11 gennaio 2010

Hit Parade che non c'è 2010/ Settimana n. 1 del 10 Gennaio

Parecchie nuove proposte questa settimana, ad iniziare dalla N.1: Doubt dei Delphic, una delle tante band che spuntano quasi dal nulla in Gran Bretagna e che stanno per rilasciare il loro primo album, ACOLYTE, salutato già come uno dei grandi album del 2010. Ah, sarà un caso, ma anche il n.2 (One Life Stand degli Hot Chip) ed il n.3 (la splendida Paradise Circus dei Massive Attack) arrivano dalla perfida Albione...

Ma inziamo con il player contenente la Top 20 completa così, se ne avete voglia, potete ascoltare i brani della lista (che, ricordiamo, sono quelli che vorremmo vedere prossimamente in classifica).



E visto che avete la possibilità di votare anche voi, notiamo che la scorsa settimana le vostre preferenze sono andate a Wonderful Life (ora al 9°) degli Hurts (indovinate di che nazionalità sono...) seguiti, sorprendentemente, da Natural mente dello storico gruppo italiano dei Frigidaire Tango e dal duo di sgallettate (ovviamente inglesi anche loro) dei Mini Viva con I Wish.

6 sono le nuove entrate di questa settimana. Straordinaria quella del 4° posto: Coulouring Of Pigeons dell'altrettanto straordinario gruppo svedese The Knife che per l'occasione si fanno accompagnare da tali Mt. Sims e Planningtorock. Loro sono due fratelli Andersson: Karin Dreijer e Olof Dreijer, e lei forse la conoscete in quanto ha cantato con i Royksopp nella relativamente nota "What Else Is There". E come dice il nostro Massimo: "Quasi dieci minuti di pereverso godimento. Ve ne consiglio l'intero ascolto, a me per un attimo è sembrato di stare in platea de Il Quinto Elemento, seduto accanto a Korben Dallas ad ascoltare la divina Lady Plavalaguna."

Uscirà il prossimo 25 gennaio come secondo singolo estratto dal loro terzo album IN THIS LIGHT AND ON THIS EVENING ma noi la facciamo già entrare nella nostra classifica: si tratta di You Don't Know Love dei britannici (ma no?) Editors, che va arimpiazzare la title-track che era nella nostra lista sino alla scorsa settimana.

Nel nostro tentativo di valorizzare e segnalare le cose migliori prodotte in Italia, non potevamo esimerci dal presentare Il paradiso non è per te, ultimo singolo da RECIDIVO di Mario Venuti, autore ed interprete che tira fuori sempre cose interessanti: assurdo che un musicista così fatichi a trovar spazio nell'asfittico panorama nazionale.

Poi due proposte non proprio "facili" ma affascinanti: When I Look At You di Emalkay, brano dubstep con una atmosfera da "urban desolation" (bellissima) e Convinced of the Hex dei Flaming Lips, band che non sbaglia un colpo.

Infine ritorniamo ad atmosfere più rilassanti con un gruppo tutto al femminile, le Au Revoir Simone che, per una volta arrivano dagli States. Il pezzo, piuttosto piacevole, si intitola Shadows.



Ok, qui sotto per farci sapere cosa ne pensate.

Classifica precedente: Settimana n.52 del 3 Gennaio

Nessun commento: