09 gennaio 2007

Perchè Sanremo E' Sanremo

E così Sanremo 2007 è deciso. Baudo ha dato la lista dei partecipanti domenica.
Al Bano , Leda Battisti , Gianni e Marcella Bella , Fabio Concato Simone Cristicchi , Johnny Dorelli , Francesco e Roby Facchinetti Amalia Gré , Mango , Piero Mazzocchetti , Paolo Meneguzzi , Milva, Nada , Paolo Rossi , Antonella Ruggiero , Daniele Silvestri , Stadio, Tosca , Velvet , Zero Assoluto .

Due domande mi sorgono spontanee:
1) Perché Piero Mazzocchetti è nei big?
2) Cosa c’entra Paolo Rossi?

Mazzocchetti lo vedi negli scaffali dei negozi di dischi in Germania. E’ un personaggio alla Safina, uno che in Italia non lo si conosce quasi e che invece ha un discreto seguito all’estero, dove vogliono l’italiano belloccio, vestito alla Vito Corleone e con quel fare volutamente trasandato accoppiato all’eleganza italiana, che piace tanto alle signore tedesche, austriache, olandesi etc. In Inghilterra per esempio è famosissimo Patrizio Buanne, mentre in Usa e un po’ in tutto il mondo quattro (forse finti) italiani che si fanno chiamare Il Divo, con facce stile Soprano’s. Classici prodotti italiani d’importazione, così come ci amano vedere all’estero gli altri. Però, confermo, da noi non lo si conosce. Quindi, perché metterlo di diritto tra i big ?

Paolo Rossi è una furbata alla Baudo. Una canzone inedita di Rino Gaetano cantata da uno che cantare non sa ma che ha già fatto un Sanremo anni fa insieme a Jannacci, può essere un’idea. Ma resta il fatto che Paolo Rossi è “colluso” con la politica in maniera sfacciata e questo non è una cosa molto simpatica.
Fai subito una rapidissima associazione mentale e se non ti piace ciò che rappresenta ti dà fastidio vedertelo lì, sul palco. E allora partono le dietrologie del tipo “questo sta li perché etc etc” . Ma fosse solo questo non sarebbe niente (ormai siamo talmente abituati a tutto che nulla ci spaventa più). E’ che la sua presenza (che io reputo inutile) ha tolto spazio a qualcun altro che probabilmente il cantante lo fa di mestiere. Ad esempio alla Bertè o ad altri che non sono stati presi. E nella televisione odierna c’è già poco spazio per i cantanti per cui toglierli anche quello vitale di Sanremo è pura cattiveria.

In fondo Paolo Rossi, le sue comparsate le può sempre andare a fare dal suo “compagno di merende” Fabio Fazio, perchè a quanto ne so, un giorno si e l’altro pure è li a fare i suoi soliloqui a senso unico.

Baudo ha capito che chiamare personaggi storici della canzone italiana paga molto più che presentare un gruppo di belle speranze che alla fine si rivelano per essere sempre e solo belle speranze. Chiamare Milva e Johnny Dorelli è stata un’idea vincente, secondo me. Tanto, i giovani (i teen agers) Sanremo non lo vedono più. Davanti al televisore rimangono per lo più o i patiti della manifestazione (ma i famosi gruppi d’ascolto si sono assottigliati negli ultimi anni) o gli over 40.

Altri partecipanti: Nada come la vogliamo considerare?
Non è più la Nada “classica”, non è neanche quella del periodo di mezzo (periodo Polydor ed Emi) come non è quella di Ciampi, Marchetti o Conte. E’ una Nada un po’ fricchettona ma comunque sia, un grosso personaggio. A me piace molto, nonostante possa rappresentare un mondo molto distante da me.
Come mi piace in maniera spassionata Daniele Silvestri. Uno che ha scritto una canzone come IDIOTA, per me merita un posto fisso in ogni manifestazione. Come non giudicare bene canzoni come SEMPRE DI DOMENICA o l’ironia svagata e molto romana di TESTARDO.
A mio avviso, è una persona molto intelligente e capace.
Chi mi conosce rimane sempre stupito dal fatto che a me possa piacere tanto. Ma oh… mica si ragione sempre in base all’ideologia! Grazie a Dio esistono anche le emozioni e le sensazioni che riescono a fare il loro corso naturale travalicando qualsiasi preconcetto o prevenzione.

Un’altra cosa che proprio non mi va giù è la presenza di D.J. Francesco! Questo tizio esce dalla porta ed entra dalla finestra. SEMPRE! Allora, nel 2004 è andato a Sanremo e non se l’è filato nessuno. Nel 2005 è rientrato di straforo gareggiando nella categoria dei complessi. Altro buco nell’acqua.
Quest’anno, pur di farlo tornare di nuovo, hanno obbligato il padre a cantare con lui.
Forse Cecchetto (o chi per lui) non ha capito che come lo metti lo metti, DJ Francesco non lo sopporta proprio nessuno. Sicuramente è un bravo ragazzo, ma non è detto che essere “figlio dei Pooh” significhi automaticamente poter calcare le scene .
Ma poi, come volete che venga preso sul serio uno che crea slogan che non trovano seguito nel mondo reale ?? Avete presente quel tristissimo “bella di padella”?

Antonella Ruggiero sarà anche una bravissima cantante ma è risaputo che non vende dischi neppure a sua madre. Fa parte di quel gruppetto di artisti messi lì per contentare la critica e per far scrivere che “a Sanremo c’è anche posto per l’impegno bla bla bla” .. solo che è sempre così da più di 30 anni. Niente di nuovo sotto il sole. Amalia Grè, Cristicchi, Silvestri, Nada in fondo servono soprattutto a questo. Sarebbero sicuramente molto imbarazzati, i critici a premiare che so, un Al Bano o Meneguzzi (con tutto il rispetto per Al Bano e un po’ meno per Meneguzzi)

Poi c’è la categoria di quelli che gravitano nell’orbita da anni, gli eterni “vorrei ma non posso", coloro non riescono mai a sfondare definitivamente. Una volta c’erano personaggi come Laura Saint Paul. Ora c’è Tosca (o Leda Battisti). Vengono, si fanno vedere e ripiombano nel’oblio per un altro anno. “Ho scoperto che esisto anch’io” canterebbe Nada.

Personalmente sono contento per Marcella Bella. Basta che non canti una canzone brutta come quella con la quale si presentò due anni fa. Un po’ meno per il fratello Gianni, il quale potrebbe essere una zavorra per la sorella. Purtroppo la sua voce si è “guastata”. Non che sia mai stato un grande cantante ma almeno era un discreto interprete delle sue canzoni le quali avevano il pregio di essere sempre orecchiabili ed alcune anche molto belle. Ora si è fortemente appesantito e non solo nell’ aspetto fisico.
Il che potrebbe essere un handicap e potrebbe in qualche modo svantaggiare la sorella, così come fu per Mia Martini quando cantò con Loredana Bertè STIAMO COME STIAMO.

Il resto è davvero “Zero Assoluto”.

Mi sarebbe piaciuto fosse arrivata Patty Pravo, perché una presenza così forte avrebbe fatto sicuramente bene al Festival. Come mi sarebbe piaciuto avesse accettato Ornella Vanoni.
Ma forse hanno ragione loro. Non sempre chi è assente ha torto.
Qualche volta, capita il contrario.

cverdier.blogspot.com

15 commenti:

Anonimo ha detto...

E PER LA GIOIA DI CHI NON SOPPORTA LA DIVINA PAUSINI...E' MOLTO PROBABILE CHE COME OSPITE CI SARA' ANCHE LEI....

Anonimo ha detto...

Ecco i "papabili"
Daniele Silvestri
Albano
Mariella Nava
Fiordaliso
Matia Bazar
Laura Bono
Dolcenera
Stefano Sani
Paolo Vallesi
Gerardina Trovato
Pago
Marcella Bella
Anna Oxa
Patty Pravo
Loredana Bertè
Michele Zarrillo
Massimo Di Cataldo
Mino Reitano
Peppino Di Capri
Fred Bongusto
Gilda Giuliani
Milk and Coffée
Roberto Alagna
Ricchi e Poveri
Cochi E Renato
Marcore’ – Miro’
Enrico Ruggeri
Ron
Annalisa Minetti
Luisa Corna
Paola E Chiara
Francesco & Father
Luca Dirisio
Sugarfree
Vibrazioni
Velvet
Rettore
Lisa
Valentina Gautier
Simona Bencini
Gemelli Diversi
Loredana Berte’
Max De Angelis
Francesca Alotta
Irene Fargo
Silvia Salemi
Mietta
Andrea Mingardi
Paolo Mengoli
Sandro Giacobbe
Orietta Berti
Iva Zanicchi
Moda’
Stadio
Morgan
Cammariere
L’aura
Irene Grandi
Jalisse
Cristina D’avena
Franco Califano
Viola Valentino
Francesco Renga
Finley
Gigi Finizio
Anna Tatangelo
Nada
Paolo Meneguzzi
Marco Armani
Franco Fasano
Tiromancino
Mario Rosini
Simone Cristicchi
Antonino

P.S. Non so se questa lista corrisponda la vero, ma mi sarebbe molto piaciuto rivedere dopo 33 anni (dal 1974, in cui partecipò con la struggente "Senza Titolo" di Mescoli e Pallavicini, per cui vinse il Trofeo Giorgio Berti come migliore interprete) sul palco di Sanremo una grande interprete della canzone italiana, ovvero GILDA GIULIANI. Forse l'artista in questione non ha santi in Paradiso, ovvero Mogol in Paradiso, come la signora Bella, che nel 2005 si lascio sfuggire un'occasione unica per un rilancio alla grande. Invece così non fu. Canzone dal titolo volgare "Uomo Bastardo" e una presenza "no comment".
A.D.

Anonimo ha detto...

Per me, più che le presenze, sulle quali concordo pienamente, va rivista la formula. Per esempio si potrebbe concedere ad ogni artista il tempo di un breve medley dei suoi successi più rappresentativi, chiuso dalla proposta di un brano inedito. Istantanee di una carriera insomma. Facendo questo e contemporaneamente eliminando l'inutile (e sgradito alle major)concetto di gara, anche i personaggi più refrattari al festival potrebbero forse (ri)avvicinarsi. A volte si potrebbe rendere la figura del presentatore ancor più marginale, lasciando che i cantanti si alternino sul palco da soli oppure permettendo loro di prodursi in jam sessions; magari inserendo pezzi storici del Festival. Più musica insomma.

diego ha detto...

non nmi piace il cast di quest'anno, come del resto da diversi anni

Anonimo ha detto...

Per quanto me ne interessa, potrebbe esserci anche SOLO lei !

Ciao,
Piwi

christian ha detto...

Gilda Giuliani è un'artista di una classe unica, di una capacità espressiva e tecnica fuori dal comune . Una che a soli 19 anni trattava una canzone di pochissima commerciabilità come FRAU SCHOELLER con la spigliatezza di una veterana, riuscendo a renderla credibile come forse nessun'altra avrebbe potuto fare . Parlare qui (sul blog) di Gilda Giuliani mi sembra inutile e soprattutto fuori luogo anche perchè ogni tanto spuntano fuori personaggi totalmente fuori da ogni conoscenza di tipo musicale che vengono a difendere sedicenti cantanti e che probabilmente neanche la conoscono.
Se mi gira, al più presto, le faccio un'intervista.

Pina ha detto...

Pensavo peggio..diciamo che ci sono tre-quattro presenze che mi stimolano. Baudo ha fatto un buon lavoro , lo dico anche se non sopporto Baudo

Anonimo ha detto...

Son contento per la partecipazione di Roby Facchinetti, sicuramente uno dei più grandi compositori di musica leggera e non.
MI spiace un pò che vada a mischiare la sua classe con quella un pò cialtrona del figlio.
Vabbè ... cosi è !

Ciny2 ha detto...

Ma perchè non si focalizzano anche su altri generi oltre la muscia leggera? Ci sono persone capaci che meriterebbero anche se non cantano la solta boiata del cuore/amore....

Anonimo ha detto...

UNO DEI PIU' GRANDI COMPOSITORI DELLA MUSICA LEGGERA E NON!!!!!.
Sei sopportabile soltanto se hai meno di sei anni.

Anonimo ha detto...

Gentile Christian, aspettiamo con impazienza la sua intervista alla signora Gilda Giuliani. Grazie!

Christian ha detto...

caro "anonymous", questo è quanto mi ha scritto la signora Giuliani due giorni fa :

"Caro Christian, puoi scrivermi quando vuoi ti risponderò volentieri anche se i tempi sono lunghi come vedi, ora per esempio ho finito di preparare lo spettacolo che perterò quest'anno e che si chiama "Canto MImì". E' uno spettacolo che sento particolarmente e che da sempre volevo fare mi ha impegnato molto anche perchè alla "Prima" abbiamo registrato per un Cd live, questo sul sito non c'è infatti ma bisogna cambiarlo come struttura per poter intervenire più spesso e facilmente senza l'ausilio di tecnici e roba varia.
Un gran saluto ed un affettuoso abbraccio al tuo papà e speriamo di sentirci e vederci presto
ciao Gilda "

Ora dipende da lei .

Anonimo ha detto...

BRIAN ENO
ok..lui stesso non si definisce un musicista e tanto meno un cantante e le sue produzioni sono molto molto particolari ma negli indici Non potete non includere la magica "by this river" o "julie with" di Brian Peter George St. John le Baptiste de la Salle Eno (...per tutti il mitico Brian Eno...!!)
E magari una bella recensione su Before and after science non sarebbe male...C'è qualche cultore di Brian nei paraggi??

Paola

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.