14 luglio 2006

Zidane, hai rotto i coglioni

Ok, diciamo che per qualche settimana abbiamo portato il "cervello" in vacanza e vogliamo abbandonarci alla "pancia": Zidane, hai rotto i coglioni. Sarai pur stato un grande calciatore ma ti stati dimostrando un uomo davvero piccino piccino. L'intervista in pompa magna in diretta alla TV francese è quanto di più stomachevole si potesse orchestrare.

Ad iniziare dal look, con quella divisa paramilitare, per finire alle dichiarazioni di una pelosità vomitevole: chiedo scusa ai bambini (!), ho difeso l'onore delle mie donne, non mi pento e banalità simili. Tanti tromboneggiamenti per nascondere una verità piuttosto banale e meschina: teme di perdere il pallone d'oro assegnatogli come miglior giocatore dei Mondiali 2006.

Sino all'ultimo avevo sperato che si presentasse in TV e dicesse delle parole molto semplici del tipo: "ho fatto una cazzata, scusatemi". E a chi gli avesse chiesto del diverbio con Materazzi: "non ne voglio parlare; sono cose che devono restare sul campo di calcio; fanno parte della sfera privata: io so cosa mi ha detto, lui pure; punto e basta".

Si sarebbe dimostrato un grande. Ed invece no. Ha preferito trincerarsi dietro i piagnistei e prestandosi meschinamente alle più bieche strumentalizzazioni: politiche, scioviniste, razziste (queste sì) contro gli italiani. E sopratutto, consentendo alla Fifa di incrementare il suo potere mafioso d'arbitrio.

Se si introducono sanzioni anche per i dialoghi che intercorrono tra i giocatori in campo non ne voglio davvero più sapere di questo calcio di merda. Dove tutto viene deciso al di fuori dei campi di calcio, e solo grazie alla tecnologia. A quando le intercettazioni dei giocatori durante le partite? A quando la loro microfonatura? E' il trionfo dello spettacolo alla Grande Fratello, l'annullamento finale del calcio come sport e la sua definitiva trasformazione in reality show.

Zidane, per difendere i tuoi piccini interessi ti stai comportando da utile idiota, manipolato da individui loschi quali i dirigenti del calcio mondiale. Attaccando un Paese che ti ha sommerso di soldi e di gloria: non eri nessuno prima di venire in Italia.

Ok, la ricreazione della vittoria ai mondiali è finita. Si rientra in classe e si ricomincia a pedalare. Da domani ricominciamo a parlare di quei tristi figuri che stanno invocando l'amnistia, l'indultino, i "poveri tifosi" che verrebbero danneggiati dalla retrocessione della loro squadra in C o in B, di quelli che vorrebbero congelare il Campionato così com'è, rimandando la redde rationem alle calende greche, come se si trattasse di un processo Previti qualsiasi. Alle prossime.

"Zidane hai rotto i coglioni" Compilation

AC/DC: BALLBREAKER
Banco del Mutuo Soccorso: NON MI ROMPETE
Regurgitate: TORSION OF THE TESTICLE
Jerry Lee Lewis: GREAT BALLS OF FIRE
Pandemonium: TU FAI SCHIFO SEMPRE
Felice Caccamo: GIRA LA PALLA
Tears For Fears: BREAK IT ADOWN AGAIN
AC-DC: BIG BALLS
Aretha Franklin: BREAK IT TO ME GENTLY
Laura Grey: 'O MUNNO E' 'NA PALLA
Adriano Celentano: DOLCE ROMPI

2 commenti:

Anonimo ha detto...

A margine di questa storia c'è un popolo di italiani che in Francia piuttosto che in Germania deve viverci e lavorarci e siccome non bastavano pizza, mafia e mandolino; adesso potranno incolparci anche di aver macchiato e marchiato l'atto finale di sua Maestà Zizou.
Qualcuno ha proposto che questa vicenda si chiuda con una stretta di mano. Sarebbe il gesto più sensato. Ma vallo a far capire a certa stampa.

Anonimo ha detto...

Ma cosa possiamo aspettarci da un giocatore nato nel peggiore quartiere della peggiore città di Francia ? A questo qua i soldi hanno dato alla testa. Oltralpe ci dicono "mafiosi", "pizzaioli", "spaghetti e mandolino". Loro si consolino con le baguettes, il cous cous e il camembert, perché tanto la coppa se la possono guardare SOLO in fotografia.

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.