nell'ultima settimana si è distinto per aver cercato di tirare un siluro all'unica persona capace di rinnovare la politica nazionale, Ignazio Marino. La polpetta avvelenata è stata quella di proporre il cambiamento delle regole del gioco delle primarie per l'elezione dl segretario del PD, cambiamento che sarebbe andato a vantaggio degli altri due ferrivecchi Bersani e Franceschini.

3. Nicolas Sarkozy
Ma si può? Mentre invoca il taglio della connessione ad internet a chi è "sorpreso" a scaricare opere protette da copyright, mentre lui si permette tranquillamente di piratare 400 DVD duplicandoli a sbafo. Non solo, effettua anche una delle cose davvero turpi per il diritto d'autore: quella di impossessarsi di un'opera altrui attribuendosene il merito.

4. Paola Binetti
Splendida esemplificazione del casino totale che è l'attuale PD, il suo "caso" ri-ri-ri-ri-ri-esplode avendo votato contro l'approvazione di una legge contro l'omofobia. Prima era schierata con Franceschini e, dopo che questi l'ha rinnegata, ha dichiarato che voterà per Bersani. Nel dubbio, andate a votare alle primarie e votate per Marino...

5. Claudio Brachino
Una volta c'erano gli squadristi che andavano a manganellare tutti quelli della parte avversa. Ora ci sono i manganellatori mediatici che vanno a pedinare i nemici del loro padrone. Il servizio di Mattino 5 sul giudice Mesiano è tra le cose più turpi in cui mi sono imbattuto in questo scorcio di millennio.

A voi il vo(mi)to.


Alla prossima.

Pirl Parade precedente: Settimana del 9 Ottobre 2009

3 commenti:

Amel Bent ha detto...

A proposito della Gelmini, ma com'è andata a finire la faccenda dei crediti per religione? Io che non la faccio, ma che vado benissimo a scuola, non mi sembra giusto che venga penalizzata rispetto agli altri asini (che poi fanno solo casino in classe in quell'ora... -_-')

Oronzo ha detto...

Propongo l'ennesima esternazione infelice di Ecclestone:

http://www.corriere.it/sport/09_ottobre_18/ecclestone-morte-senna_e6a286ea-bbeb-11de-b0a3-00144f02aabc.shtml

Pasquale ha detto...

A questo punto la nomination al Blog di Chartitalia non la toglie nessuno visto che scientificamente ha omesso MATTEO MEZZADRI quale vincitore ad honorem di qualsiasi PIRLATA.