12 gennaio 2012

La Top 100 del 2011: i brani di maggior successo dell'anno

Eccola. In attesa di elaborare la classifica dei migliori brani del 2011 (a proposito, un grosso a grazie a tutti coloro che hanno già espresso le loro preferenze, ne approfitto per ricordarvi che le votazioni sono aperte sino al 15 di questo mese), eccovi la classifica dei brani di maggior successo dell'anno (la differenza tra i due tipi di classifica mi sembra sin troppo ovvia e non necessita di ulteriori precisazioni). Vi sono alcuni verdetti molto chiari. Il primo è che Adele è l'incontrastata dominatrice del 2011, sia in ambito mondiale che italiano anzi, per la precisione, risulta sinora l'artista di maggior successo di tutti gli anni Duemila e Someone like you risulta il brano di maggior successo dell'annata. Ok, intanto questa è la Top 100, con in coda qualche chiacchiera.


1
Adele

30/07/2011 - N.sett.: 20 - Max: 1
2
Alexandra Stan

05/02/2011 - N.sett.: 45 - Max: 1
3
Jennifer Lopez / Pitbull

19/02/2011 - N.sett.: 35 - Max: 1
4
Don Omar / Lucenzo

07/05/2011 - N.sett.: 27 - Max: 1
5
Tiziano Ferro

15/10/2011 - N.sett.: 12 - Max: 1
6
Coldplay

17/09/2011 - N.sett.: 16 - Max: 1
7
Jovanotti

01/01/2011 - N.sett.: 35 - Max: 1
8
Vasco Rossi

12/02/2011 - N.sett.: 32 - Max: 2
9
David Guetta / Usher

03/09/2011 - N.sett.: 18 - Max: 2
10
Jovanotti

29/01/2011 - N.sett.: 37 - Max: 1
11
Adele

01/01/2011 - N.sett.: 53 - Max: 2
12
Jovanotti

29/01/2011 - N.sett.: 33 - Max: 1
13
Maroon 5 / Christina Aguilera

09/07/2011 - N.sett.: 26 - Max: 3
14
Modà / Emma Marrone

19/02/2011 - N.sett.: 35 - Max: 1
15
Maria Gadú

04/06/2011 - N.sett.: 25 - Max: 1
16
Adele

16/04/2011 - N.sett.: 38 - Max: 3
17
Rihanna / Calvin Harris

24/09/2011 - N.sett.: 15 - Max: 3
18
Fabri Fibra

01/01/2011 - N.sett.: 34 - Max: 3
19
Jessie J / B.o.B

26/02/2011 - N.sett.: 27 - Max: 5
20
Michel Telò

03/12/2011 - N.sett.: 5 - Max: 1
21
Gianna Nannini

01/01/2011 - N.sett.: 23 - Max: 2
22
Laura Pausini

17/09/2011 - N.sett.: 16 - Max: 1
23
Vasco Rossi

27/08/2011 - N.sett.: 16 - Max: 1
24
Giorgia

11/06/2011 - N.sett.: 24 - Max: 4
25
Lady GaGa

12/02/2011 - N.sett.: 30 - Max: 4
26
James Morrison

27/08/2011 - N.sett.: 19 - Max: 7
27
Pitbull / Ne-Yo / Afrojack / Nayer

07/05/2011 - N.sett.: 30 - Max: 5
28
Noemi

29/01/2011 - N.sett.: 23 - Max: 4
29
Vasco Rossi

02/04/2011 - N.sett.: 24 - Max: 5
30
Katy Perry

01/01/2011 - N.sett.: 21 - Max: 3
31
Black Eyed Peas

26/02/2011 - N.sett.: 26 - Max: 5
32
Coldplay

04/06/2011 - N.sett.: 26 - Max: 3
33
Michael Franti / Spearhead / Jovanotti

02/07/2011 - N.sett.: 19 - Max: 3
34
Bruno Mars

08/01/2011 - N.sett.: 18 - Max: 5
35
Jovanotti

29/01/2011 - N.sett.: 19 - Max: 5
36
LMFAO / Lauren Bennett / Goon Rock

23/04/2011 - N.sett.: 35 - Max: 8
37
L'Aura Abela / Nek

05/11/2011 - N.sett.: 9 - Max: 6
38
Red Hot Chili Peppers

30/07/2011 - N.sett.: 22 - Max: 7
39
Bruno Mars

30/04/2011 - N.sett.: 22 - Max: 7
40
Roberto Vecchioni

19/02/2011 - N.sett.: 12 - Max: 2
41
Negrita

24/09/2011 - N.sett.: 15 - Max: 7
42
Martin Solveig / Dragonette

01/01/2011 - N.sett.: 22 - Max: 6
43
Katy Perry

25/06/2011 - N.sett.: 24 - Max: 8
44
Giorgia

10/09/2011 - N.sett.: 17 - Max: 8
45
Modà

01/01/2011 - N.sett.: 36 - Max: 5
46
Hooverphonic

26/03/2011 - N.sett.: 20 - Max: 9
47
Duck Sauce

01/01/2011 - N.sett.: 19 - Max: 5
48
Michael Jackson / Akon

01/01/2011 - N.sett.: 11 - Max: 2
49
Brooke Fraser

15/01/2011 - N.sett.: 21 - Max: 11
50
Aloe Blacc

28/05/2011 - N.sett.: 19 - Max: 9
51
Zucchero

30/04/2011 - N.sett.: 25 - Max: 9
52
Bob Sinclar / Raffaella Carrà

26/03/2011 - N.sett.: 29 - Max: 8
53
Katy Perry / Kanye West

12/03/2011 - N.sett.: 17 - Max: 7
54
Giusy Ferreri

19/02/2011 - N.sett.: 13 - Max: 7
55
Lady GaGa

14/05/2011 - N.sett.: 24 - Max: 6
56
Gianna Nannini

15/01/2011 - N.sett.: 27 - Max: 10
57
Rihanna

19/03/2011 - N.sett.: 24 - Max: 8
58
Jason Derulo

10/09/2011 - N.sett.: 17 - Max: 12
59
Rihanna / Drake

01/01/2011 - N.sett.: 16 - Max: 9
60
Caro Emerald

05/03/2011 - N.sett.: 20 - Max: 11
61
R.E.M.

29/01/2011 - N.sett.: 20 - Max: 12
62
Subsonica

05/02/2011 - N.sett.: 21 - Max: 12
63
Jennifer Lopez

17/09/2011 - N.sett.: 16 - Max: 6
64
Emeli Sandè

01/10/2011 - N.sett.: 14 - Max: 13
65
Lenny Kravitz

18/06/2011 - N.sett.: 22 - Max: 11
66
Ligabue

26/11/2011 - N.sett.: 6 - Max: 8
67
Kooks

23/07/2011 - N.sett.: 24 - Max: 16
68
Shakira / Pitbull

30/04/2011 - N.sett.: 25 - Max: 9
69
Catalin Josan

09/04/2011 - N.sett.: 23 - Max: 17
70
Modà

19/02/2011 - N.sett.: 20 - Max: 13
71
Giorgia / Eros Ramazzotti

10/09/2011 - N.sett.: 12 - Max: 8
72
Superheavy

16/07/2011 - N.sett.: 22 - Max: 15
73
Fitz and the Tantrums

14/05/2011 - N.sett.: 22 - Max: 16
74
Beady Eye

22/01/2011 - N.sett.: 17 - Max: 14
75
Snoop Dogg / David Guetta

26/03/2011 - N.sett.: 33 - Max: 31
76
Daniele Silvestri

19/03/2011 - N.sett.: 24 - Max: 16
77
Cee Lo Green

23/04/2011 - N.sett.: 21 - Max: 15
78
Dolcenera

16/04/2011 - N.sett.: 20 - Max: 10
79
Davide Van De Sfroos

19/02/2011 - N.sett.: 13 - Max: 3
80
Rihanna

04/06/2011 - N.sett.: 22 - Max: 16
81
Antonello Venditti

05/11/2011 - N.sett.: 9 - Max: 10
82
Asteroids Galaxy Tour

28/05/2011 - N.sett.: 22 - Max: 13
83
Black Eyed Peas

01/01/2011 - N.sett.: 20 - Max: 8
84
Laura Pausini

12/11/2011 - N.sett.: 8 - Max: 11
85
Amy Winehouse

12/11/2011 - N.sett.: 8 - Max: 9
86
Gym Class Heroes / Adam Levine

01/10/2011 - N.sett.: 14 - Max: 15
87
Modà

19/02/2011 - N.sett.: 18 - Max: 13
88
Martin Solveig / Kele

23/04/2011 - N.sett.: 26 - Max: 21
89
Beyoncè

05/11/2011 - N.sett.: 9 - Max: 12
90
Swedish House Mafia

21/05/2011 - N.sett.: 28 - Max: 35
91
Raf

23/04/2011 - N.sett.: 20 - Max: 15
92
Avril Lavigne

15/01/2011 - N.sett.: 19 - Max: 19
93
Lady GaGa

28/05/2011 - N.sett.: 16 - Max: 13
94
Caro Emerald

01/01/2011 - N.sett.: 12 - Max: 9
95
Jovanotti

29/01/2011 - N.sett.: 11 - Max: 8
96
Noel Gallagher's High Flying Birds

15/10/2011 - N.sett.: 12 - Max: 18
97
Ben l'Oncle Soul

30/07/2011 - N.sett.: 19 - Max: 16
98
Ben Westbeech

01/10/2011 - N.sett.: 14 - Max: 19
99
Caparezza / Tony Hadley

05/02/2011 - N.sett.: 19 - Max: 17
100
Modà

19/02/2011 - N.sett.: 8 - Max: 8

Adele non si limita al N.1 ma piazza altri due brani nella Top 20. Per un soffio Rolling In The Deep (11°), brano di punta del suo acclamato album intitolato 21, non entra in Top 10 ma conquista comunque un ulteriore primato: è l'unico brano ad essere stato presente ininterrottamente in tutte le 53 settimane del 2011. Ed in realtà ci sarebbe entrato tranquillamente in Top 10 se considerassimo sia le presenze in classifica del brano nel 2010 che quelle che ci saranno nel 2012 in quanto il suo ciclo di vita non si è ancora concluso (è ancora in classifica al n.44 nell'ultima settimana).

A completare il trionfo della cantante londinese c'è in posizione n. 16 Set Fire To The Rain, anch'esso ancora in classifica dopo 38 settimane, senza contare che ulteriori estratti dal suo fortunatissimo album potrebbero ancora sviluppare il loro potenziale da classifica (ad es. "Turning Tables" o "Rumour has it"). Beh, la cosa ci fa particolarmente piacere, ricordando i remoti tempi in cui il nostro ottimo Pop! segnalava nella nostra Hit Parade Che Non C'è del gennaio 2008 una ragazzina diciannovenne che aveva inciso il suo primo singolo ("Hometown Glory") per una minuscola ed oscura etichetta indipendente...

Altro verdetto inequivocabile è lo strapotere delle interpreti femminili che continuano a carattezzare questo inizio di millennio: le prime tre posizioni sono tutte appannaggio di voci muliebri, senza limiti geografici, estendendosi dall'ex cortina di ferro (la dance che viene dall'Est di Alexandra Stan con il tormentone Mr. Saxobeat) alle coste atlantiche americane con la dance yankee di Jennifer Lopez con On the floor in cui si fa accompagnare dal rapper Pitbull.

A proposito di quest'ultimo potremmo inserirlo d'ufficio, se non tra i trionfatori dell'annata, sicuramente tra gli emergenti essendo riuscito a piazzare anch'egli 3 pezzi nella Top 100: quello in coppia con "il sedere più bello del mondo", al n. 68 con un'altra fanciulla che non scherza sul tema (Shakira, con Rabiosa), ed in proprio con Give me everything al n. 27.

Anche la produzione italiana ha un suo trionfatore in Jovanotti: al notevole successo arriso al primo estratto dal suo (ennesimo) fortunatissimo album ORA (Tutto l'amore del mondo, continuato nel 2011 dopo che aveva chiuso 22-esimo nella Top 100 del 2010) si è aggiunto quello di ulteriori 5 brani, tutti in Top 100: i due N.1 Il più grande spettacolo dopo il big bang e Le tasche piene di sassi, e le più recenti Top 10 de La notte dei desideri e Ora, intervallate dal featuring nella versione italiana di The sound of sunshine in coppia con Michael Franti. Insomma, 6 brani che hanno raggiunto la Top 10, di cui 3 addirittura il N.1, rappresentano indubbiamente un indicatore della capacità del cantautore tosco-romano della sintonia raggiunta con il grande pubblico.

Il testimone di Jovanotti 2010 viene raccolto da Tiziano Ferro 2011, nel senso che molto probabilmente il suo ultimo album, L'AMORE E' UNA COSA SEMPLICE, ripeterà il successo dell'album del Jovanotti e nel 2012 avremo un buon numero di estratti che impazzerranno nella Top 100, ad iniziare magari proprio dalla title track. E così, mentre 2 anni fa era il primo estratto "Tutto l'amore del mondo" a chiudere l'anno in testa, quest'anno tocca al primo estratto dall'album del Ferro, La differenza tra me e te a capeggiare la Top 100 di fine anno, mentre il brano si piazza in una eccellente 5a posizione nonostante sia ancora in pieno ciclo di vita.

La produzione italiana si difende tutto sommato dignitosamente rispetto alle mega-produzioni di pop internazionale, rappresentando circa il 40% del totale dei brani della Top 100. Il vero problema è che le classifiche premiano scarsamente il meglio della produzione italiana (meglio che si nasconde principlamente tra le produzioni indipendenti) mentre quella mainstream raggiunge a malapena un livello dignitoso. Livello che invece non viene raggiunto dall'ormai rintronato Vasco Rossi e che, a dispetto di qualsiasi logica, continua ad imperversare nelle varie classifiche di vendita, piazzando ben 3 titoli nei primi 30: la trombonesca Eh... già (8° posto), la stucchevole I soliti (23°) e la demente Manifesto futurista della nuova umanità (29°).

Altrettanto noiosi i pezzi di Gianna Nannini (Ogni tanto e Ti voglio tanto bene) o della Pausini (Benvenuto e Non ho mai smesso) e, sopratutto, quelli dei Modà che, purtroppo, rappresentano la maggiore affermazione "giovane" italiana dell'annata piazzando ben 5 brani nella Top 100: dal titolo vincitore dell'ultimo Sanremo (Arriverà, in coabitazione con Emma Marrone), passando dal precedente hit La notte, e finendo con gli ultimi arrivati Vittima, Salvami e Tappeto di fragole. Insulsi ed insopportabili.

Insomma, per trovare qualche pezzo italiano davvero convincente dobbiamo scendere sino al 62° posto di Istrice dei Subsonica o al 76° di Ma che discorsi di Daniele Silvestri o quasi all'ultimo posto di Caparezza con Goodbye Malinconia. Tant'è che c'è quasi da restare stupiti per il 18° posto di Tranne te del rapper Fabri Fibra o dei buoni pezzi di Giorgia, Il mio giorno migliore e E' l'amore che conta, che si fermano comunque al 24° e 44° posto.

Riprendendo a scorrere la classifica, al n.4 uno dei tanti indicatori che fanno perdere la fiducia nell'umanità: il successo di un brano insulso quale Danza kuduro risulta sconcertante, anche considerando il suo inserimento in un film di successo quale il tamarrissimo Fast & Furious 5. La fiducia nel genere umano viene definitivamente affossata considerando il successo virale di un ulteriore brano tamarro: l'insopportabile Ai se eu te pego! del cretinetti di turno, tale Michel Telò. Vabbè, ci asteniamo da altri commenti, altrimenti vi viene il sospetto che questo pezzo ci stia vagamente sugli zebedei...

Completano la Top 10 due hit internazionali, europei per la precisione: i britannici, sempiterni, Coldplay che azzeccano l'ennesimo pop-melodico con Paradise (con forse meno freschezza rispetto ad altre volte) ed il francese David Guetta con Without you, punta di diamante della sua solita schiera di pezzi danzerecci che invadono il dancefloor.

Ciò detto, cosa a proposito dei pezzi migliori dell'annata? Ah... questa è un'altra storia, anzi un'altra classifica che tra l'altro stiamo mettendo a punto in questi giorni e a cui potete contribuire anche voi partecipando alle relative votazioni (c'è tempo ancora per un paio di giorni).

18 commenti:

Andrea - Rivoli ha detto...

Trovo che questo sia ogni anno il miglior post. A pochi giorni dalla chiusura dell'anno precedente ci si può voltare indietro e fare un bilancio. Certo è difficile che la classifica rispecchi i nostri gusti, si trovano sia belle canzoni che roba banale, ma che purtroppo vende. E adesso... pronti a seguire gli sviluppi di un 2012 in cui tuttavia non sembra che siano previste grandi novità discografiche.

robbocop ha detto...

Questa classifica come è stata realizzata ? Avete sommato i punteggi settimanali ?

Pepelippe ha detto...

Riflessioni sul primo posto

Scusate una cosa ma come è possibile che sta canzone venda così tanto?
Ok è carina, orecchiabile ma non mi sembra poi sto capolavoro per essere la più venduta degli anni 2000!
A me ricorda qualcosa degli hooverphonic o di Dido ma di certo non la sento ne così cantata nè così apprezzata dalla gente ...
Secondo me c'è sotto qualche magheggio delle case discografiche.
Non per dire ma volete mettere il successo di alcune colonne sonore del passato o di tormentoni?
E poi che dire se la si paragona con grossi nomi di questi anni tipo Madonna o Eminem piuttosto che roba supercommerciale stile Rihanna?
Assurdo pensare che venda più di Hung up o qualcosa di 8th miles(ma neanche Lady Gaga o i Red Hot)nei 2000...
Non è un post contro questa Adele ma solo una ovvia riflessione...
Boh qualcuno mi spieghi sta cosa ( per cortesia non ditemi che i gusti sono soggettivi perchè qui si parla di marketing di massa)

MassimoL ha detto...

ahahaha mi piacciono gli aggettivi con cui avete descritto le canzoni di Vasco Rossi e dei Modà! XXD

ilgmk ha detto...

Innanzi tutto buongiorno a tutti!
Non scrivevo da un bel po' su questo blog e riparto facendo i complimenti per i recenti post musicali, davvero interessanti!
Non commento il classificone, ma vorrei rispondere a Penelippe. Certo che il successo di Adele è il frutto di una strategia promozionale studiata ed azzeccata. Quando mai non è così? Il successo apocalittico è tuttavia il frutto anche di una fortunata (per lei e per i suoi discografici) combinazione di eventi che si verifica una volta ogni 2-3 anni. Innanzi tutto, l'album è il classico esempio di disco concepito per piacere in modo trasversale ad ampie fette di pubblico: commerciale ma sufficientemente "raffinato", in modo da essere appetibile anche per un pubblico “adulto” che non si esalta particolarmente per le composizioni da teenager delle varie divette pop. Cantato da una che per fortuna non ha bisogno dell'autotune. Insomma un prodotto ben confezionato adatto a piacere ai babbioni che comprano i dischi di carampane come Susan Boyle, a chi deve fare un regalo, a chi si sente orfano di Amy Winehouse e, al contempo, con un'interprete che non scoraggia l'acquisto da parte dei ragazzini. Sommando i fattori si può capire come si possono ottenere vendite record. Vendite che tuttavia si possono verificare solo se si soddisfano ulteriori fattori. In questo caso la promozione ha funzionato bene. “Rolling In The Deep” è stato il pezzo perfetto per attirare l'attenzione. Poi il lancio in pompa magna è avvento con l'esibizione di “Somebody Like You” ai Brit Awards (l'equivalente di San Remo in UK). Esibizione che ha portato ad oltre un milione di copie scaricate del pezzo (il più venduto dell'anno oltremanica), tenendo sotto la cover di “Express Yourself” fatta da Lady GaGa. Che sia stato per l'interpretazione voce + piano, che sia stato per la qualità del pezzo, è certo che i britannici sono impazziti per la canzone, l'album e l'interprete (il cui precedente album è pure andato a ruba).

Poi, quando un disco inizia a vendere a palate, si innesca un circolo virtuoso che coinvolge molti acquirenti occasionali (quelli che comprano 1-2 dischi l'anno). Risultato: camionate di copie vendute.

È sempre successo, si trattasse di Simon & Garfunkel o dei Fleetwood Mac, di Michael Jackson o dei Dire Straits, di Alanis Morissette o di Shanya Twain, di Norah Jones o di Amy Winehouse (epoche diverse, mezzi diversi, generi diversi, risultati analoghi). Quando il circolo virtuoso si innesca, l'effetto valanga è garantito. E, in questo caso, il prodotto era adatto per funzionare a tutte le latitudini. Riguardo al sospetto di strani maneggi dei discografici, direi che nel caso in questione (e nei casi analoghi) neppure la Spectre sarebbe riuscita a fare tanto, visto che album e singolo son arrivati in vetta praticamente ovunque. Direi che si è trattato di una botta di fortuna che non potrebbe essere replicata manco chiamando i cervelloni del MIT.

Insomma, un po' di calcolo, un po' di fortuna, un po' di merito e soprattutto una serie fortunata di eventi. Per stravendere non serve fare capolavori, ma solo la cosa giusta al momento giusto. Se poi il momento è favorevole anche per volumi di vendita e mancanza di concorrenza...

Riguardo al fatto che Adele non sia stata poi così apprezzata dal pubblico, mi sa che dipende da chi si frequenta: è da gennaio che tutti quelli che conosco (e non parlo di gente esperta di musica) mi stanno frantumando i maroni esaltando la paffuta inglesotta. In compenso, nel corso del 2011 ho sentito una sola volta “Danza Kuduro”: l'unica volta che è successo l'ho cliccato su Youtube mosso da curiosità, giusto per sentire se era veramente brutto come lo descrivevano. Concludendo che era anche peggio e che non avrei ripetuto l'esperienza.

Ciao!
Marco

ilgmk ha detto...

P.S.

Io mi preoccuperei più di un altro dato: secondo Wikipedia “Someone Like You” ha venduto in Italia 60.000 copie. Contro oltre 1.200.000 copie vendute in UK (più o meno gli stessi abitanti d'Italia). In Belgio (1/10 della popolazione italiana) le copie vendute son state 30.000. Insomma, il mercato discografico italiano sa facendo la fine del Dodo e del Tilacino.

ilgmk ha detto...

Innanzi tutto buongiorno a tutti!
Non scrivevo da un bel po' su questo blog e riparto facendo i complimenti per i recenti post musicali, davvero interessanti!
Non commento il classificone, ma vorrei rispondere a Penelippe. Certo che il successo di Adele è il frutto di una strategia promozionale studiata ed azzeccata. Quando mai non è così? Il successo apocalittico è tuttavia il frutto anche di una fortunata (per lei e per i suoi discografici) combinazione di eventi che si verifica una volta ogni 2-3 anni. Innanzi tutto, l'album è il classico esempio di disco concepito per piacere in modo trasversale ad ampie fette di pubblico: commerciale ma sufficientemente "raffinato", in modo da essere appetibile anche per un pubblico “adulto” che non si esalta particolarmente per le composizioni da teenager delle varie divette pop. Cantato da una che per fortuna non ha bisogno dell'autotune. Insomma un prodotto ben confezionato adatto a piacere ai babbioni che comprano i dischi di carampane come Susan Boyle, a chi deve fare un regalo, a chi si sente orfano di Amy Winehouse e, al contempo, con un'interprete che non scoraggia l'acquisto da parte dei ragazzini. Sommando i fattori si può capire come si possono ottenere vendite record. Vendite che tuttavia si possono verificare solo se si soddisfano ulteriori fattori. In questo caso la promozione ha funzionato bene. “Rolling In The Deep” è stato il pezzo perfetto per attirare l'attenzione. Poi il lancio in pompa magna è avvento con l'esibizione di “Somebody Like You” ai Brit Awards (l'equivalente di San Remo in UK). Esibizione che ha portato ad oltre un milione di copie scaricate del pezzo (il più venduto dell'anno oltremanica), tenendo sotto la cover di “Express Yourself” fatta da Lady GaGa. Che sia stato per l'interpretazione voce + piano, che sia stato per la qualità del pezzo, è certo che i britannici sono impazziti per la canzone, l'album e l'interprete (il cui precedente album è pure andato a ruba).

Poi, quando un disco inizia a vendere a palate, si innesca un circolo virtuoso che coinvolge molti acquirenti occasionali (quelli che comprano 1-2 dischi l'anno). Risultato: camionate di copie vendute.

È sempre successo, si trattasse di Simon & Garfunkel o dei Fleetwood Mac, di Michael Jackson o dei Dire Straits, di Alanis Morissette o di Shanya Twain, di Norah Jones o di Amy Winehouse (epoche diverse, mezzi diversi, generi diversi, risultati analoghi). Quando il circolo virtuoso si innesca, l'effetto valanga è garantito. E, in questo caso, il prodotto era adatto per funzionare a tutte le latitudini. Riguardo al sospetto di strani maneggi dei discografici, direi che nel caso in questione (e nei casi analoghi) neppure la Spectre sarebbe riuscita a fare tanto, visto che album e singolo son arrivati in vetta praticamente ovunque. Direi che si è trattato di una botta di fortuna che non potrebbe essere replicata manco chiamando i cervelloni del MIT.

Insomma, un po' di calcolo, un po' di fortuna, un po' di merito e soprattutto una serie fortunata di eventi. Per stravendere non serve fare capolavori, ma solo la cosa giusta al momento giusto. Se poi il momento è favorevole anche per volumi di vendita e mancanza di concorrenza...

Riguardo al fatto che Adele non sia stata poi così apprezzata dal pubblico, mi sa che dipende da chi si frequenta: è da gennaio che tutti quelli che conosco (e non parlo di gente esperta di musica) mi stanno frantumando i maroni esaltando la paffuta inglesotta. In compenso, nel corso del 2011 ho sentito una sola volta “Danza Kuduro”: l'unica volta che è successo l'ho cliccato su Youtube mosso da curiosità, giusto per sentire se era veramente brutto come lo descrivevano. Concludendo che era anche peggio e che non avrei ripetuto l'esperienza.

Ciao!
Marco

chartitalia ha detto...

@ilgmk:
Grazie caro. Per quanto riguarda il 1° posto di Someone Like You e delle relative scarse vendite globali, tieni presente che il successo di un brano, almeno per come lo misuriamo noi, non è solo dato dalla Top 100 download ma da diversi indicatori, tra cui airplay, album e quant'altro.

ilgmk ha detto...

Ciao Chart, si lo so che nel conto mettete anche altri indicatori, ma da quel che vedo i dati di vendita generali son piuttosto sconfortanti, in rapporto agli altri paesi europei. Mi pare che anche altri megasuccessi stranieri dell'anno in Italia (come "la triade della morte cerebrale", ovvero "Danza Kuduro", "On The Floor" e "Mr. Saxobeat"), siano stati certificati doppio platino, ovvero 60.000 copie. Ovvero quello che vende un singolo da Top 5 in UK in una settimana (il singolo della Lopez ha venduto di più in Svizzera!!!).

Una domanda: avevo postato una risposta anche a Penelippe prima del P.S. Ho notato che tuttavia il Blog l'ha presa solo dopo il P.S. e poi è sparita nel nulla. Che è successo?

chartitalia ha detto...

@ilgmk:
uhmm... sì, l'avevo vista, e poi è scomparso; per la verità, ne era arrivato un altro post uguale; non vorrei che questa ripetizione sia stata interpretata dalla piattaforma come spam ed infatti li aveva messi tra i commenti spam, bah... troppo sospettoso, vabbe', l'ho rimesso al suo posto

ma li voti questi brani 'er mejo der 211' o no? ci sono solo poche ore ancora
.

ilgmk ha detto...

Ciao Chart!
Grazie per averlo rimesso a posto!
Purtroppo in questo periodo il tempo è davvero tiranno e mi sa che dovrò saltare le votazioni per il 2011...:(
Mi rifarò col 2012, Maja permettendo;)
Ciao!!

Pepelippe ha detto...

Grazie ILgmk sei stato molto esauriente xo non capisco sto continuo lapsus froidiano col mio nome...mancanza di ex premier barzellettieri?
Cmq si boh vedrò di farmi sopportare sta Adele che tanto male non fa
Saluti

ilgmk ha detto...

Scusami Pepelippe, ma a volte leggendo il monitor un po' in velocità divento dislessico e confondo le lettere. Non c'era assolutamente intenzione di far battute:)

Anche se, ora che mi ci hai fatto pensare, temo che forse qualcosa di freudiano ci sia... :)
Ciao!
Marco

Anonimo ha detto...

ragazzi ma la classifca top album 2010? ma che si è fermato il tempo?
grazie marco

Anonimo ha detto...

e taca taca?

Anonimo ha detto...

Fibroga sempre su, contro haters e il resto Fabri azzecca sempre! Controcultura è uno dei dischi più belli di Fibra, e lo dico ai tempi Dell'Italiano Balla Male!!! #Balla

UfoRobert ha detto...

...e le classifiche dei singoli più venduti 2010 e 2011??
Le aspettiamo con ansia....da oltre due anni..

Gianpasquale ha detto...

@UfoRobert

Questa classifica cosa ti sembra?