15 maggio 2007

Classifica Film: Stagione 1978/79

Stagione cinematografica vinta al botteghino (e non solo) dalla cinematografia americana che candida un altro film a restare per sempre nell'immaginario collettivo, questa volta con un musical "classico": Grease, sorretto dalle confermate doti di ballerino di John Travolta e dalla verve di Olivia Newton-John ma anche da una caratterista di gran classe quale Stockard Channing. Comunque, l'insieme dei numeri musicali e delle coreagrafie è straordinario. Ma la cinematografia americana piazza almeno un altro pezzo da 90, lo splendido Il cacciatore (6° posto) che impone Michael Cimino come autore di prima grandezza: le sequenze ambientate in Vietnam sono di impatto notevolissimo, prima tra tutte la scena della roulette russa. Il resto della produzione americana è puro mestiere, a volte di gran classe (come in Il paradiso può attendere, remake di Warren Beatty di una classica commedia leggera del grande Ernst Lubitsch), ma più spesso banalmente hollywoodiana (Superman, Assassinio sul Nilo, Visite a domicilio, I quattro dell'Oca Selvaggia).

La produzione italiana conferma invece la sua crisi, tant'è che il suo genere più glorioso, la commedia all'italiana appunto, si trasforma in farsa squinternata (Pari e dispari, Geppo il folle, Lo chiamavano Bulldozer, Zio Adolfo in arte Fuher) e addirittura, per risultare accettabile, deve essere appaltata ad autori stranieri come per Il vizietto (2° miglior incasso della stagione), interpretato da Ugo Tognazzi e diretto da Edouard Molinaro.

Per le altre cinematografie solo le briciole, nonostante la cinematografia tedesca sia forse la cosa più interessante del periodo, come testimoniato dallo splendido Aguirre furore di Dio diretto da Werner Herzog, con uno straordinario Klaus Kinski, fuori dalla Top 20.

Ed ecco la classifica completa, dove anche questa volta abbiamo riportato, quando disponibile, il link a materiali (spezzoni, trailer e simili).


- Box Office Italia -
I 20 maggiori incassi della stagione 1978/79

  1. Grease - Brillantina (Grease), di Randall Kleiser; con: John Travolta - Olivia Newton-John - Stockard Channing - Jeff Conaway - Kelly Ward - Lorenzo Lamas - Sha-Na-Na - Sid Caesar - Eve Arden - Joan Blondell.

  2. Il vizietto, di Edouard Molinaro; con: Ugo Tognazzi - Michel Serrault - Michel Galabru - Carmen Scarpitta - Remy Laurent - Claire Maurier - Benny Luke - Peter Boom.

  3. Superman (Superman), di Richard Donner; con: Christopher Reeve - Marlon Brando - Margot Kidder - Jackie Cooper - Glenn Ford - Gene Hackman - Valerie Perrine - Terence Stamp - Susannah York - Trevor Howard - Harry Andrews - Ned Beatty - Larry Hagman - Marc McClure.

  4. Pari e dispari, di Sergio Corbucci; con: Woody Woodbury - Bud Spencer - Sergio Smacchi - Claudio Ruffini - Carlo Reali - Riccardo Pizzuti - Kim McKay - Jerry Lester - Marisa Laurito Terence Hill - Luciano Catenacci - Sal Borgese - Enzo Maggio Jr..

  5. Il paradiso può attendere (Heaven Can Wait), di Warren Beatty & Buck Henry; con: Warren Beatty - Julie Christie - Jack Warden - James Mason - Dyan Cannon - Charles Grodin - Vincent Gardenia.

  6. Il cacciatore (The Deer Hunter), di Michael Cimino; con: Robert De Niro - John Savage - Meryl Streep - Christopher Walken - George Dzundza - John Cazale.

  7. Lo squalo 2 (Jaws 2), di Jeannot Szwarc; con: Roy Scheider - Lorraine Gary - Murray Hamilton - Joseph Mascolo - Jeffrey Kramer.

  8. L'albero degli zoccoli, di Ermanno Olmi; con: Luigi Ornaghi, Francesca Moriggi, Omar Brignoli, Antonio Ferrari, Teresa Brescianini, Carlo Rota.

  9. Geppo il folle, di Adriano Celentano; con: Adriano Celentano - Claudia Mori - Pietro Brambilla - Felice Andreasi - Marco Columbro - Jennifer - Lory Del Santo - Micki Del Prete.

  10. Amori miei, di Steno; con: Monica Vitti - Johnny Dorelli - Enrico Maria Salerno - Edwige Fenech.

  11. Dove vai in vacanza?, di Mauro Bolognini - Luciano Salce - Alberto Sordi; con: Ugo Tognazzi - Stefania Sandrelli - Paolo Villaggio - Anna Maria Rizzoli - Gigi Reder - Alberto Sordi - Anna Longhi.

  12. Assassinio sul Nilo (Death on the Nile), di John Guillermin; con: Peter Ustinov - Jane Birkin - Bette Davis - David Niven - Mia Farrow - Angela Lansbury - George Kennedy - Maggie Smith - Jack Warden - Lois Chiles - Olivia Hussey.

  13. Come perdere una moglie e trovare un'amante, di Pasquale Festa Campanile; con: Johnny Dorelli - Barbara Bouchet - Felice Andreasi - Enzo Cannavale - Stefania Casini.

  14. Lo chiamavano Bulldozer, di Michele Lupo; con: Bud Spencer - Raimund Harmstorf - Joe Bugner - René Kolldehoff - Nando Pavone - Ottaviano Dell'Acqua - Gigi Reder.

  15. Eutanasia di un amore, di Enrico Maria Salerno; con: Ornella Muti - Tony Musante - Monica Guerritore - Mario Scaccia - Enrico Maria Salerno.

  16. La carica dei 101 [R] (One Hundred and One Dalmatians), di Wolfgang Riethermann & Hamilton Luske & Clyde Geronimi; con: [animazione].

  17. Visite a domicilio (House Calls), di Howard Zieff; con: Walter Matthau - Glenda Jackson - Art Carney - Richard Benjamin - Dick O'Neill.

  18. Il giocattolo, di Giuliano Montaldo; con: Nino Manfredi - Marlène Jobert - Arnoldo Foà - Olga Karlatos - Pamela Villoresi - Vittorio Mezzogiorno - Daniele Formica.

  19. I quattro dell'Oca Selvaggia (Wild Geese), di Andrew V. McLaglen; con: Richard Burton - Roger Moore - Richard Harris - Hardy Krüger - Stewart Granger - Jack Watson - Jeff Corey - Frank Finlay.

  20. Zio Adolfo in arte Fuhrer, di Castellano & Pipolo; con: Adriano Celentano - Amanda Lear - Anna Cardini - Filippo Costanzo - Claudio Bigagli - Graziella Galvani - François Bastien - Paola Orefice - Giuseppe Diamanti.

NB: Fare riferimento alla nota metodologica per le fonti utilizzate e per i dettagli su come la classifica è stata ottenuta.

Oltre i primi 20

Tra i film oltre la 20-esima posizione, questi sono quelli che riteniamo più interessanti.
  • Driver l'imprendibile (The Driver) di Walter Hill
    Nick Dimitri - Ronee Blakley - Sandy Brown Wyeth - Frank Bruno - Richard Carey - Matt Clark - Isabelle Adjani - Bruce Dern - Joseph Walsh - Victor Gilmour - Tara King - Denny Macko - Ryan O'Neal - Felice Orlandi - Rudy Ramos - William Walker - Fidel Corona

  • Zombi (Dawn of the Dead) di George A. Romero
    David Emge - Ken Foree - Scott H. Reiniger - Gayleen Ross - Tom Savini - George A. Romero

  • Convoy - Trincea d'asfalto (Convoy) di Sam Peckinpah
    Kris Kristofferson - Ali MacGraw - Ernest Borgnine - Burt Young

  • Sinfonia d'Autunno (Hostsonaten) di Ingmar Bergman
    Ingrid Bergman - Liv Ullmann - Lena Nyman - Gunnar Björnstrand - Erland Josephson - Linn Ullmann

  • Fuga di mezzanotte (Midnight Express) di Alan Parker
    Brad Davis - Randy Quaid - John Hurt - Irene Miracle - Bo Hopkins

  • California suite (California Suite) di Herbert Ross
    Jane Fonda - Maggie Smith - Walter Matthau - Michael Caine - Alan Alda - Elaine May - Richard Pryor - Bill Cosby

  • Coma profondo (Coma) di Michael Crichton
    Geneviève Bujold - Michael Douglas - Elizabeth Ashley - Richard Widmark

  • Un matrimonio (A Wedding) di Robert Altman
    Carol Burnett - Paul Dooley - Vittorio Gassman - Geraldine Chaplin - Desi Arnaz - Lauren Hutton - John Cromwell - Mia Farrow - Nina Van Pallandt - Viveca Lindfors

  • Tornando a casa (Coming Home) di Hal Ashby
    Jon Voight - Jane Fonda - Bruce Dern - Robert Carradine - Robert Ginty

  • Nosferatu, il principe della notte (Nosferatu, Phantom der Nacht) di Werner Herzog
    Klaus Kinski - Isabelle Adjani - Bruno Ganz - Roland Topor - Jacques Dufilho

  • Pretty baby (Pretty Baby) di Louis Malle
    Keith Carradine - Susan Sarandon - Brooke Shields - Frances Faye - Antonio Fargas - Barbara Steele - Diana Scarwid - Gerritt Graham

  • Cristo si è fermato a Eboli di Francesco Rosi
    Gian Maria Volonté - Irene Papas - François Simon - Paolo Bonacelli - Alain Cuny - Lea Massari

  • Dimenticare Venezia di Franco Brusati
    Mariangela Melato - Eleonora Giorgi - Erland Josephson - David Pontremoli

  • L'ingorgo, una storia impossibile di Luigi Comencini
    Alberto Sordi - Marcello Mastroianni - Ugo Tognazzi - Annie Girardot - Fernando Rey - Patrick Dewaere - Angela Molina - Stefania Sandrelli - Miou-Miou - Gérard Depardieu - Ciccio Ingrassia

  • Alta tensione (High Anxiety) di Mel Brooks
    Mel Brooks - Madeline Kahn - Cloris Leachman

  • Un mercoledì da leoni (Big Wednesday) di John Milius
    Jan-Michael Vincent - William Katt - Gary Busey - Lee Purcell - Patti D'Arbanville - Robert Englund

  • Ecco l'impero dei sensi (Ai no Corrida - L'empire des sense) di Nagisha Oshima
    Tatsuya Fuji - Eiko Matsuda - Aoi Nakajima - Melka Seri

  • Animal house (National Lampoon's Animal House) di John Landis
    John Belushi - Tim Matheson - John Vernon - Tom Hulce - Karen Allen - Donald Sutherland - Kevin Bacon

  • Fury (The Fury) di Brian De Palma
    Kirk Douglas - John Cassavetes - Carrie Snodgress - Amy Irving - Charles Durning - Daryl Hannah - Jim Belushi

  • Una moglie (A Woman Under the Influence) di John Cassavetes
    Gena Rowlands - Peter Falk - Katherine Cassavetes - Lady Rowlands

  • Capricorn One (Capricorn One) di Peter Hyams
    Elliott Gould - Brenda Vaccaro - James Brolin - Sam Waterston - Karen Black - O.J. Simpson - Telly Savalas

  • Tre donne immorali? (Les héroines du mal) di Walerian Borowczyk
    Marina Pierro - François Guétary - Gaëlle Legrand - Hassan Fall - Pascale Christophe

  • Interiors (Interiors) di Woody Allen
    Diane Keaton - Kristin Griffith - Mary Beth Hurt - Geraldine Page - Maureen Stapleton - E.G. Marshall - Sam Waterston

Oltre la classifica

Infine, segnaliamo i film che, nonostante l'insuccesso al botteghino, sono comunque rimasti nella storia del cinema e spesso sono divenuti dei veri e propri cult, elencati in ordine di nostro gradimento.
  • L'australiano (The Shout), di Jerzy Skolimowski; con: Alan Bates, Susannah York, John Hurt, Tim Curry, Robert Stephens.

  • Fedora (Fedora), di Billy Wilder; con: William Holden, Marthe Keller, José Ferrer, Hildegarde Knef, Mario Adorf, Henry Fonda, Michael York.

  • Perceval le Gallois (Perceval le Gallois), di Eric Rohmer; con: Fabrice Luchini, André Dussollier, Pascale de Boysson, Clémentine Amouroux, Marc Eyraud, Marie-Christine Barrault, Gérard Falconetti, Arielle Dombasle.

  • Woyzeck (Woyzeck), di Werner Herzog; con: Klaus Kinski, Eva Mattes, Wolfgang Reichmann, Willy Semmelrogge, Irm Herrmann.

  • I giorni del cielo (Days of Heaven), di Terrence Malick; con: Richard Gere, Brooke Adams, Sam Shepard, Linda Manz, Robert Wilke, Stuart Margolin.

  • La sera della prima (Opening Night), di John Cassavetes; con: Gena Rowlands, John Cassavetes, Ben Gazzara, Joan Blondell, Paul Stewart, Zohra Lampert, Laura Johnson.

  • Il matrimonio di Maria Braun (Die Ehe der Maria Braun), di Rainer Werner Fassbinder; con: Hanna Schygulla, Klaus Löwitsch, Ivan Desny, Gottfried John, George Byrd.

  • Moses Wine, detective (The Big Fix), di Jeremy Paul Kagan; con: Richard Dreyfuss, Susan Anspach, Bonnie Bedelia, John Lithgow, F. Murray Abraham.

  • Violette Noziere (Violette Noziere), di Claude Chabrol; con: Isabelle Huppert, Stéphane Audran, Jean Carmet, Jean-François Garreaud, Lisa Langlois, Bernadette Lafont, Fabrice Luchini.

  • Uomini d'argento (Silver Bears), di Ivan Passer; con: Michael Caine, Cybill Shepherd, Louis Jourdan, Stéphane Audran, David Warner, Jay Leno, Martin Balsam.

  • Il flauto magico, di Giulio Gianini & Emanuele Luzzati; con: [animazione].

  • Forza Italia!, di Roberto Faenza; con: [documentario].

  • Moliere (Moliere), di Ariane Mnouchkine; con: Philippe Caubère, Joséphine Derene, Brigitte Catillon, Roger Planchon, Armande Dellampe.

  • Il boxeur e la ballerina (Movie Movie), di Stanley Donen; con: George C. Scott, Trish Van Devere, Eli Wallach, Harry Hamlin, Art Carney, George Burns, Red Buttons.

  • Halloween: la notte delle streghe (Halloween), di John Carpenter; con: Jamie Lee Curtis, Donald Pleasence, Nancy Loomis, Tony Moran, Charles Cyphers.

  • Germania in Autunno (Deutschland im Herbst), di [vari]; con: Armin Meier, Lilo Pempeit, Hannelore Hoger, Helmut Griem, Wolf Biermann, Heinz Bennent.

  • 1855 - La grande rapina al treno (The First Great Train Robbery), di Michael Crichton; con: Sean Connery, Donald Sutherland, Lesley-Anne Down, Alan Webb, Malcolm Terris, Robert Lang.

  • Dossier 51 (Le dossier 51), di Michel Deville; con: François Marthouret, Roger Planchon, Claude Marcault, Françoise Lugagne, Anna Prucnal.

  • Hardcore (Hardcore), di Paul Schrader; con: George C. Scott, Peter Boyle, Season Hubley, Dick Sargent.

  • La morte al lavoro, di Gianni Amelio; con: Enrico Pacifici, Eva Axen, Giovannella Grifeo, Fausta Avelli, Clara Colosimo.

  • La camera verde (La chambre vert), di Francois Truffaut; con: François Truffaut, Nathalie Baye, Jean Dasté, Antoine Vitez.

  • Tuta blu (Blue Collar), di Paul Schrader; con: Richard Pryor, Harvey Keitel, Yaphet Kotto, Ed Begley Jr., Harry Bellaver, George Memmoli.

  • Jubilee (Jubilee), di Derek Jarman; con: Jenny Runacre, Little Nell, Jordan, Toyah Wilcox, Ian Charleson, Hermione Demoriane, Lindsay Kemp.

  • Un anno con 13 lune (In einem Jahr mit 13 Monden), di Rainer Werner Fassbinder; con: Volker Spengler, Ingrid Caven, Gottfried John, Elisabeth Tissenaar, Eva Mattes.

  • Vittorie perdute (Go Tell the Spartans), di Ted Post; con: Burt Lancaster, Craig Wasson, Jonathan Goldsmith, Marc Singer, Clyde Kasatsu.

  • Lo stesso giorno, il prossimo anno (Same Time, Next Year), di Robert Mulligan; con: Ellen Burstyn, Alan Alda, Ivan Bonar, Bernie Kuby, Cosmo Sardo.

  • Quintet (Quintet), di Robert Altman; con: Paul Newman, Vittorio Gassman, Bibi Andersson, Fernando Rey, Nina Van Pallandt, Brigitte Fossey.

  • Cinque serate (Pjat' Vecerov), di Nikita Michalkov; con: Ljudmila Gurcenko, Stanislav Ljubšin, Valentina Teleckina, Larisa Kuznetzova, Igor Nefedov, Aleksandr Adabas'jan.

  • Il coltello in testa (Messer im Kopf), di Reinhard Hauff; con: Bruno Ganz, Angela Winkler, Hans Christian Blech, Heinz Hönig, Eike Gallwitz.

  • Il recinto (Menesgadza), di Andras Kovacs; con: József Madaras, Ferenc Fábian, Sándor Horváth, Károly Sinka, Ferenc Bács, Levente Biró.

  • Ricorda il mio nome (Remember My Name), di Alan Rudolph; con: Geraldine Chaplin, Anthony Perkins, Moses Gunn, Jeff Goldblum, Alfre Woodard.

  • La donna mancina (Die linksändige Frau), di Peter Handke; con: Edith Clever, Bruno Ganz, Markus Mühleisen, Angela Winkler, Bernhard Wicki, Rüdiger Vogler, Gérard Depardieu.

  • Morti sospette (Un papillon sur l'epaule), di Jacques Deray; con: Lino Ventura, Claudine Auger, Nicole Garcia, Laura Betti.

  • La chiamavano Bilbao (Bilbao), di Juan Josè Bigas Luna; con: Angel Jové, María Martín, Isabel Pisano, Francisco Falcon.

  • Girlfriends (Girlfriends), di Caludia Weill; con: Melanie Mayron, Anita Skinner, Eli Wallach, Viveca Lindfors, Christopher Guest, Bob Balaban, Mike Kellin.

Non un'annata eccezionale al confronto delle precedenti, ma comunque più che dignitosa.

Classifica precedente: Classifica Film: Stagione 1977/78

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Se di quest'annata si potessero impacchettare soltanto "L'albero degli zoccoli", "Il cacciatore" e volendo "La chambre vert"....appiccando il fuoco a tutto il resto, la cinematografia non ne soffrirebbe affatto.
Annata scadente, degno preludio a quel che accadrà negli anni a venire

ilgmk ha detto...

Per anonimo:

appiccare fuoco ai film di Bergman, Romero, Peckinpah, Parker, Altman, Chricton, Carpenter, Herzog, Malle, Cassavetes, Ashby, Malle, Comencini, Brooks, Milius, Landis, De Palma, Wilder, Fassbinder, Schrader...
devi proprio odiare il cinema, eh?;)

Son affezionato a quest'annata anche perchè il 1978 è stato il primo anno in cui ho iniziato a frequentare con discreta continuità il cinema:)

marco

Anonimo ha detto...

Marco,
con ogni rispetto dovuto ai personaggi da te citati, trovo che non appartengano a quest'annata le loro migliori opere.
Tra "LO SCOPONE SCIENTIFICO" e la pellicola in classifica, non è la seconda che ha reso immortale un maestro della cinematografia come Comencini.
Si tratta solo del mio personale gusto cmq

chartitalia ha detto...

@anonimo:
va beh, non c'è dubbio che è una questione di gusti (che comunque si riflettono su chi li esprime...), però se sono a ragion veduta

detta in altri termini, sicuro che hai visto i film citati? per quanto riguarda il film di Comencini, L'ingorgo, è uno dei suoi film meno visti ma si tratta di uno straordinario apologo; così come Sinfonia d'autunno di Bergman; per non parlare dei film di Herzog: sicuro che hai visto Aguirre, Nosferatu e e Woyzeck? sono film di impatto eccezionale anche a distanza di 30 anni

Anonimo ha detto...

No, non li ho visti tutti; ma c'è una ragione. Ho letto parecchio, cercato, confrontato e scelto di vedere solo quei film che hanno marcato più di altri la cinematografia di un maestro regista.

Ad esempio, di Herzog ho visto "L'enigma di Kaspar Hauser", che per me sta al cinema come gli alienati di Gericault alla storia dell'arte; poi "Fitzcarraldo" e l'ultimo "Grizzly man". Nosferatu non l'ho visto perchè nella mia testa, quello di Murnau rimane insuperabile (è un pregiudizio sciocco, lo so da me)

per citare un regista di casa nostra, Monicelli verrà ricordato per i "I soliti ignoti" più che per "Cari fottutissimi amici".

Quando ho scritto "appiccare il fuoco", ho usato un espressione forte che ammetto risulti sgradita agli amanti del cinema come te.
Inoltre invidio chi riesce a percepire la bellezza anche dove per me è difficile da vedere.
Per quel che ho letto, mi sembra di aver fatto buone scelte. Se poi non è così, un consiglio lo accetto sempre volentieri.

Andrea ha detto...

Forse è meglio che sia tu a darti fuoco.
Io sono un cinefilo da sempre e non capisco il tuo integralismo e la tua ricerca di immagini "pure".
Ci sono è vero dei film "pionieri" dell'immagine nella storia del cinema e quindi intoccabili e indicati come dei punti di riferimento, ma il cinema stesso è anche spettacolo, divertimento, emozione collettiva e quant'altro.
Nell'annata settembre 1978/agosto 1979?
"Grease", "Fuga di mezzanotte", "Il vizietto", "Nosferatu", "Superman", "Il cacciatore", "Il paradiso può attendere", "Zombi", "Halloween", "Sinfonia d'autunno", "Coma profondo", ecc.....
Praticamente potevi andare al cinema ogni giorno e rimanere soddisfatto sempre!

Anonimo ha detto...

Egregio andrea o chiunque tu sia,

Ti sono andati di traverso i popcorn o che? se andare al cinema ogni giorno, come pare tu abbia fatto, equivale a beccarsi una nevrosi come quella di cui dimostri i sintomi, sono felice di non averlo fatto.
Avrai visto tutti i film del mondo ma evidentemente ti rimane difficile la lettura e sopratutto la comprensione di quel che leggi.
Per questo ti rimando all'ultima frase del mio commento che reca scritto "Se poi le mie scelte non sono azzeccate, un buon consiglio lo accetto sempre". Se il tuo consiglio è quello di darmi fuoco, rispondo che te non sei buono nemmeno per ardere, piccolo.
Cordialità.

ilgmk ha detto...

per anonimo:

trovo un poco strano il tuo modo di affrontare il cinema, sinceramente, anche perchè - e non prenderla come un'offesa - mi sembra una specie di adattamento della filosofia del Bignami adottata per risparmiare tempo...

Premesso che pure il sottoscritto risente dell'influenza della critica (difficilmente mi troverete in fila per il cinepanettone di Natale), trovo che il giudizio su un film lo si possa dare solo dopo averlo visto, senza delegarlo ad altri. Mi capita spesso di vedere recensioni diametralmente opposte dello stesso film, a quale dovrei credere sulla carta? Per tacer del fatto che poi i gusti personali han un loro peso. E alcuni film "minori" possono piacere, e anche parecchio.

Per esempio, "L'ingorgo" (che non considero minore, anzi!) mi è piaciuto di più dello "scopone scientifico".

Io poi ho il viziaccio (o vizietto, tanto per citare un film dell'annata)di non voler (più) distinguere "film d'autore" da "film commerciale", anche perchè spesso quello che è stato considerato beceramente commerciale spesso è poi stato a posteriori considerato un caposaldo dell'arte cinematografica (uno a caso? Hitchcock).

Pertanto ho il vizietto di considerare ottimo cinema anche alcuni titoli "commerciali" e di amare i "generi cinematografici". Per cui non posso non godere dell'anarchia di "Animal House" e di John "Bluto" Belushi, del perfetto meccanismo di costruzione della tensione di "Halloween", dell'epica sincera di "Un Mercoledì da Leoni", dell'ironia "politica" e sanguinolenta degli "Zombi" di Romero (ah, i buoni vecchi horror anni '70!), titoli che considero tra i "must" dei rispettivi autori.

E tra i film "minori" di altri, non posso che divertirmi, da hitchcockiano, con "Alta Tensione" (sebbene "Frankenstein Jr." sia a ben altri livelli), oppure vedere come Billy Wilder sia tornato sui temi di "Viale Del tramonto" con "Fedora", sicuramente "minore", ma quasi complementare al primo. E non penso che i titoli di Cassavetes e Fassbinder in lista siano tra i minori dei rispettivi autori...

Per tacer del fatto che io mi son visto volentieri anche "titolacci commerciali" come "Grease" (quanti ricordi!) o "Il Vizietto" o film apparentemente "minori" come "Hardcore".

Il cinema, prima di tutto va visto e i gusti si formano vedendolo non leggendolo (è la stessa cosa per la musica, no?). Poi leggere serve per meglio capire cosa si è visto, semmai;)

Ah, ho provato per gioco a contare quelli che ho visto tra quelli citati nella lista, son 44... (come i gatti)

Scusate se son stato prolisso.
Ciao! Marco

Anonimo ha detto...

Marco, l'ultima cosa che potresti dire di me in fatto di cinema è che sono un pecorone. Nel senso che quando il pubblico faceva la fila per vedere "Il ciclone", piuttosto che "Titanic" anche due o tre volte al giorno, io al cinema non ho messo piede. Per fare un altro esempio, il mio punto di vista è diametralmente opposto a quello della critica, che esalta Benigni per "La vita è bella". Raramente ho visto fallire una pellicola che abbia avuto come tema l'Olocausto, piuttosto che la vita di Gesù Cristo. Benchè Benigni abbia trattato la questione da una angolazione del tutto originale, per me esistono temi sui quali sarebbe meglio non cimentarsi affatto. Non so, ma mi odora di subdolo. Più o meno come quelli che fanno le cover dei Doors o di Bob Marley per fare soldi e poi svanire nel nulla. A conforto di questa tesi è poi sopraggiunto "La Tigre e la neve", altro tentativo di adoperare un tema di grande impatto emotivo a proprio vantaggio.

Però in materia di cinema, qualcuno ne sa certamente più di me. (sembra che tu sia tra questi) Partendo da questo dato di fatto, il mio metodo è quello di aver confrontato diverse recensioni su determinati registi e pellicole: per poi scegliere quelle che maggiormente catalizzavano i giudizi positivi (anche in termini di box office). Una volta fatta questa prima cernita è ovvio che sia intervenuto il mio gusto personale. Ad esempio, non trovo nulla di eccezionale nel celebratissimo "Padrino" interpretato da Marlon Brando, ma mi metto a piangere come un fesso ogni volta che vedo "La leggenda del pianista sull'oceano".
Di film ne ho visti parecchi, certamente meno di te considerato che di quella lista ne potrei citare una dozzina anzichè 44. Dal mio punto di vista, non siamo davanti ad una grande stagione, come ad esempio potrebbe essere quella del 1946 piuttosto che (, per restare alla contemporaneità.) il 2004. Se poi non è così, faccio ammenda.
Per finire ti lascio con una lista di alcune tra le mie pellicole favorite, così mi dici che ne pensi e magari me ne suggerisci altre

Chabrol: "Ii tagliagole" e "Il buio nella mente"
Herzog "L'enigma di Kaspar hauser"
Polanski "Chinatown"
Bresson "Un condannato a morte è fuggito"
Godard "Fino all'ultimo respiro"
Rohmer "Il raggio verde"
Germi "Il ferroviere" e "Un maledetto imbroglio"
Wertmuller "Pasqualino settebellezze"
Gondry "Se mi lasci, ti cancello"
Miyazaki "La città incantata"
Kusturica "Il tempo dei gitani", "Underground" e "La vita è un miracolo".
Tim Burton "Edward mani di forbice" "Big fish" "La sposa cadavere" etc... è un autore che mi piace perchè alla costante ricerca della favola e uno dei pochi adatto a tutta la famiglia

Ne ho omessi parecchi (Un chien andalou, Il gabinetto del dottor Calipari, Il posto delle fragole, Ladri di biciclette, Il dottor stranamore etc etc) sennò sarebbe troppo lunga da dire.
Accetto anche che mi si dica di bruciarla, così siamo pari e finisce questa storia.

ilgmk ha detto...

Ciao Anonimo (preferirei chiamarti per nome, però);)

mi scuso se hai avuto l'impressione che ti stessi dando del pecorone, non era affatto mia intenzione. Volevo solo ribadire un mio punto di vista: che un film va prima visto e poi giudicato.
Lungi da me dirti di bruciare qualunque cosa! Non brucerei neppure Boldi e De Sica (anche se la tentazione...).

In ogni caso condivido con te il giudizio su "la Vita è bella", che ho trovato un film discontinuo, in cui Benigni fa il "poetico" a tutti i costi (nei successivi comunque ha fatto peggio). Sarà piaciuto a molti, ma l'ho trovato un film privo di reale leggerezza (quella che per esempio aveva/ha "Vogliamo Vivere" di Lubitsch).

Riguardo ai film da te citati, posso dirti alcuni film che amo molto, come "il tagliagole", "Chinatown", "Fino all'ultimo respiro", "Pasqualino settebellezze", "Se mi lasci, ti cancello", "La città incantata", "Il tempo dei gitani" e "Underground", oltre a Tim Burton, uno dei miei cineasti preferiti.

Degli stessi autori aggiungerei, tra quelli che mi vengono in mente, "Stephane una moglie infedele" di Chabrol, "Rosemary's baby", "Per favore non mordermi sul collo" di Polanski (a cui aggiungerei anche "Macbeth"), "il disprezzo" di Godard, tutto Germi (che amo molto, come Pietrangeli, un altro che ha saputo impiegare bene la Sandrelli - ti consiglio se non l'hai visto "Io la conoscevo bene", in cui è strepitosa), "l'argent" di Bresson.

Confesso anche di non impazzire per Rohmer, sebbene non possa dire che i suoi film che ho visto non mi siano piaciuti.

Freno alla tentazione di elencarti alcuni dei miei preferiti (non vorrei tediarti oltre);)

Ciao! Marco

Andrea ha detto...

Anonimo ha scritto...

Egregio andrea o chiunque tu sia,

Ti sono andati di traverso i popcorn o che? se andare al cinema ogni giorno, come pare tu abbia fatto, equivale a beccarsi una nevrosi come quella di cui dimostri i sintomi, sono felice di non averlo fatto.
Avrai visto tutti i film del mondo ma evidentemente ti rimane difficile la lettura e sopratutto la comprensione di quel che leggi.
Per questo ti rimando all'ultima frase del mio commento che reca scritto "Se poi le mie scelte non sono azzeccate, un buon consiglio lo accetto sempre". Se il tuo consiglio è quello di darmi fuoco, rispondo che te non sei buono nemmeno per ardere, piccolo.
Cordialità.


Caro Anonimo......che non hai il coraggio nemmeno di mettere un nome fittizio.......non c'è bisogno delle tue "finte" lezioni di cinema.
I film citati li abbiamo visti più volte e ce li abbiamo nelle nostre videoteche insieme a tutti gli altri.
I popcorn te li mangi tu....a me non piacciono.
Il fatto di "dare fuoco a tutto il resto" salvando solo "L'albero degli zoccoli", "Il cacciatore" e forse "La chambre...." non presume certo un amore per il cinema, ma una leziosità e una finta cultura cinematografica propria di qualche pseudo critico con la puzza sotto il naso che nemmeno Enrico Ghezzi avrebbe approvato.
Quindi rinnovo il mio consiglio di darti fuoco tu....e di lasciar perdere le altre pellicole dell'annata 1978/1979 (per fortuna sono tutte belle e salve!).
Bye.

Anonimo ha detto...

Andrea qua se c'è uno che vuole dare lezioni sei proprio tu, che mi vorresti ardere manco fossi Torquemada l'inquisitore. A Napoli direbbero che ti spari le pose, sfoderando a mò di icona fallica le tue enormi videoteche e il coraggio che deriva dalle vigorose lettere della tua firma. Le puttanate che scrivi a proposito di puzza sotto il naso, tipica da pseudo critico, sono espressioni della mediocrità che ti pervade. In altre parole, se io non posso dare fuoco a film che non ho visto; te non puoi darmi del mediocre, lezioso ignorante, perchè di me non sai un cazzo.
A Dio piacendo, viviamo in un paese in cui si può ancora esprimere un giudizio personale. Il mio l'ho esposto a sufficienza, il tuo vallo a discutere con Ghezzi. Così fate a gara a chi dei due si addormenta prima.
Saluti.

chartitalia ha detto...

@anonimo & andrea:
scusate, ma che bisogno c'è di sfiorare gli insulti personali? stiamo parlando di semplici gusti che la saggezza antica poneva per definizione "non disputanda"

non capisco la logica di passare dall'insulto ai film agli insulti alle persone che, mi sembra, non sia esattamente la stessa cosa...

Andrea ha detto...

Anonimo ha scritto...

Andrea qua se c'è uno che vuole dare lezioni sei proprio tu, che mi vorresti ardere manco fossi Torquemada l'inquisitore. A Napoli direbbero che ti spari le pose, sfoderando a mò di icona fallica le tue enormi videoteche e il coraggio che deriva dalle vigorose lettere della tua firma. Le puttanate che scrivi a proposito di puzza sotto il naso, tipica da pseudo critico, sono espressioni della mediocrità che ti pervade. In altre parole, se io non posso dare fuoco a film che non ho visto; te non puoi darmi del mediocre, lezioso ignorante, perchè di me non sai un cazzo.
A Dio piacendo, viviamo in un paese in cui si può ancora esprimere un giudizio personale. Il mio l'ho esposto a sufficienza, il tuo vallo a discutere con Ghezzi. Così fate a gara a chi dei due si addormenta prima.
Saluti.


Con queste frasi hai definito in maniera perfetta quello che sei.
La parola che riassume il tutto non la posso pronunciare qui e non lo farò......anche per rispetto di ChartItalia.
Many Kisses

Anonimo ha detto...

"Non so, ma mi odora di subdolo."

Se lo dici te. Fallire? Mah!

Manco io ho messo piede al cinema per "Titanic" e "Il ciclone". ^-^
Il secondo poi è stata una simpatica scoperta quando l' hanno messo in pullman durante una gita però.

"
Il cinema, prima di tutto va visto e i gusti si formano vedendolo non leggendolo (è la stessa cosa per la musica, no?). Poi leggere serve per meglio capire cosa si è visto, semmai;)"

Già!

Anonimo ha detto...

"appiccando il fuoco a tutto il resto, la cinematografia non ne soffrirebbe affatto."

Facciamo come i nazisti con i libri?
Ma per favore!

Anonimo ha detto...

Però queste riedizioni di film d' animazione Disney che s' incuneano quà e là. Questa volta è toccato a "La Carica dei 101".

Anonimo ha detto...

Ho letto che per "Geppo il Folle" diverse comparse pagarono per apparire. °_0

Anonimo ha detto...

ogni volta che mi capita di leggere quel tipo lì mi altero almeno un pochino. Che strano modo di scegliere i film poi. Bah! Se questo però serve a non far confusione nella sua mente allora...
il modo più normale per vedere un film è sempre quello di vedere di cosa tratta e se si è curiosi di vederlo. Poi vabbé ci possono anche essere pellicole consigliate da amici e parenti o a scuola dove fano vedere anche delle pellicole.

Anonimo ha detto...

salve, è possibile sapere l'incasso del film cristo si è fermato a eboli?
grazie
giovanni