18 luglio 2005

50 fatti che dovrebbero cambiare il mondo, Nr. 1

Come forse sapete, classifiche, statistiche e numeri in genere mi divertono da matti. Ultimamente ho trovato un librettino intitolato: "50 fatti che dovrebbero cambiare il mondo" scritto da una giornalista della BBC, Jessica Williams, edito da Ponte Delle Grazie. Non dovrebbe essere difficile trovarlo in libreria in quanto relativamente recente. I fatti (o meglio, le cifre) riportati mi sembrano piuttosto sorprendenti e, sopratutto, poco noti. Ho scelto periodicamente di riportarne qui qualcuno di quelli che mi sembrano maggiormente interessanti. Ovviamente qui ci limitiamo ad esporre la "nuda" enunciazione, mentre nel libro vi sono delle ricche descrizioni e contestualizzazioni del fatto. Questo è il primo.

A Washington ci sono 67.000 persone impiegate nelle lobby delle grandi industrie, 125 per ogni membro eletto al Congresso.

Dizionarietto:

- lobbysta: una persona che prova a influenzare la politica del governo. Se avete mai scritto al deputato del vostro collegio a proposito di un particolare argomento, allora avete fatto lobbyng. Bene, solo che un lobbysta lo fa a tempo pieno: è un professionista, in genere con ingenti mezzi finanziari messi a disposizione dalla azienda che vuole "promuovere" un suo particolare interesse.

Qualche fonte interessante:

- Clooney Show Blurs Fact and Fiction in Corridors of Power: dove si racconta della serie TV "K Street", prodotta da George Clooney, che il Senato aveva bandito perchè narrava troppo da vicino le attività dei lobbysti.
- Lobbyists Database: un "divertente" database che raccoglie la cricca dei lobbysti a Washington, suddivisi per settore merceologico. Per il solo 1999, la cifra spesa in lobbyng dalle varie aziende è di circa 1 miliardo e mezzo di dollari. La lobby dello show business (musica, cinema, televisioni) vi aveva "investito" circa 33 milioni di dollari.
- Lobbyists.info: se da grandi volete fare i lobbysti, questo è il sito che fa per voi. O meglio, se avete bisogno di "sponsorizzare" il vostro business presso il Congresso americano, questo sito può tornarvi molto utile.
- How Lobbyists Influence Foreign Policy: se un'azienda americana ha interessi all'estero...
- Lobbyist Morgan Reed Answers Your Questions: il titolo si commenta da sè.
- Tracking the payback: un'altra interessante base dati, su chi paga chi e per cosa.
- American Lobbyist Swayed Eastern Europe's Iraq Response: qui si racconta come i lobbysti andarono a raccogliere l'appoggio dei paesi dell'Europa dell'Est all'invasione dell'Iraq, in cambio dell'appoggio americano al loro ingresso nell'Unione Europea.
- European Union: Political Lobbyists Oppose Disclosure: un articolo dove si parla del lobbysmo imperante nell'Unione Europea e del tentativo di istituire una base dati dei lobbysti professionisti europei i quali, chissà perchè, si oppongono.

Nessun commento:

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.