31 ottobre 2006

Traduzione/ (Sittin' on) The Dock of the Bay - Otis Redding

Otis Redding, uno degli alfieri della musica soul anni '60, scrisse il primo verso di questa canzone nel giugno 1967 su una casa galleggiante in Sausalito, California, intitolandola provvisoriamente Dock of the Bay (la banchina della baia). Continuò a scarabocchiare altri versi durante tutto il 1967 su mezzi di fortuna quali tovaglioli o carta di alberghi. Nel dicembre di quell'anno, a Redding si unì Steve Cropper (chitarrista di Booker T. & The M.G.s) ed insieme completarono la musica ed i versi di quella che nel frattempo assunse il titolo definitivo di (Sittin' on the) Dock of the Bay che venne registrata il 6 e 7 dicembre. Tre giorni dopo l'areo su cui Redding ed il suo gruppo viaggiavano precipitò nel lago Monona nel Wisconsin, da dove il suo corpo fu recuperato il giorno dopo.

Il brano venne pubblicato nel gennaio del 1968 e le stazioni radiofoniche di Rhythm 'n' Blues iniziarono immediatamente a trasmetterlo proiettandolo al nr. 1 delle chart R&B. Per l'estate di quell'anno era arrivato al nr.1 della classifica generale. Da allora la sua popolarità non è mai scemata. Si calcola che "Dock of the Bay" sia la sesta canzone più eseguita di tutti i tempi, con oltre 6 milioni di esecuzioni. La rivista Rolling Stones la riporta al nr. 26 nella classifica delle migliori canzoni di tutti i tempi.

Il pezzo, pur non essendo granchè rappresentativo della produzione precedente di Otis Redding, è quello che maggiormente ha finito per caratterizzarlo. Si tratta comunque di uno splendido brano, venato da una malinconia diffusa ma leggera, quasi "piacevole": "mi siederò sulla banchina della baia a guardare la marea andarsene, sprecando il mio tempo".

Al solito, la segnalazione della traduzione italiana. E per chi non la ricordasse, il link al video del brano.

Articolo precedente della serie: Stairway to Heaven - Led Zeppelin

1 commento:

Anonimo ha detto...

Cerco il video di questa canzone, ma non riesco a trovarlo... sapresti aiutarmi?

http://bambolina-e-barracuda.spaces.live.com/

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.