24 ottobre 2010

Chi ci lascia/ Remo Germani

Un altro pezzo dei "mitici" anni '60 che se ne va. Senza tanto rumore, e del tutto ignorato dai media mainstream, lo scorso 17 ottobre se ne è andato Remo Germani, garbato interprete che ebbe il suo momento di gloria nella prima metà del decennio, in epoca pre-beat e pre-Battisti. Forse il titolo del suo più grande successo, Baci, vi dirà poco (sopratutto se avete meno di quarant'anni), ma forse avete sentite canticchiare dai vostri genitori "la ragazza del mio cuore sei...".

Come spesso si usava a quei tempi, il brano era una cover di un successo statunitense, Things, scritto ed interpretato dall'italo-americano Bobby Darin con voce calda e sensuale. Germani, pur ricalcando fedelmente l'arrangiamento originale, seppe far proprio il brano e trasformarlo nel tormentone estivo del 1963.

Catapultato così tra i big della canzonetta, ebbe un paio di altri successi di medio calibro, primo tra tutti Non andare col tamburo, che sembra il paradigma stesso della canzonetta e della musica "leggera" (imperdibile il relativo videoclip d'epoca).

Partecipò a diverse edizioni del festival di Sanremo dal 1964 (Stasera no no no) al 1967 (E allora dai) ed incise sigle di importanti trasmissioni televisive.

Ma i mutamenti dei gusti conseguenti al clima culturale di fine decennio gli furono fatali e non riesce più a replicare i successi degli anni passati. Nonostante cerchi nuove strade incidendo insieme alla moglie (come Remo & Josie) quello che forse è il primo brano reggae italiano, Ora che sei qui, curiosa versione di un brano dei Camaleonti (Non c'è più nessuno) che era una cover di A groovy kind of love dei Mindbenders, che verrà rielaborata successivamente anche da Ivan Graziani (Agnese) e poi da Phil Collins nel 1988, ma che non è altro che il Rondò dalla Sonatina per pianforte op.36/5 di Muzio Clementi, risalente ai primi dell'Ottocento.

Al solito, non possiamo che ricordarlo dedicandogli una playlist dei suoi brani più significativi.

Remo Germani Playlist
1963 - Baci
1963 - E' tornata l'estate
1963 - Mai prima d'ora
1963 - Non andare col tamburo
1964 - Stasera no, no, no
1965 - Prima o poi
1965 - Così come viene
1967 - E allora dai!
1967 - Darsi un bacio
1968 - Mi capisci con un bacio

6 commenti:

Miguel ha detto...

Se non ricordo male la canzone "Baci" fu usata per un periodo (1994-96 mi sembra) come jingle per una pubblicita' di caramelle (mi sembra Chloridont o qualcosa di simile).
Comunque mi dispiace molto per la sua morte.

.mau. ha detto...

due domande:

E allora dai! è quella che io conosco cantata da Giorgio Gaber?

Sicuro che sia il Rondò di Clementi? Per quello che ricordo io è il primo movimento della prima Sonatina per pianoforte, e in genere i rondò sono in fondo alle suonate e affini.

chartitalia ha detto...

@mau:
per la prima domanda: certo, l'avevano prsentata insieme al festival di sanremo quando c'era la doppia interpretazione

per la seconda: la numerazione delle sonate di Clementi è sempre piuttosto controversa ed ho sempre fatto fatica ad individuare esattamente quella di questo famoso motivo: credevo di averla individuata ma e tu hai dei dubbi li fai venire anche a me...; farò un supplemento di indagine

chartitalia ha detto...

@mau:
allora, ho verificato e confermo che la Sonatina di Clementi contenente il celebre motivo plurisaccheggiata è proprio il Rondò finale; ho anche linkato una delle tante versioni che sono su YouTube, in una versione relativamente lenta, mentre tra i link alternativi proposti sulla pagine di YT ve ne sono anche in tempo prestissimo

.mau. ha detto...

il che significa che la mia memoria (quelle sonatine le suonavo al piano quasi quarant'anni fa...) sta andando a rotoli. (Tra l'altro ero convinto fosse in do maggiore, mentre è in sol)

Per i curiosi, lo spartito lo trovate a pagina 26 di questo file.

MARCO MENNA ha detto...

...NELLA CRONISTORIA DELLA VITA ARTISTICA DI REMO C'E' UN GROSSO ERRORE , IL DUO REMO&JOSIE NON COMPRNDEVA SUA MOGLIE LUISA OVVIAMENTE !( ERO NEL GRUPPO DI REMO ) - GRAZIE E SALUTI , MARCO MENNA