12 marzo 2010

Formigoni dalla A alla Z/ L come L'Aquila

Premesso che chi vota a destra di questi tempi mi fa letteralmente schifo, vediamo come il governatore a vita della Lombardia usa i nostri soldi, oltre che per farsi la solita pubblicittà gratuita, per fare regalie ai suoi amici tra cui, in primissima fila, le gerarchie ecclesiastiche.

Lo strano caso della Casa dello studente. Formigoni non perde occasione per farsi pubblicità, spesso a spese del contribuente, nel senso che ciò che fa è sempre, ovviamente, pagato da tutti i cittadini. Ogni tanto però qualcosa non va nel verso sperato dal governatore. È successo per la Casa dello studente de L’Aquila, che Formigoni si è impegnato a ricostruire dopo il tragico terremoto in Abruzzo, a spese di Regione Lombardia.

Il governatore aveva cercato di giocare di anticipo per cercare di attutire il colpo: «Attendo se non a ore, a giorni, un avviso di garanzia dall'Aquila. L'accusa è di aver costruito la Casa dello studente con 128 posti letto a tempo di record. Questa è un'azione della quale sarò sempre orgoglioso. Sulle mie labbra fiorirà sempre il grido: viva la Regione Lombardia. Al procuratore dell'Aquila dico che la Casa dello studente, realizzata in legno, fra 30 anni sarà inutilizzabile e il terreno verrà rimesso a disposizione». A disposizione della Curia, aggiungiamo.

Ma del concetto che «fra 30 anni sarà inutilizzabile» Formigoni non ne aveva mai parlato. Gli studenti si erano fatti alcune domande, a cominciare dal fatto che la Casa fosse stata data in gestione alla Curia stessa (benché l'accordo di programma prevedesse che a gestirla fosse la Regione Abruzzo attraverso le sue articolazioni, ovvero l'Adsu). Ma la cosa che colpisce è che l'accordo prevedeva che, trascorsi i trent'anni, il terreno tornasse sì alla Curia, beneficiaria, però, di tutto quello che si trovava sopra. Ovvero, anche del bene da 7,5 milioni di euro. Come mai Formigoni ha cambiato versione?

Nella delibera di Giunta regionale del 19 giugno 2009, n. 8/9708 leggiamo che «l’Arcidiocesi si impegna a cedere a titolo gratuito, alla Regione Lombardia, il diritto di superficie sull'area interessata dalla realizzazione della residenza universitaria di cui al presente Accordo di programma, per il periodo di anni trenta, pari alla vita utile della residenza universitaria stessa, al termine dei quali si applica quanto disposto dall'art. 953 del Codice Civile».

La delibera richiama l'art. 953 del Codice Civile (diritto di superficie), che così recita: «Se la costituzione del diritto è stata fatta per un tempo determinato, allo scadere del termine il diritto di superficie si estingue e il proprietario del suolo diventa proprietario della costruzione». Ora, probabilmente, tra trent'anni, Formigoni sarà ancora presidente della Regione Lombardia. Ma, secondo voi, chi sarà proprietario della Casa dello Studente? L’Arcidiocesi, come è ovvio che sia.

Quanto al curioso argomento secondo il quale la Casa “durerebbe” soltanto trent'anni, ci siamo documentati sul sito di chi l'ha costruita. La prima risposta alle «Domande frequenti» è: «Una casa in legno può durare centinaia d’anni, è solida quanto una casa in calcestruzzo». Secondo noi, il gruppo in questione potrebbe anche offendersi (e andrebbero immediatamente avvisate le 10mila persone nel mondo che hanno acquistato case del genere. Infine non è affatto male spendere 7,5 milioni di euro per una struttura che ha vita così breve e che dopo trent'anni è «inutilizzabile»...

Le cose potremmo spiegarcele così: la Casa tra trent'anni non solo sarà utilizzabile, ma sarà utilizzata dalla Curia, che ne diventerà proprietaria, dopo averla gestita per trent'anni, e non sarà tenuta nemmeno a ospitare gli studenti. Questo dice la delibera. Perché la vita utile citata in delibera non si riferisce all'immobile, ma alla sua destinazione. Formigoni ha offerto una versione del tutto implausibile della vicenda per evitare di dover rispondere del passaggio di un bene da otto milioni di euro dalla Regione Lombardia all'Arcidiocesi dell'Aquila.

(da "Il libro grigio della giunta Formigoni" di Giuseppe Civati & Carlo Monguzzi)

Puntate precedenti:
I come Idrogeno
H come Haiti
G come Giustizia ad orologeria
F come Ferro (poco) e smog (parecchio)
E come Eluana
D come Diritti negati
C come Comunione e Liberazione
B come Bonifiche (e Bonifici)
A come Arese
Cielo grigio su, cielo grigio giù

Nessun commento: