18 luglio 2009

Pirl Parade 2009/ Settimana n.28 (dall'11 al 17 Luglio)

Il razzista canterino e legaiolo Matteo Salvini vince facile il Pirl della settimana scorsa, superando in scioltezza la concorrenza della presidente di Confindustria Emma Marcegaglia.
Tremendo imbarazzo per le nomination di questa settimana: sembra che tutti si siano scatenati per accaparrarsi l'ambito riconoscimento. E così che, in via eccezionale, le portiamo a 10.

1. Renzo Bossi
Il celebre padre Umberto è particolarmente felice: al quarto tentativo, suo figlio è riuscito nell'impresa titanica di passare l'esame di maturità. Nel frattempo era già diventato dirigente della Lega, ma adesso che ha conquistato il diploma crediamo sia pronto per un incarico ministeriale.

2. Giulio Tremonti
Negli incontri internazionali si fa bello predicando Global Standard per il governo della finanza mondiale, da improntarsi a principi etici. Mentre nella prassi quotidiana razzola varando leggi-porcate quale lo scudo fiscale, reiterandolo per la terza volta. In pratica. il solito condono per chi ha evaso le tasse nascondendo all'estero ingenti capitali. Un vero e proprio riciclaggio legalizzato, e a prezzi d'occasione.

3. Mara Carfagna
Come ha pensato di celebrare il suo primo compleanno da Ministressa questa che è il paradigma della carriera delle veline in politica? Ma con un libro fotografico, ovviamente, un vero e proprio book fotografico. Le cronache ci hanno svelato come si arriva a divenire ministra di questo governo. E cosa ha fatto in un anno di governo la nostra pia ministra? Un disegno di legge contro la prostituzione. Sentite cosa ha il coraggio di scrivere: "È sentita come prioritaria l'esigenza di colpire chi si avvale della prostituzione o contatta delle persone che si prostituiscono alimentando il mercato stesso". Qui c'è sentore di conflitto di interessi: che voglia eliminare la concorrenza?

4. Mario Draghi
Zopa è una società meritoria che si occupa di cortocircuitare le persone che hanno bisogno di prestiti con quelle che sono disposte a concederli (una sorta di finanza peer to peer), con vantaggi per entrambi che possono ottenere dei tassi più vantaggiosi rispetto a quelli offerti dalle banche. E cosa fa il governatore della Banca d'Italia, dapprima l'esimio Mario Draghi? Mette fuori legge Zopa, e poi porge i suoi omaggi al papa con un articolo stucchevole a commento di un'enciclica che auspica il supporto di iniziative come quelle di Zopa.

5. La RAI
Il vaticanista del TG3, Roberto Balducci, è stato rimosso dal suo incarico per aver osato dire che il Papa ormai è ascoltato solo dai soliti 4 gatti. Peccando di lesa maestà, perchè occorre dire che il Papa è seguito sempre da folle oceaniche. Ma Rai3 non era comunista e mangiapreti?

6. Giorgio Napolitano
La legge che istituisce il reato di clandestinità è una chiavica. E' più o meno quello che si desume da una lettera che il capo dello stato ha inviato al governo. E cosa fa il nostro eroe? La promulga lo stesso.

7. Clemente Mastella
Appena eletto al parlamento europeo nelle file del Popolo della Libertà (sic!), il ceppalonico si è lamentato per la diaria: una miseria di 290 euro. "Questi non sanno cosa si prende al parlamento italiano" pare abbia esternato. Sarebbe il caso di organizzare una colletta per aiutare questo poveraccio.

8. Walter Veltroni
"Solo Craxi capì davvero la società, insufficienti gli sforzi di Berlinguer". E' l'alato pensiero di quello che doveva essere il leader della sinistra. Se non bastasse il resto, ciò da solo spiegherebbe il fallimento del progetto del PD.

9. La dirigenza del PD
Ma è l'intera dirigenza del centro-sinistra ad essere allo sbando. Ennesimo episodio: essere cascati in pieno nella provocazione di un guitto quale Beppe Grillo, cui hanno rifiutato la tessera per paura di una sua candidatura a segretario del partito. Patetici.

10. Beppe Grillo
Questo ciarlatano da strapaese ha trovato la formula della felicità, sfruttando la stessa dabbenaggine italiota che viene sfruttata, su scala più larga, dalla tessera P2 nr. 1816. Stessa antipolitica, stesso opportunismo, stesso personalismo, stessa invadenza, stesso delirio di onnipotenza. La sua candidatura a segretario del PD è un bluff cui potevano abboccare solo gli allocchi che attualmente reggono le sorti della sinistra italiana.

Coraggio, tocca a voi.


Alla prossima.

Pirl Parade precedente: Settimana del 10 Luglio 2009

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Draghi non la merita questa nomination (secondo me), perchè la Banca d'Italia sulla questione Zopa si è mossa su segnalazione di diverse associazioni di consumatori, tra le quali Altroconsumo. La banca d'Italia non pone nessun ostacolo allo sviluppo del social landing in Italia; per questo altri marchi del settore continuano ad operare senza nessun problema. La faccenda, se ben ricordo, riguarda il "modus operandi" di queste società, sui quali conti correnti i soldi dovrebbero soltanto transitare anzichè giacere, come nel caso di Zopa.
Ad ognui modo me la spieghi una cosa? Perchè tutte le critiche mosse a Grillo continuano ad essere fatte esclusivamente sul fumo e non sull'arrosto? Insomma stè 5-6 cose che vorrebbe realizzare (rifiuti zero, connettività ed acqua pubblica etc etc.) sono utili o dannose per il Paese? E l'alternativa al suo programma quale sarebbe?

Luca

chartitalia ha detto...

@Luca:
Grazie per la precisazione su Zopa. Da quello che ho letto mi sembrava una motivazione piuttosto pretestuosa, visto che per avere le autorizzazioni dalla Banca d'Italia è stato presentato un progetto regolarmente approvato e che erano state fatte delle proposte per ovviare alle rilevazioni tecnico-giuridiche contestate. E' ovvio che c'era bisogno di qualche pretesto per bloccarla...

Per Grillo: il mio assunto è che il fanciullo è un ciarlatano che ha trovato un "genere" comico: la politica e la sta cavalcando per continuare a fare il suo mestiere di comico; i contenuti sono scelti per ottenere il massimo della demagogia, mica per realizzarli (vedi ad es. la presa per il culo della raccolta firme per il referendum da lui organizzato: si sapeva in anticipo che le firme non potevano essere valide ma lo ha fatto lo stesso per poter andare sui giornali e gridare al complotto).

Comunque, sinteticamente, alcune sono (ovviamente) condivisibili altre meno. Tra le prime: le tematiche ambientali, ma non credo basta dire no a questo e a quest'altro per risolvere il problema energetico, occorre dire anche dei sì e che questi siano credibili e realizzabili.

Tra le seconde, l'accesso gratuito e pubblico alla rete mi sembra piuttosto demagogico: che fine fanno le decine migliaia di operatori che lavorano nel campo della connettività? pagherà pantalone (cioè ancora noi) per tutti? La proposta di limitare la rieleggibilità mi sembra altrettanto demagocico se non deleterio, curando gli effetti e non le cause, comunque non mi sembra la priorità del paese; anche la proposta di parlamento pulito mi sembra talebana ed approssimata: ah, per inciso, il primo a non poter essere eletto è lo stesso Grillo, visto che è stato condannato in via definitiva a 1 anno e 3 mesi; si desume che se venisse eletto come segratario politico, sarebbe a capo di un parlamentari da fuori il parlamento, il che mi sembra piuttosto bizzarro, oltre che ipocrita.

Anonimo ha detto...

@ chartitalia:

Io non sarei così tranciante però. Grillo sarà anche demagogo per certi aspetti; ma ha l'indubbio merito di aver scosso l'intorpidita coscienza civile di un bel pò di Italiani, che se dovevano aspettare Franceschini e compagnia stavano freschi!
Forse forse, se c'è una Serracchiani che ha messo la testa fuori dal guscio, sarà anche merito di un Grillo che s'è fatto portavoce di chi s'è rotto le palle di questo sistema autoreferenziale o no? Anche il fatto che ci siano dei "signor nessuno", che si sono organizzati nelle liste a 5 stelle ed hanno rappresentanti all'interno dei comuni, per la democrazia di questo Paese non mi pare cosa da poco. Sull'ambiente concordo pienamente con quello che scrivi; sulla connettività invece, si potrebbe fare un ragionamento simile al vostro, quando vi battete sul copyright e la condivisione dei files. Faccio un esempio a casaccio...un modo per rientrare nei costi di gestione di una connettività resa gratuita, potrebbe essere l'obbligo di ricevere dei banner pubblicitari al momento della connessione in rete e ad intervalli regolari durante il giorno...ripeto che si tratta solo di un esempio...
Sul "Parlamento pulito" ci sarebbe da dire (Grillo ha gettato il sasso nello stagno, ma è logico che i reati andrebbero considerati uno per uno). In linea di massima, per me uno condannato per omicidio colposo, ma portatore di idee nuove e fattibili, è preferibile ad uno accusato di concussione e corruzione, che magari ha speculato sulla sanità pubblica o ancora chiede quattrini per il Mezzogiorno.

Luca

chartitalia ha detto...

@Luca:
niente da ridire su quanto argomenti, mi sembrano cose ragionevoli e condivisibili; è ovvio che le mie argomentazioni erano a sostegno della nomination di Grillo; tieni però presente che contemporaneamente vi sono anche le nomination dell'intero gruppo direigente del PD, oltre che di Veltroni ma anche Napolitano...

Anonimo ha detto...

@chartitalia

Incredibilmente condivido in toto il tuo commento del 18/7/09 delle 14:06.
Tra l'altro mi sembra che la parte finale (su Parlamento pulito e la non eleggibilità di Grillo stesso) sia (anche) farina del mio sacco...
:-)

K.

chartitalia ha detto...

@K:
perchè incredibilmente? da queste parti abbiamo fatto delle scelte di campo precise, ma mi mica abbiamo i paraocchi e, volendo, siamo più critici verso le varie opposizioni in modo anche più critico dello stesso governo; per la verità, è l'intera classe dirigente politica che mettiamo in discussione; ciò che ci differenzia dal qualunquismo imperante è che noi riteniamo che il rinnovamento possa avvenire solo all'interno di una precisa parte politica, e premiamo / critichiamo quella parte affinchè si dia una mossa...

Anonimo ha detto...

stavolta la pirl è spettacolare...

Oronzo ha detto...

Alla luce delle intercettazioni rese note da L'Espresso, mi sa proprio che Papi Ciulo dovrà rientrare in nomination...