23 agosto 2006

50 fatti che dovrebbero cambiare il mondo, Nr. 20

L'81% delle esecuzioni capitali nel mondo ha avuto luogo in tre nazioni: Cina, Iran e Stati Uniti.

(da "50 fatti che dovrebbero cambiare il mondo" di Jessica Williams - Ponte Delle Grazie, 2005)


QUALCHE FONTE:

- Pena di morte
- Pena di morte: nel 2005, 5494 esecuzioni
- In Cina il 90% delle esecuzioni capitali nel mondo

Articolo precedente della serie: Nr. 19: Additivi

3 commenti:

Anonimo ha detto...

il 6 Dicembre 2004 la Cina vanta il 90% delle esecuzioni. Il 23 Agosto 2006 si divide l'81 per cento con Iran e Stati Uniti. Dai che con i buoni uffici di Heil Josef tra un paio di anni pure le celesti sfere saranno invase da beati con gli occhi a mandorla.

Informazione alternativa?


ich

oguas ha detto...

Dire che la Cina è di gran lunga la nazione dove si eseguono condanne a morte, è comportarsi come il TG2 quando dice: "la regione prima per (esempio) furti in casa è la Lombardia". Visto che la Lombardia è di gran lunga la regione più popolosa, è prima nei furti in casa come in un sacco di altre cose! Sarebbe molto più obiettivo esaminare il rapporto popolazione-furti di ogni regione.

Se consideriamo il rapporto popolazione-condanne a morte, il record negativo è attualmente detenuto da Singapore.

Fonte: Nessuno tocchi Caino.

Adrian ha detto...

Stiamo parlando ovviamente di dati relativi ad 1 anno, qualcuno invece ha fatto la conta sugli ultimi 25 anni? o sugli ultimi 100? (forse 100 son troppi, con 2 guerre mondiali di mezzo) inoltre quoto Ogaus.

E questo ve lo sentite dire da uno che sostiene la pena capitale per i reati di genocidio e pedofilia.

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.