04 luglio 2006

Taxi

Qui a fianco vedete un pezzo della periferia di Milano. Precisamente i dintorni di San Donato Milanese, dove qualche anno fa è arrivata la linea 3 (la gialla) della metropolitana milanese. Sulla mappa abbiamo evidenziato in verde i pochi chilometri che separano la stazione della metropolitana dall'aereoporto di Linate. Già, perchè la linea metropolitana "muore" a S.Donato senza raggiungere l'aereporto cittadino. Perchè secondo voi?


Una scelta apparentemente del tutto incomprensibile. Per i non milanesi c'è da far presente che la linea gialla passa già dal centro di Milano (vicinissima al Duomo) e dalla Stazione Centrale. Dopo aver scavato nelle visceri di Milano per decine e decine di chilometri, collegare i pochi Km che separano S.Donato da Linate sarebbe stato un gioco da ragazzi. Con evidenti enormi vantaggi per tutta la cittadinanza e per tutti i viaggiatori. Perchè non fu fatto?

Beh, sì, perchè all'epoca vi fu una forte opposizione della lobby dei tassinari milanesi che riuscirono ad impedire che la linea della metropolitana raggiungesse l'aeroporto. Le argomentazioni furono le solite che si sentono ripetere in questi giorni: che sarebbero finiti in rovina, che qualche migliaio di poveri lavoratori non avrebbero più avuto mezzi di sostentamento. Minacciando di paralizzare le attività di una città su cui gravitano quotidianamente milioni di persone.

E così è impossibile raggiungere l'aereporto milanese in metropolitana, nonostante questa si sia spinta a pochi chilometri di distanza (4 su strade esistenti, ma meno della metà in linea d'aria). Una sparuta, agguerrita e potentissima minoranza riuscì ad imporre i suoi molto particolari interessi all'interesse generale. Con la complicità di amministratori imbelli ed incapaci (erano i tempi della Milano da bere).

Voglio sperare che questo governo abbia la forza e la determinazione di considerare gli interessi generali e non quelli di chi sbraita di più.

Ah, per la cronaca. Alleanza Nazionale si è immediatamente schierata con i tassisti e l'attuale sindaco di Milano, Letizia Moratti eletta dalla Destra, ha fatto sapere che non intende applicare il provvedimento governativo sulle liberalizzazioni.


Taxi Compilation

Antoine: TAXI
Joni Mitchell: BIG YELLOW TAXI
Count Basie: TAXI WAR SONG
Anna Identici: TAXI
Herb Alpert and Tijuana Brass: TIJUANA TAXI
Roberto Soffici: UN TAXI GIALLO
Vanessa Paradis: JOE LE TAXI
Francesco Salvi: TAXI
Vanessa Carlton: BIG YELLOW TAXI
Bernard Herrmann: TAXI DRIVER THEME
Tori Amos: TAXI RIDE

2 commenti:

fable ha detto...

mi sono permesso di postare questo blog sul mio (www.fable.it). scandalosa la questione taxi. Congratulazioni per il blog, bellissimo !

Anonimo ha detto...

Siamo talmente una lobby che quando a Milano hanno deciso di aumentare i taxi lo hanno fatto stravolgendo l'iter burocratico che li obbligava ad avere il benestare della provincia che era contraria, talmente forti che non riusciamo ad avere alcune corsie preferenziali che chiediamo da vent'anni,potenti a tal punto chr per avere un aumento passano sempre 6/7 anni, forti a tal punto che delle corsie (tante )sono solo riservate all'A.T.M. Magari avessimo la forza di spostare il progetto di una metropolitana, lei ci lusinga.

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.