24 agosto 2007

Chart Internazionali 2007/ Agosto: 3a settimana

Consueta carrellata sulle chart internazionali USA e UK, con una escursione questa settimana su quelle Australiane.




USA ALBUM (settimana 12/18-8-07))

1 (*) o.s.t. - High School Musical 2
2 (4) Miley Cyrus - Hannah Montana 2 (soundtrack) / Meet Miley Cyrus
3 (*) Dave Matthews and Tim Reynolds - Live At Radio City
4 (3) various artists - Now 25
5 (6) o.s.t. - Hairspray
6 (1) UGK - Underground Kingz
7 (8) Fergie - The Dutchess
8 (5) Jonas Brothers - Jonas Brothers
9 (2) Plies - The Real Testament
10 (7) Common - Finding Forever


USA SINGOLI (settimana 12/18-8-07)

1 (1) Beautiful Girls - Sean Kingston
2 (2) Big Girls Don't Cry - Fergie
3 (3) The Way I Are - Timbaland feat. Keri Hilson
4 (4) Hey There Delilah - Plain White T's
5 (6) Stronger - Kanye West
6 (11) Crank That (Soulja Boy) - Soulja Boy
7 (7) Bartender - T-Pain feat. Akon
8 (5) Umbrella - Rihanna feat. Jay-Z
9 (8) Make Me Better - Fabolous feat. Ne-Yo
10 (9) A Bay Bay - Hurricane Chris



UK ALBUM (settimana 12/18-8-07)

1 (*) Elvis Presley - The King
2 (1) Kate Nash - Made Of Bricks
3 (3) Newton Faulkner - Hand Built By Robots
4 (7) Amy Winehouse - Back To Black
5 (6) Mika - Life In Cartoon Motion
6 (4) Amy MacDonald - This Is The Life
7 (5) Timbaland - Shock Value
8 (2) Paul Potts - One Chance
9 (9) Prince - Ultimate
10 (13) Rihanna - Good Girl Gone Bad



UK SINGOLI (settimana 12/18-8-07)

1 (3) Stronger - Kanye West
2 (1) With Every Heartbeat - Robyn with Kleerup
3 (2) The Way I Are - Timbaland feat. Keri Hilson
4 (4) Foundations - Kate Nash
5 (6) Hey There Delilah - Plain White T's
6 (27) I Found U - Axwell feat. Max'C
7 (5) Big Girls Don't Cry - Fergie
8 (77) Clothes Off - Gym Class Heroes
9 (21) Love Is Gone - David Guetta feat. Chris Willis
10 (8) Dream Catch Me - Newton Faulkner



AUSTRALIA ALBUM (settimana 12/18-8-07)

1 (1) Fergie - The Dutchess
2 (2) Pink - I'm Not Dead
3 (4) Paul Potts - One Chance
4 (22) Elvis Presley - The King
5 (3) Michael Bublé - Call Me Irresponsible
6 (*) Katie Noonan - Skin
7 (5) Mika - Life In Cartoon Motion
8 (6) Powderfinger - Dream Days At The Hotel Existence
9 (14) The John Butler Trio - Grand National
10 (13) Good Charlotte - Good Morning Revival



AUSTRALIA SINGOLI (settimana 12/18-8-07)

1 (1) Big Girls Don't Cry - Fergie
2 (2) Can't Touch It - Ricki-Lee
3 (3) Dance Floor Anthem - Good Charlotte
4 (4) Love Today - Mika
5 (7) Dear Mr. President - Pink
6 (5) Destination Calabria - Alex Gaudino feat. Crystal Waters
7 (8) When You're Gone - Avril Lavigne
8 (6) Umbrella - Rihanna
9 (9) Thnks Fr Th Mmrs - Fall Out Boy
10 (11) Don't Matter - Akon


o.s.t. - High School Musical 2
615mila copie in una settimana: è il secondo totale più alto dell'anno negli States (secondo di 8.000 copie solo ai Linkin Park di "Minutes To Midnight") e a raggiungerlo non poteva che essere il sequel del film tratto dalla fortunata serie di Disney Channel mirata al pubblico adolescenziale.
I 17 milioni di telespettatori statunitensi che hanno visto il film pochi giorni fa sul piccolo schermo attraverso un canale digitale a pagamento hanno anche sortito un effetto positivo per Miley Cyrus, protagonista di un'apparizione "cameo", che nel contempo risale al numero 2.
Dalla colonna sonora di "High School Musical 2", questa è "I Don't Dance", di Lucas Grabeel e Corbin Bleu.

* * *

Dave Matthews and Tim Reynolds - Live At Radio City
Vero e proprio artista di culto per il pubblico americano (e, aggiungerei, unico artista degno di nota in questa top 10 degli album insieme a Common), Dave Matthews replica, a otto anni di distanza dal precedente "Live At Luther College", la sua collaborazione con il chitarrista e polistrumentista Tim Reynolds.
Di origine sudafricana, Matthews ha raggiunto il successo -di grandi e meritate proporzioni negli States, anche se nel resto del mondo è pressochè sconosciuto- con la Dave Matthews Band, che unisce spirito blues e tecnica sopraffina in rock comunque dal gusto contemporaneo e alternativo.
"Live At Radio City" è un doppio CD registrato durante una performance al Radio City Music Hall di New York nello scorso aprile, da cui è tratta questa "Eh Hee".

* * *

Crank That (Soulja Boy) - Soulja Boy
In una classifica dei singoli piuttosto statica, e che vede confermarsi per la quarta settimana in vetta il tormentone "Beautiful Girls" di Sean Kingston, l'unico nuovo ingresso è per il 17enne Soulja Boy.
"Crank That (Soulja Boy)" è il suo singolo di debutto, dal sapore ovviamente molto "crunk" (quel sottogenere dell'hip hop tipico del sud degli Stati, nato per essere consumato sui dancefloor e del quale principali esponenti sono Lil Jon e i Ying Yang Twins), che sarà seguito in ottobre dall'album "Souljaboytellem.com".

* * *

Elvis Presley - The King
Verrebbe da dire che il pubblico inglese rimpiange e venera il "re del rock'n'roll" più degli stessi americani, o perlomeno le ultime generazioni di acquirenti britannici di musica sono più interessati a riscoprirlo.
Fatto sta che, nel 30° anniversario della sua scomparsa (che avveniva il 16 agosto 1977, data che -pur non essendo un fan- dimenticherò difficilmente), la Sony BMG ha astutamente tirato fuori una doppia compilation che riassume in 52 canzoni il meglio del suo sterminato repertorio e che va a esordire in vetta a una graduatoria degli album mai come ora ricca di "20-something" (gente che sta fra i 20 e i 30 anni d'età).
In coincidenza, vengono anche ristampati da qui a dicembre, sia in vinile 10 pollici che in CD, ben 18 dei suoi singoli più popolari: tra questi, "Suspicious Minds" è entrato nuovamente nella chart britannica dei singoli questa settimana, sfiorando i top 10 (numero 11).

* * *

Stronger - Kanye West
Pochi giorni prima la scomparsa di Elvis, l'8 giugno 1977 nasceva a Chicago Kanye Omari West...
Ebbene sì: come previsto qualche settimana fa da queste parti "Stronger" è già un successo globale, e raggiunge in una settimana combattuta anche il primo posto in Gran Bretagna, con un vantaggio di 67 copie (!) su "With Every Heartbeat" di Robyn: 36.804 contro 36.737.
E' il primo numero uno per Kanye West in terra britannica, e rafforza ulteriormente le basi per il forte impatto che con ogni probilità avrà il suo imminente album "Graduation", che uscirà il 10 settembre (l'11 negli States).
A proposito di "Graduation", ha fatto notizia anche dalle nostre parti in questi giorni il clamoroso annuncio di 50 Cent, gangsta-rapper dai dubbi meriti artistici, ma amatissimo dal pubblico più giovane per due motivi principali: essere parte del "clan" di Eminem e soprattutto la leggenda che lo vuole con una decina di proiettili in corpo, "souvenir" delle sue scorribande al limite (e oltre) della legalità negli anni in cui non era ancora personaggio di dominio pubblico.
Ebbene, "Fiddy" (50 Cent per gli amici) ha promesso pubblicamente di ritirarsi dalle scene se il suo album "Curtis", che uscirà nello stesso giorno, venderà negli USA meno di quello di Kanye West.
C'è ancora qualcuno che non fa il tifo per Kanye?

* * *

I Found U - Axwell feat. Max'C
Love Is Gone - David Guetta feat. Chris Willis
Il primo posto di "Stronger", reso ancora più "forte" -scusate il calembour- dall'utilizzo esteso del campione di "Harder Faster Better Stronger" dei Daft Punk, arriva in una settimana che vede le quotazioni della musica dance (della quale il duo francese è autorevole esponente) in notevole rialzo.
Entrano nei top 10 infatti due successi da club degli ultimi mesi, entrambi di provenienza extra-britannica: "I Found U" è opera dello svedese Awxell, dj/produttore annoverato nella cosiddetta "Swedish mafia" (il termine sarebbe da intendersi in maniera ironica secondo coloro che hanno coniato questa definizione) della scena dance contemporanea, insieme a Eric Prydz, Steve Angello e Sebastian Ingrosso.
La versione che ha portato il brano al successo è quella "Remode", che ne stravolge la linea armonica per atmosfere da rave anni '90 pur lasciando intatta la traccia vocale decisamente "black" e infusa di gospel cantata da Max'C (al secolo Charles Salter): il risultato è tanto apparentemente fuori trend quanto riuscito.
Di "Love Is Gone" invece parlammo in occasione dell'ultima visita alle chart francesi: Guetta si conferma un hitmaker internazionale e il suo brano, realizzato con l'ausilio della voce di Chris Willis, è da qualche tempo stabilmente tra le produzioni dance più gettonate (dai club, radio ed emittenti televisive) anche dalle nostre parti.

* * *

Clothes Off - Gym Class Heroes
I Gym Class Heroes -frettolosamente etichettati come "one-hit wonders" dopo il successo estemporaneo della loro "Cupid's Chokehold", che letteralmente trascriveva buona parte di "Breakfast In America" dei Supertramp- rischiano invece di diventare un vero e proprio incubo.
Addirittura raggiungono i top 10 britannici per la seconda volta con un altro brano pesantemente ispirato da un hit del passato, "We Don't Have To Take Our Clothes Off" (1986) di Jermaine Stewart.
Oltre a un pessimo assolo di chitarra, "Clothes Off" vede la partecipazione, non accreditata ufficialmente, di Patrick Stump dei Fall Out Boy, loro colleghi di etichetta discografica e intenti a banalizzare certo punk-rock allo stesso modo in cui i Gym Class Heroes fanno sembrare gente come i Black Eyed Peas dei veri e propri geni nel campo dell'hip hop più mainstream...

* * *

Katie Noonan - Skin
Un'occhiata stavolta alle classifiche australiane: i due album più venduti sono curiosamente entrambi di qualche tempo fa (uscito a settembre 2006 "The Dutchess" di Fergie, addirittura a fine 2005 "I'm Not Dead" di Pink), ma trainati da singoli altrettanto forti.
La meglio piazzata tra gli artisti locali è Katie Noonan, cantautrice eclettica -spazia dal jazz all'opera- che evidentemente può fare un po' quel che vuole con la sua voce.
"Time To Begin" è il singolo di carattere pop/r&b che ha lanciato il suo primo album solista, dopo 3 dischi con i George e altre collaborazioni.

* * *

Can't Touch It - Ricki-Lee
Nata ad Auckland, in Nuova Zelanda, ma emersa dalla serie "Australian Idol" del 2004, in questa "Can't Touch It" Ricki-Lee Coulter sembra quasi la vincitrice di un'ipotetico concorso "voglio essere come Beyoncé".
Comunque contende alla ballata di Fergie la vetta nella chart dei singoli, e i tempi (recenti) del girl-group Young Divas sembrano per lei già alle spalle...

* * *

Destination Calabria - Alex Gaudino feat. Crystal Waters
Dulcis in fundo, finalmente un disco italiano da esportazione: dopo aver conquistato i top 10 ufficiali britannici qualche mese fa, il dj salernitano Alex Gaudino ha ripetuto l'impresa anche in Francia, Polonia e Repubblica Ceca.
E in Australia, dopo esser salito fino al numero 3, è ancora nei fatidici primi dieci con questo "mash-up" (cioè una combinazione di due brani pre-esistenti) che sovrappone una traccia house strumentale, "Calabria" del danese Rune, con il suo contagioso riff di sax, alla finora misconosciuta "Destination Unknown" di Crystal Waters (che ebbe il suo quarto d'ora di celebrità nel '91 con "Gypsy Woman").
Ennesima conferma di quanto nell'ambito della musica dance le produzioni italiane possano essere davvero competitive a livello internazionale.

by Pop!

Settimana precedente: Chart Internazionali 2007/ Agosto: 2a settimana

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Una correzione: "Destination Unknown" non è un pezzo di Crystal Waters, ma semplicemente la versione originale del pezzo di Gaudino (sempre con il featuring di Crystal Waters) senza il sax di Rune.
Era stata pubblicata nell'estate del 2003.

pop! ha detto...

grazie per la correzione