18 aprile 2006

Il club degli avidi/ Laura Pausini

Laura Pausini ha appena vinto un Grammy Award, forse il più prestigioso riconoscimento cui una canzonettista possa aspirare, nella categoria Best Latin Pop Album. Da quando nel 1993 vinse a Sanremo nelle Nuove Proposte, la sua carriera non conosce soste, tant'è che nel 1995 vinse il World Music Award per aver venduto il maggior numero di dischi nel mondo.

A tutt'oggi sembra abbia venduto oltre 27 milioni di dischi e conquistato oltre 160 dischi di platino. E l'appena ricevuto Grammy Award non farà che aumentare il suo bottino. Insomma, il destino sicuramente non è stato avaro con lei e l'ha sommersa di gloria, e soldi. Ma, come spesso accade, sembra non bastarle.

Qualche settimana fa è uscito il suo ultimo singolo intitolato She (Uguale a le lei). Si tratta di una cover di un brano del 1974 di Charles Aznavour, intitolato originariamente "Tous les visages de l'amour" che ebbe un ottimo successo nella versione inglese, She, anche perchè utilizzato come sigla di un programma televisivo.

Dello stesso brano ne venne fatta una splendida versione italiana da Giorgio Calabrese, tradizionale collaboratore di Aznavour per le traduzioni in italiano: Lei, che ottenne un discreto successo anche in Italia nell'autunno dello stesso anno.

Ebbene, tra gli autori della versione della Pausini non risulta Giorgio Calabrese ma la stessa Pausini che sembra abbia "riscritto" il testo del brano. Beh, sinceramente non riusciamo a comprendere il motivo di questa nuova traduzione, visto che il testo della Pausini è piuttosto scialbo al confronto dell'originale di Calabrese.

Anche perchè, la "nuova" traduzione ricorda molto la scopiazzatura di un compito in cui è stato cambiato qualcosa per non farsi scoprire dalla maestra. A titolo di esempio, questo è l'originale:

"Lei, sara' lo specchio dove io,
Riflettero' progetti e idee
"

viene cambiato in:

"Lei lo specchio dove tornerai
dove ti riconoscerai
semplicemente come sei
"

Ma, sopratutto, non si comprende perchè, dovendo riscriverlo per riadattare il testo a se stessa, non abbia provveduto a trasformare il Lei in Lui, visto che c'è stato un cambiamento di genere dall'interprete originale che era maschile. Anche nel testo della Pausini, il termine Lei ritorna continuamente e funge da leit-motif. Già, sembra proprio uguale a "Lei" più che "Uguale a lei"...

Beh, il motivo forse riusciamo ad intuirlo: sostituendo il proprio nome all'autore del testo del brano, i diritti d'autore vengono dirottati verso la Pausini. Insomma, niente a che vedere con motivazioni "artistiche" ma molto a che vedere con banali motivazioni di cassetta.

Certo, dal punto di vista giuridico forse l'operazione della Pausini è perfettamente lecita (anche se qualche dubbio ci resta: le nostre nozioni giuridiche sono piuttosto approssimative). Ma altrettanto certo è che dal punto di visto dello stile, l'operazione nuova traduzione lascia molto a desiderare.

Tra i suoi nuovi progetti la Laura nazionale ha annunciato che registrerà un album di cover di autori italiani e che sarà nei negozi a Settembre. Vogliamo sperare che "29 settembre" non venga reincisa come "10 ottobre" e che il testo non venga riscritto da "Seduto in quel caffè io non pensavo a te" a "Sdraiato in quel ristorante io mi sentivo distante".

"Il club degli avidi/ Laura Pausini" Compilation
  1. Sophia Loren: SOLDI SOLDI SOLDI
  2. Pino Daniele: VOGLIO DI PIU'
  3. Jovanotti: VOGLIO DI +
  4. Charles Aznavour: TOUS LES VISAGES DE L'AMOUR
  5. Charles Aznavour: SHE
  6. Charles Aznavour: LEI
  7. Elvis Costello: SHE
  8. Laura Pausini: SHE (UGUALE A LEI)

Articolo precedente della serie: Il club degli avidi: Caterina Caselli

25 commenti:

Anonimo ha detto...

andate a cagare voi di musica non ne capite un cazzo laura non è che non si accontenta mai ma è che ha bisogno di sentirsi realizzata per ogni suo lavoro e come non detto ogni volta i suoi lavori vincono migliaia di premi e lei vende moltissimi dischi in tutto il mondo!!
quindi ritirate questo articolo che fate più bella figura

Anonimo ha detto...

laura nn ha mei rinnegato l esistenza di una già bella versione italiana di "she"
l ha riadattata secondo il suo gusto..cercando di lasciare immutata l essenza prima della canzone..
dei diritti d autore , laura nn è proprio la persona che se ne interessa
la cattiveria gratuita non è da rispettare!

Anonimo ha detto...

laura nn ha mei rinnegato l esistenza di una già bella versione italiana di "she"
l ha riadattata secondo il suo gusto..cercando di lasciare immutata l essenza prima della canzone..
dei diritti d autore , laura nn è proprio la persona che se ne interessa
la cattiveria gratuita non è da rispettare!

Anonimo ha detto...

sono certo che dietro nn ci sia una pura operazione commerciale, anche perchè, sinceramente, nn credo che Laura Pausini ne abbia bisogno. poi il fatto che abbia utilizzato "lei" e nn "lui" si riassume nel fatto che questa canzone è stata dedicata alle donne (non è un caso che sia uscita l'08/03)...poi ognuno è libero di pensare ciò che vuole, per carità, ma sinceramente, quando si parla di Laura Pausini, non si può pensare a dietrologie, ma solo alla passione che mette in tutto ciò che fa...

Anonimo ha detto...

Ho letto ed ho visto a Sanremo che laura Pausini ha cambiato il testo perchè nonostante lo ritenesse bellissimo, era un pò antico, e secondo me ha ragione avendo io entrambi. Inoltre non ha cambiato il "lei" in "lui" xchè la canzone è dedicata a tutte le donne..proprio come lo spot pubblicitario che ha fatto con sigla questa canzone. Perciò prima di scrivere a vanvera informatevi!

CONSIGLIO A TUTTI I LEGGENTI DI NON VENIRE SU QUESTO SITO XCHé é FASULLO!

SE VOLETE DEI VERI DATI DI VENDITA E REALI CLASSIFICHE
ANDATE SU:
www.fimi.it

Anonimo ha detto...

Cari fan di Laura, siete a dir poco ridicoli!!! Cercate di vedere le cose con lucidità e di non farvi trascinare dalla vostra passione per Laura, che vi porta spesso a fare considerazioni assurde; non vedrei nulla di strano se ci fossero degli interessi economici in tutto ciò. D'altro canto, anche la campagna pubblicitaria della Barilla (lanciata con questa canzone) ha fruttato a Laura un contratto da 2 milioni di euro...e non ditemi che l'ha fatto solo per l'amicizia che la lega a Luca barilla...

M.S. ha detto...

Non entrando nel merito della questione Pausini, quello che mi lascia perplesso di questo blog, è che l'autore professa la Somma Verità per ogni tipo di argomentazione.
Lui (pur non essendomi chiaro cosa faccia nelle sue giornate) sa tutto di giustizia, di politica, di cantanti, di avidità, di vecchi, di benpensanti, di leggi sbagliate, di mosse commerciali, di mercato, ecc.ecc.
Insomma, Chartitalia è chiaramente onniscente. Uno così allora è proprio sprecato a scrivere in un misero blog privato... bisognerebbe farlo capo del mondo ! Chartitalia è un modello di virtù e di raziocinio. Peccato solo che chi non la pensa come lui venga insultato, denigrato, oppure cancellato, ma queste sono irrilevanti quisquilie.
E dunque, Maestro illuminaci ancora con le tue verità !!!

Anonimo ha detto...

io però la penso come lui
cioè "dalle nuvole sono sceso da un pezzo"

Anonimo ha detto...

Laura Pausini ha scritto "Lei" e non "Lui" perchè da brava esponente del sciovinismo femminista è una di quelle che canta Mille Lodi alle "donne" (e tò, casualmente lei è una donna!! o quantomeno una FEMMINUCCIA...). D'altronde aspettarsi che queste egocentriche, narcisistiche femmine megalomaniache ogni tanto facessero anche una canzone dedicata agli "sporchi uomini" sarebbe un pò troppo da chiedere. Che continuino a "cantarsi" pure le lodi da sole, queste cantantuccie da strapazzo. Per me rimangono sempre e solo FEMMINUCCE.

W GLI UOMINI

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti sono una ragazza di 29 anni e da poco un caro amico a riscontato una malattia grave "sclerosi multipla". Vorrei aiutarlo nel coronare il suo piu' grande sogno, quello di poter incontrare laura pausini. Se qualcuno potrebbe aiutarmi a realizzare questo sogno, la prego di farmi sapere qualcosa in piu'. Grazie a tutti

Anonimo ha detto...

Sentite qui le cose sono due: o Laura Pausini è veramente la persona che vediamo sempre attraverso i media oppure ha una tale forza economica e di influenza fin dagli esordi che è sempre riuscita a mettere a tacere l altro suo volto (cioè quello di una cantante che fa pop solo per soldi). Decidete voi...io credo nelle prima; in fondo credo che tutti a volte dobbiamo piegarci alle leggi di mercato anche perchè i suoi affari laura non li gestisce da sola ma avrà qualche agente o no?

Anonimo ha detto...

carissima laura...,..innanzi tutto tanti auguri di natale e di u superfelice anno nuovo a te e a tutte le persone a cui vui bene fra cui vorre esserci anche io che sono una tua sfegatata fan.IO mi chiamo cristina.. e hi quindici anni e sono lontana da casa da due. sai ascolto molto ma molto spesso le tue canzoni... e a volte desidero di essere brava a cantare come te .... e se magari a volte asco la sera per andare al kar iperaaoke cato solo canzoni tue..grazie laura per le emozioni che mi trasmetti.. ti scongiuro rispondimi sarebbe il regalo piu bello e unico che io abbia mai ricevuto.... grazie ancora e tanti auguri buonanotte mitica laura.... dalla IPERammiratrice....

Anonimo ha detto...

allora nessuno puo scrvere male di laura mi dispiace che tu non possa comprendere la profondita artistica e la passione viscerale che laura ci riesce a trasmettere.... basta saper ascoltare .... evidentemente tu non sai farlo ciao e vai tu di corpo....
cristina 15enne

Anonimo ha detto...

io adoro laura fin da quando ero una bambina, ma non ho mai avuto la possibilià di andare ad una suo concerto. quest'anno mi si è avverato il sogno di andarla a vedere al mega concerto che farà a san siro il 2 giugno, sono contentissima. la adoro!!!!
saluto tutti i fan pausiniani

Anonimo ha detto...

Capisco i problemi che possa vaere questo caro utente anonimo... Ma concordo pienemente con quanto citato nell'articolo.

Non basta una vita infatti per esprimere tutti i propri pensieri e trasmettere propri messaggi. Andare a ricopiare e devastare quelli degli altri denota una pochezza d'animo da fare spavento..
La pausini non è mai stata famosa per i suoi grandi contenuti.. ma almeno quelli avevano il pregio di essere suoi...

Anonimo ha detto...

..laura ha la voce più bella di qst pianeta..e tutto ciò ke canta(anke le filasrokke)riesce a renderlo favoloso..e non bisogna criticarla..mai..lei sa quello ke fa e avendo sempre agito di testa sua, ha sempre fatto tutto bene..grazie laura..ci hai donato grandi cose..non smettere mai di cantare e di essere te stessa ke è il tuo più grande pregio, sei la persona più leale ke conosco e, anke se non potrai mai sapere come, mi hai aiutato spesso e mi hai resa sempre felice..sono fiera di te,viviana(caserta)

Anonimo ha detto...

ciao a tutti il mio nome è katya... ho letto i vostri commenti e devo dire sono a dir poco volgari... se parlate parlate seriamente e non prendendovi in giro l'un l'altro altrimenti che figura ci fareste con chi entra a vederlo.... cmq io sono una delle tante fan di laura pausini.... e cmq caro mio anonimo laura pausini non si sente realizzata al vendere 4 cd e a vincere 2 premi..... ok.....

Anonimo ha detto...

cara ragazza di cui non so il nome ma solo gli anni 29 io mi chiamo katya, vorrei tanto aiutarti ma non ho come forse insieme potremmo anche riuscirci a presto aspetto una tua risposta

Anonimo ha detto...

ciao ma perchè quì non scrive mai nessuno non manda nessuno un msg che schifo raga..... cmq ciao a tutti

Anonimo ha detto...

Ma vi paga la Pausini per scrivere queste stronzate? Laura è una grande e non si abbassa certo a queste provocazioni è una vera signora al contrario di voi

giovanna ha detto...

volevo dire a quello k ha scritto k laura è un bluff,di pensare prima a quello k dice se ha un cervello, e per me nn lo ha scemoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

Andy ha detto...

Finiamola con i buonismi: al giorno d'oggi, soprattutto in Italia la musica è "esclusivamente" una fonte di guadagno enorme destinata a pochi eletti che per caso o per merito (pochi questi ultimi) si sono ritrovati nel grande giro. La situazione di crisi del mercato discografico in cui si trova l'Italia è proprio da imputare ai discografici stessi che hanno sperperato patrimoni inverosimili con progetti che rasentavano la pietà (recente esempio, la Universal con i Vanilla Sky - quasi 2 milioni di euro spesi x il solo video di Break it out girato a Las Vegas, per non parlare dei diritti di Umbrella di Rihanna).
In una situazione di crisi ARTISTICA, oltre che di mercato, la vecchia guardia dei cantautori/interpreti italiani, si sta spostando su di un versante più sicuro: riprendere brani di successo degli anni passati e ri-arrangiarli in chiave moderna. E' il caso di Mango con suo ultimo lavoro, è il caso dei Neri x Caso, lo ha fatto anche Ramazzotti in passato.
Non è da meno la Pausini che dopo il discutibile lavoro di re-interpretazione delle cover dei cantautori italiani si cimenta nella riscrittura di un testo (sarà stata lei o c'è ancora lo zampino di Cheope?) di un brano di Aznavour degli anni '70. Questo perchè all'occhio del pubblico che la ama, HA L'OBBLIGO di sfornare qualcosa di "apparentemente" nuovo, ma non ha niente a che vedere con un discorso artistico a mio parere. Premesso che ho molto rispetto per il progetto artistico che ha visto crescere Laura da quando era bambina e cantava "La solitudine" al giorno d'oggi che è una donna matura e canta pezzi come "Tra te e il mare", credo che non si tratti di avidità, alla fine bisogna fare i conti con le esigenze del mercato attuale e non avendo idee nuove bisogna riciclare, fare SIAE e mantenere viva l'immagine dell'artista, da qui l'esigenza di riscrivere un testo che poteva benissimo restare così com'era per rispetto a un classico della musica internazionale.
Infine a proposito di questo discorso: andate ad ascoltare "Stop! Dimentica" di Tiziano Ferro del 2006 e confrontatela con "One word" di Kelly Osbourne uscita un anno prima: in questo caso però il testo è stato riscritto seguendo più il senso metrico dell'originale, piuttosto che un senso grammaticalmente logico in italiano (infatti non si capisce cosa voglia dire Tiziano in questa canzone). Poche idee? Prendi una base di un pezzo di successo straniero che non conosce nessuno in Italia, riscrivi un testo e ti metti d'accordo con la produzione per far uscire il tuo nome tra gli autori. Sembra facile ma non lo è per niente, e forse qui i NOSTRI sono dei veri "artisti".

Anonimo ha detto...

Pausini=canzonette scialbe per cerebrolesi musicali.
Confermatissimo al 100% dai commenti letti.

Poi cosa faccia o non faccia dei suoi soldi non mi interessa..sicuramente è una gran paracula, come tutti nell'ambiente del resto.
Basta non ascoltarla. semplicemente.

Anonimo ha detto...

Cara Pausini, sei stata consigliata male!
Non si prende una canzone come "she" e si cambiano il titolo e le parole. Scriviti una canzone per conto tuo, oppure fattela scrivere.

Cassy ha detto...

Sono tutti capaci di firmarsi come anonimi, vero?
Visto che l'autore di questo articolo non ha finito la scuola (o almeno lo spero per lui visto la sua ignoranza), tu lo sai, vero, che le canzoni sono la nuova forma della poesia? Lo sai, vero, che devono avere delle rime? Lo sai, vero, che quando si "traduce" una canzone da una lingua all'altra la si ADATTA a quella lingua? Mai sentito parlare di "adattamento spagnolo/italiano/inglese/francese"?
Prima di scrivere vaccate, informati.

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.