03 agosto 2009

Hit Parade che non c'è 2009/ Settimana n.30 del 2 Agosto

Complice l’arrivo di agosto, settimana mediamente tranquilla questa, con quattro nuovi ingressi. Ma anche un nuovo numero uno: al posto di Ferragosto di Samuele Bersani approda un altro titolo estivo: la frenetica Holiday di Dizzee Rascal, per l’occasione abbinato al genietto Calvin Harris e a Chrome.


Hit Parade che non c'è - 2 Agosto 2009

1Holiday
Dizzee Rascal feat. Chrome

2The Crying Lightning
Arctic Monkeys

3Youth Speed Trouble Cigarettes
Cassius

4L'amore che viene
Andrea Sisti & Paula Morelenbaum

5Do The Joy
Air

6Ferragosto
Samuele Bersani

7Pretty Wings
Maxwell

850mila
Nina Zilli feat. Giuliano Palma

9La mangiatrice di uomini
Paola Turci

10Verrà l'estate
Pacifico feat. Malika Ayane

11Ready for the weekend
Calvin Harris

12Remedy
Little Boots

13Triangle Walks
Fever Ray

14Make Her Say
Kid Cudi feat. Kanye West & Common

15Mrs. Cold
Kings Of Convenience

16Fuck You
Lily Allen

17This is Your Life
Ohm Guru

18Contro vento
Malika Ayane

19Where Did All the Love Go?
Kasabian

20Storia di una favola
La Fame Di Camilla



Al N. 2 risalita per l’epica Crying Lightning degli Arctic Monkeys, che proprio questa settimana hanno presentato il nuovo album ondine. Disco accolto trionfalmente, tanto che non pochi ne parlano già come di “disco dell’anno”… Se le Scimmie Artiche, da ex teenagers hanno dimostrato di essere cresciute e non poco, al N. 3 c’è invece un pezzo dedicato proprio ai teenagers “cattivi”, la martellante e cattivissima Youth Speed Trouble Cigarettes, nuovo singolo dei francesi Cassius.

Quarta posizione in discesa per l’accoppiata italo-brasiliana Andrea Sisti & Paula Morelenbaum con la melanconica L'amore che viene, e subito sotto, un altro duo francese, gli Air con “l’antipasto” Do The Joy. Di seguito due ex N. 1, Ferragosto di Bersani e Pretty Wings di Maxwell, il cui album del ritorno è entrato al N. 1 della Billboard Chart tre settimane fa.

Chiudono la Top 10 tre pezzi italiani, a partire dalla prima nuova entrata, l’orecchiabile 50mila dell'esordiente Nina Zilli (quasi una Giusy Ferreri 2.0, ma senza passaggio su talent show), autrice di musica, parole e arrangiamenti, che, con la complicità dell’ottimo Giuliano Palma ha azzeccato un brano molto gustoso nei suoi riferimenti retrò: sarà (anche se in ritardo) la canzone italiana dell'estate? Le radio stanno accorgendosene e i bene informati dicono di un album in arrivo a settembre... A seguire La Mangiatrice di Uomini della Turci e Verrà L’Estate della coppia Pacifico e Malika Ayane: se quest’ultima non riesce a entrare a breve in Top 100, mi sa che dovranno inciderla di nuovo come “Verrà L’Autunno”...

Sotto la Top 10 tre nuovi ingressi. A partire, al N. 13, dall’inquietante Triangle Walks di Fever Ray, vecchia conoscenza di questa rubrica. La svedese Karin Dreijer Andersson è metà (col fratello) dei The Knife, band indie molto famosa in Svezia e amata dalla critica, ma inevitabilmente sconosciuta dalle nostre parti, dove tuttavia la sua peculiare voce s’è fatta sentire nel pezzo del Royksopp “What Else Is There”. Con il suo progetto solista è arrivata al terzo singolo tratto dall’album e ci regala un’altra gemma di elettronica cupa mixata con percussioni africane e influenze orientali.

Al N. 15 altro nuovo ingresso proveniente dalla Scandinavia. Per l’esattezza dalla Norvegia, paese degli straordinari Kings Of Convenience, decisamente più noti anche alle nostre latitudini grazie al successo di qualche anno fa. Mrs. Cold è un'altra ballata acustica in punta di piedi, di quelle che riescono perfettamente al duo norvegese la cui bravura rende plausibile persino il ricorrente paragone a Simon & Garfunkel: il loro terzo album DECLARATION OF DEPENDENCE uscirà il 2 ottobre.

Chiudiamo al N. 17 con Ohm Guru, sotto la cui sigla si cela Riccardo Rinaldi, ex Aeroplanitaliani (la band di Alessio Bertallot) e vero virtuoso della sala di registrazione. Per l’etichetta Irma Records (etichetta di nomi come Jestofunk e Double Dee) ha quindi pubblicato il terzo album del progetto, CINEMA, in cui miscela elettronica e rock indipendente. Tra i pezzi di punta dell’album, questa cover di This Is Your Life, vecchio hit datato 1991 del duo britannico Banderas (una vera e propria one hit wonder), affidata alla voce della bolognese Caterina Soldati, ovvero Agrado (che sa cogliere il riferimento cinematografico vince una bambolina).

by ilgmk


Alla prossima.

Classifica precedente: Settimana n.29 del 26 Luglio

Nessun commento: