13 settembre 2008

Pirl Parade 2008/ Settimana n.37 (dal 6 al 12 settembre )

Nonostante avesse un temibile concorrente quale Calderoli e le sue nuove tasse locali, la ministra Gelmini sbaraglia la concorrenza e si aggiudica il Pirl della scorsa settimana. Vediamo le nomination per la settimana in corso.

1. Giuseppe Giulietti per aver introdotto la legge che permette di chiudere i blog
Chi credesse che le normative repressive e liberticide siano frutto solo di questa destra trucida, ahimè, dovrà ricredersi. La legge che ha consentito di chiudere il blog di Carlo Ruta come stampa clandestina, ha avuto come relatore Giuseppe Giulietti, noto giornalista diessino che all'epoca (aprile 2001) ne fu il maggiore sponsor. Questa fu la sua risposta a chi faceva notare che tale norma avrebbe potuto far chiudere la quasi totalità dei siti: "La legge sull'editoria non ha mai avuto tra i suoi obiettivi quello di imbrigliare le attività editoriali sulla rete. Sono quindi falsi gli allarmi e le preoccupazioni diffusi in tal senso". Ed ora, che la procura di Modica ('ndo cazzo si trova Modica?), ha chiuso il primo blog per stampa clandestina, questo super-pirla ha la faccia tosta di chiedere in una interrogazione parlamentare se non sia vero che "secondo la logica prevalsa, la quasi totalità dei siti web italiani, per il solo fatto di esistere, potrebbero essere considerati fuorilegge, in quanto appunto "stampa clandestina", e ciò - secondo l'interrogante - in spregio a ogni regola della democrazia". Pirla, te l'avevano detto in 35.000 con una petizione che tale legge sarebbe stata una sciagura.

2. L'intero governo Berlusconi IV per la gestione della sicurezza
Non passa giorno che non vengono inventati nuovi reati e nuove aggravanti, cancellando ogni ragionevole confine tra maleducazione, inciviltà, micro-devianza e criminalità. Insomma, per qualunque cagata ora si va in prigione. E poi, all'improvviso, si accorgono che le prigioni sono piene e che occorre svuotarle. E cosa si inventa l'Angelino Alfano, attuale maggiordomo della Giustizia? L'indulto? Mai sia: il braccialetto per i detenuti, rivelatosi del tutto fallimentare quando è stato sperimentato, oltre che vergognosamente costoso per le nostre tasche. In pratica, si stanno apprestando a rimettere in libertà criminali di tutte le risme, forse per far posto a chi va a battone o si fa una canna.

3. Il presidente della Lega Calcio Matarrese per le carceri negli stadi
Eccone un altro. Mentre il governo vuole sfoltire le prigione dai criminali, Antonio Matarrese vuole costruire le prigioni direttamente negli stadi. Lui, che rappresenta i club calcistici che si sono sempre opposti all'applicazione delle tante e rigide norme che sono state varate in questi anni.

4. La Procura di Napoli per la perquisizione all'Espresso
Succede che un pentito napoletano confessa come, per 20 anni, abbia nascosto monnezza in tutto il territorio tra Napoli e Caserta, con la complicità di camorristi, amministratori e politici campani. Succede anche che due giornalisti dell'Espresso ne pubblichino le confessioni in un'ampia inchiesta. E succede che nell'articolo si evidenzia che uno dei maggiori implicati è l'attuale sottosegretario all'Economia del governo Berlusconi, quello che si vanta di aver sgominato la monnezza napoletana. Orbene, cosa fa la procura napoletana? Logica vorrebbe che indagasse su quanto dichiarato dal pentito. Ed invece il primo atto è quello di mandare la Guardia di Finanza a perquisire gli uffici dell'Espresso e le abitazioni dei due giornalisti autori dell'inchiesta. E' un dettaglio del tutto secondario che la Guardia di Finanza dipenda dal ministero dell'Economia, suppongo.

5. Il presidente della Confesercenti, Marco Venturi
L'attuale tenutario dell'associazione dei bottegai si sta lagnando della recessione in cui il paese è immerso, con il PIL a crescita zero, la produzione industriale in calo ed il potere d'acquisto dei consumatori in picchiata verticale. E non capiamo di cosa si lamenti visto che la sua associazione, per intero, ha appoggiato e votato in massa per l'attuale maggioranza. Chi è causa del suo mal...

Ok,a voi la scelta.



Alla prossima.

Pirl Parade precedente: Settimana n.36 (dal 30 Agosto al 5 Settembre 2008)

8 commenti:

diego ha detto...

ma Obama e la sua gaffe te la sei dimenticata?

chartitalia ha detto...

Gaffe di Obama? Ah... la propaganda repubblicana giunge sino alle nostre remote sponde; l'espressione usata è un modo di dire americano per indicare quando si vuole riciclare qualcosa ed era rivolta a McCain che, tra l'altro, l'aveva usata pari pari nei confronti di Obama qualche mese prima. Che poi i repubblicani si siano fiondati su per imbastire una campagna infame è cosa cosa così ovvia che credevo che solo i boccaloni americani potevano cascarci, ed invece...

Anonimo ha detto...

il carcere nello stadio ma va neance in quelli penali stanno dentro figuriamoci negli stadi matarrese e un povero illuso che vive in un mondo tutto suo ciao

Anonimo ha detto...

si sa bene da che parte sta questo governo difende i furbetti i corrotti e i potenti sulla guistizia si fanno piccole leggi di facciata e poi nessuno ne parlera piu sai un proverbio dice (occhio non vede cuore non sente )e cosi si è fatto per la prostituzione nascote nelle case chiuse va bene

Anonimo ha detto...

Per gli scienziati del CERN? Pirl Award ad honorem?
beh...almeno adesso sappiamo che Dio c'è...e che quello che ha fatto, l'ha fatto con due lire; anzichè spendere miliardi di euro per sotterrare un ammasso di tubi nella cintura ginevrina.

diego ha detto...

sulle cose che hai detto sono abbastanza d'accordo, cmq sia col vegliardo McCain e Obama Bin Laden (quest'ultima battuta non è mia) un enorme falò lo farei.

Anonimo ha detto...

Pirl Parade winner di kvest zettimana zono io...Jozef razzingher...io ke fato a Parici...e tico ai ciofani di non inzekuire falzi miti e kvattrini...mentre al kollo faccio sfoccio del mio pel kollier .... i tenko la ferrari parkeciata in ciartino di Fatikano. Auf Wiedersen

ilgmk ha detto...

Una piccola precisazione per l'anonimo del 14/09. Se tutti ragionassero così probabilmente saremmo ancora a strofinare rametti per accendere il fuoco. Oggi siamo abituati a considerare solo cose che ci diano un risultato immediato, possibilmente per il giorno successivo, bollando come pippe inutili tutto il resto. È grazie a sto modo di pensare che ci ritroviamo in questo paese con la ricerca a terra. Probabilmente i risultati pratici di quello che stanno facendo al CERN li potremo apprezzare tra qualche decina di anni. Saremo già due metri sotto? Pazienza, sarà a vantaggio dei discendenti. Io semmai darei il pirl a tutti gli idioti che hanno subito gridato alla fine del mondo e a quelli che hanno dato loro ascolto. E non penso proprio che a quelli del CERN interessasse dimostrare l'esistenza di esseri divini. Per favore lasciamo la religione fuori dalla porta quando si parla di scienza. A ognuno il suo campo. Scusate ma 'ste robe mi fanno girare i maroni. Più dei dischi di Gigi D'Alessio.;)

Ciao! Marco