09 luglio 2005

Box Office Italia: Stagione 1977/78

Update: come dettagliato nell'apposita nota introduttiva, abbiamo iniziato a pubblicare i dati sul box office italiano relativi a tutti i film usciti nelle sale e non solo a quelli italiani come avviene per questi articoli di fine anni '70. Man mano che elaboriamo i dati in nostro possesso pubblicheremo tutte le classifiche sino a quelle dei nostri giorni. Le classifiche di Box Office Italia ripartono quindi dalla stagione 1954/55 e procedono con le annate successive. Quello che segue è il post originale che abbiamo deciso di lasciare sinchè la classifica di questa stagione verrà sostituita da quella completa.



Stagione cinematografica dominata, al solito, dal genere principe del box-office italiano: la commedia all'italiana, con qualche variante sul comico-farsesco. A parte i soliti mostri ormai sacri (Manfredi, Sordi, Tognazzi), la classifica è intasata dai "nuovi comici" provenienti dal teleschermo: Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto, Paolo Villaggio e Enrico Montesano, guarda caso tutti presenti nel film a episodi "Tre tigri contro tre tigri" di Corbucci e Steno. Sono anche gli anni d'oro al botteghino di Adriano Celentano, che furoreggia più coi film che coi dischi.

Il film di maggiore qualità nella Top Ten è forse "Una giornata particolare" di Scola, interpretato da una coppia che ha, non a caso, ha fatto la storia della commedia all'italiana classica degli anni '60: Mastroianni e la Loren, in un bianco e nero molto raffinato in cui lei fa la parte di una casalinga spenta e frustrata e lui interpreta quella di un omosessuale gentile e fragile, ovviamente perseguitato dal regime fascita in quel marzo 1938, ultimo giorno di Hitler a Roma.

Qualche ambizione la coltiva anche il film della Cavani, alle prese con un triangolo sentimentale tra Lou Von Salomè (la splendida Dominique Sanda) ed un paio di scrittori quali Nietzsche e Paul Rèè. All'epoca venne preso sul serio da qualcuno ma a distanza di tempo lo si ricorda quasi solo per le sfarzose scenografie viscontiane.
Comunque, questa è la Top Ten dell'annata.

Top Ten Film Italiani: 1977/78

  1. In nome del papa re (di Magni, Luigi)
    Nino Manfredi - Carmen Scarpitta - Salvo Randone - Carlo Bagno

  2. Ecco noi per esempio (di Sergio Corbucci)
    Adriano Celentano - Renato Pozzetto - Barbara Bach - Giuliana Calandra - Capucine

  3. La mazzetta (di Sergio Corbucci)
    Nino Manfredi - Paolo Stoppa - Ugo Tognazzi - Marisa Merlini - Marisa Laurito

  4. Il prefetto di ferro (di Pasquale Squitieri)
    Giluliano Gemma - Claudia Cardinale - Stefano Satta Flores - Francisco Rabal - Lina Sastri

  5. Al di là del bene e del male (di Liliana Cavani)
    Dominique Sanda - Erland Josephson - Robert Powell - Virna Lisi - Philippe Leroy - Carmen Scarpitta

  6. Il... belpaese (di Luciano Salce)
    Paolo Villaggio - Silvia Dionisio - Gigi Reder - Anna Mazzamauro - Pino Caruso - Massimo Boldi

  7. Una giornata particolare (di Ettore Scola)
    Sophia Loren - Marcello Mastroianni - John Vernon - Françoise Berd

  8. Tre tigri contro tre contro tre tigri (di Sergio Corbuci - Steno)
    Renato Pozzetto - Paolo Villaggio - Cochi Ponzoni - Enrico Montesano - Dalila Di Lazzaro

  9. Pane, burro e marmellata (di Giorgio Capitani)
    Enrico Montesano - Rossana Podestà - Claudine Auger - Rita Tushingham - Adolfo Celi

  10. Piedone l'africano (di Steno)
    Bud Spencer - Enzo Cannavale - Dagmar Lassander - Baldwin Dakile


Articolo precedente della serie: Stagione 1978/79 (solo film italiani)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Strano vedere tutti quei titoli italiani nella classifica dei film. Questo accadeva quando il cinema era scritto e fatto da sceneggiatori e registi con i controcoglioni e non dai "correttori di bozze" dei partiti politici e dagli amici di "Walter l'americano".

chartitalia ha detto...

caro amico,
guarda che non è strano ma è indispensabile, visto che la classifica si riferisce ai soli titoli italiani, come mi sforzo di evidenziare in ogni post, ma forse dimenticandolo a volte

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.