28 dicembre 2009

Hit Parade che non c'è 2009/ Settimana n.51 del 27 Dicembre

Esordio direttamente in vetta alla nostra classifica che non c'è per i Massive Attack: interpretata dalla voce di Hope Sandoval (vedi Mazzy Star e i suoi dischi successivi con i Warm Inventions) Paradise Circus è un piccolo capolavoro agrodolce di quelli che solo il duo di Bristol e pochissimi altri sanno confezionare. L'album HELIGOLAND (con altri ospiti come Damon Albarn, Martina Topley-Bird, Guy Garvey degli Elbow) esce il 5 febbraio e sarà sicuramente tra i "dischi dell'anno" nel 2010.

Ok, intanto eccovi la Top 20 al completo: le chiacchiere e le votazioni più giù.



Intanto è con vero piacere che notiamo che due tormentoni di questa nostra anomala classifica sono entrati questa settimana nella classifica dei brani di maggior successo: "Adesso è facile" di Mina con gli Afterhours e "You've Got The Love" nella strepitosa versione di Florence + The Machine remixada da The XX.

E a giudicare dal vostro gradimento, la stessa sorte dovrebbe toccare al bel brano di Noemi, I sentimenti, visto che è stabilmente in testa alle vostre preferenze, seguito da Se lascio perdo dei Serpenti (cosa invero un po' più difficile visto che viene da un gruppo scarsamente appoggiato dall'industria discografica). Ed entra tra le vostre preferite un altro brano di produzione italianissima, che lo sappiate o no: Nite Time del dj Jean Claude Ades che, ovviamente, punta al mercato internazionale.

Il secondo nuovo ingresso più alto è ad opera dei Sub Focus: stilisticamente Could This Be Real è un piccolo capolavoro di sintesi, grazie al suo attingere contemporaneamente all'estetica acid house e alla "cultura dei bassi" che infonde la migliore e più innovativa musica dance contemporanea, senza rinunciare all'accessibilità: siamo pronti a scommettere in un piazzamento alto nella chart inglese (il singolo uscirà a metà gennaio), ed altrettanto certamente a un suo fallimento in quelle italiane...

Nuovo singolo per i Crookers, stavolta accompagnati da una stella dell'r&b come Kelis per No Security, brano che potrebbe contribuire a sdoganare il dubstep da fenomeno sotterraneo quale è, e portarlo a un pubblico più vasto. L'album TONS OF FRIENDS è in arrivo per febbraio-marzo.

Al 14° posto una riedizione di un trascinante pezzo di un dj e produttore francese, Laurent Garnier, con The Man with the Red Face, degno del miglior stile jazzy di St. Germain.

Altra new entry un brano che rimanda un pò alla musica house ed elettronica commerciale anni 90 per la svedese Jinder con Youth Blood. In circolazione anche l'interessante remix ad opera di 12thPlanet & Flinch. Chiudiamo con il pop rock al femminile direttamente dalla Francia con Barcelona dei Plasticines. Né tecnico né trascendentale, ma di sicuro appeal e molto energico.

Ok, tocca a voi. Fateci sapere quelli di vostro maggior gradimento.



Classifica precedente: Settimana n.50 del 20 Dicembre

Nessun commento: