11 settembre 2010

Chi ci lascia/ Riccardo Sarfatti

La scorsa mattina è iniziata malissimo. Ho appreso una notizia tremenda: la tragica morte di Riccardo Sarfatti. Una delle persone che ha contribuito a fare grande Milano, a crearne il mito (ormai antico e non più attuale) di città nobile, operosa, perbene. Che riusciva a coniugare cultura d'impresa e cultura tout-court. E passione politica.

Avevo conosciuto personalmente Riccardo all'ultimo congresso del PD, quando abbiamo appoggiato la mozione Marino. Da allora ci siamo sentiti ed incontrati in diverse occasioni: discutere di politica e sentirlo parlare era sempre molto piacevole, ed illuminante. Riccardo aveva una idea della politica nel senso più nobile, al di fuori delle conventicole, molto critico nei confronti della gestione romana del partito. E naturalmente in posizione minoritaria, rispetto al cialtronismo imperante, milanese o romano che sia.

Mi mancherà. Peccato. Ciao Riccardo.

Nessun commento:

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.