30 maggio 2006

Forza Etna

Forza Etna era uno slogan leghista di qualche tempo fa, quando la Lega si limitava ad essere un partito di lotta. Da quando è diventata anche un partito di governo, ha dovuto rivedere un po' le sue strategie visto che è tuttora alleata con partiti che dalle parti dell'Etna spopolano. E' singolare questo gemellaggio tra il Lombardo-Veneto e la Sicilia, due grossi problemi italiani e le sole due roccaforti che sono rimaste al centro-destra, come confermato anche dalle elezioni amministrative odierne.

Beh, comunque l'esito delle elezioni regionali siciliane è di una chiarezza solare. I siciliani dovevano scegliere tra un candidato implicato in un processo di mafia ed una candidata che ha avuto il fratello giudice trucidato dalla mafia. I siciliani hanno scelto il candidato implicato in un processo di mafia.

Se un venusiano piombasse sulla terra e gli si raccontasse l'esito delle elezioni siciliane odierne, avrebbe torto se deducesse che i siciliani sono mafiosi?

Forza Etna Compilation

Yuri Sampirisi: STA MAFIA
anonimo: VITTI 'NA CROZZA
FLAMINIO MAPHIA: Che idea
anonimo: PICCULU SCIURI
Franco Battiato: STRANIZZA D'AMURI
anonimo: SCIURI SCIURI
Nino D'Angelo: TANO DA MORIRE

9 commenti:

benty ha detto...

ma un vesuviano credo che capirebbe, d'altronde a Napoli si saranno fatti un'idea di come vanno le cose in Sicilia. Scherzi a parte, è davvero tragico qesto risultato

Anonimo ha detto...

Venusiano....non Vesuviano......meditate gente meditate
Antonio

chartitalia ha detto...

oops... già corretto, grazie antonio
bah, la natura vulcanica del post deve avermi preso la mano: essendoci l'etna non poteva mancare il vesuvio...

Carmelo ha detto...

Il venusiano avrebbe senz'altro torto... C'è una buona parte di gente che mette al primo posto l'onestà, al di là di ogni altra valutazione politica: mi pare che la Borsellino abbia ottenuto più voti di quelli ottenuti in Sicilia dal Centrosinistra alle recenti politiche. I restanti non sono certo tutti mafiosi... Il fatto è che nella mia Sicilia ci sono anche troppi ignoranti e bigotti, se quando si allude alle indagini su Cuffaro ci si sente rispondere cose tipo 'Ma è onesto! E' cattolico...' oppure 'Ma credi che si prenderebbe la responsabilità di rischiare la galera, ed abbandonare i suoi figli?', come se Provenzano, Riina e Berlusconi, i primi tre che mi vengono in mente, di figli non ne avessero...

Anonimo ha detto...

un dubbio mi assale...vuoi vedere che se a popolo mafioso corrisponde presidente mafioso...a città della camorra corrisponde rappresentante camorrista?...mi si spieghi perchè napoli dovrebbe considerarsi tale isola felice...avendo rifiutato l'elezione di un ex prefetto...

M.S. ha detto...

Non mi pare che avere un fratello giudice trucidato dalla mafia sia una condizione sufficiente e/o necessaria per governare una Regione. Serve anche un programma di governo, evidentemente era migliore l'altro.

chartitalia ha detto...

per l'anonimo dubbioso: capisco che non tutti si possa essere ferrati in sillogismi; guarda che a Napoli non c'era un candidato accusato di contiguità con la camorra ed un altro che faceva della lotta alla camorra la sua bandiera; se così fosse stato il venusiano avrebbe avuto tutti i diritti ad interrogarsi sulla "cammorrità" dei napoletani: ma così non è era

per l'M.S.: guarda che chi alla fine governa sono i funzionari, e dò per scontato che ve ne siano di capaci sia da una parte che dall'altro; quello che il governatore rappresenta è un simbolo e su quello si sceglie; ora i simboli nel caso in questione erano: un candidato accusato di contiguità con la mafia ed un altro il cui programma era quello di combattere la mafia; non c'è dubbio che i siciliani NON hanno scelto il programma di lotta alla mafia

Anonimo ha detto...

Devo ricordare che esiste la presunzione d'innocenza?
Che essere "implicato" in un processo (ma che significa? Indagato? Rinviato a giudizio?) non significa affatto essere colpevoli?
Che molto spesso i P.M. sbagliano?
L'equazione accusato di reati di mafuia = necessariamente (e sin d'ora) mafioso è aberrante.
Come trovo aberrante ritenere che votare una persona semplicemente accusata di un reato equivalga a riconoscersi a favore del reato di cui questa è accusata. Stefano

P.S.:
Eppure, in altri contesti (non parlo di questo sito), quando ad essere accusati sono giovani autonomi o provenienti da centri sociali, il garantismo impera!
Perché non si applica anche qui lo stesso metro?

Anonimo ha detto...

Nashville..
Commento da un siciliano DOC.. Ritengo che una delle cause per cui il popolo siciliano è stato, ed è tuttora in alcuni ambiti, alla mercè della criminalità organizzata, è stata l'emarginazione dagli interessi dello Stato del suo territorio, teso più a comunicare con l'estero che all'interno della propria area geografica. L'isolamento "fisico" dei secoli trascorsi rispetto alla centralità dello Stato ha visto prevalere le legge del più forte.. Come risultato di questa considerazione, esistono, alla vigilia delle elezioni due scuole di pensiero: una pro ponte 8centro destra) e l'altra contro (centrosinistra). Posso lecitamente supporre che un siciliano, per sentirsi più "italiano", ritenga il ponte un'opera in condizione di toglierlo dall'isolamento, affinchè l'influenza dello Stato sia più forte dell'influenza del vicino, compare mafioso? Non si spiegherebbe altrimenti il successo della lista dell'autonomia, inserita nel centro destra, che di questo faceva il suo slogan. Ponte=maggiore comunicazione=presenza dello Stato, è una uguaglianza tanto inverosimile?

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.