13 gennaio 2006

Ah, che idea stupefacente, non si trova un precedente

Il senatore della Margherita Nando Della Chiesa ci è sempre stato simpatico in quanto riesce ad essere "leggero" anche con argomenti pesantissimi come quelli politici: da una sua rubrica sul settimanale Avvenimenti fatta parafrasando il mondo del pallone alle sue sardoniche imitazioni, dalla sua organizzazione del Festival della Musica di Mantova in contrapposizione a quello di Sanremo, alla trovata di ieri in Parlamento dove, per opporsi alla ennesima legge nefanda di questo governo allucinante, ha fatto il suo intervento parlamentare in rima baciata. Ecco il testo dello spassoso componimento.

Bentornati senatori,
dalle feste e dai ristori,
tutti insieme per votare
la gran legge secolare,
la più urgente, la più bella
legge, sì, la legge Pecorella.

Ma quant’è curioso il mondo,
nel suo gran girare in tondo,
che fa nascere d’incanto
una legge che può tanto.
E la scrive un avvocato
per salvare il suo imputato,
che poi, caso assai moderno,
è anche capo del Governo,
mentre invece l’avvocato
è un potente deputato.

Ah, che idea stupefacente,
non si trova un precedente,
è un esempio da manuale
di cultura occidentale
che sa metter le persone
sopra la Costituzione.
E ora è bello edificante
che di voci ne sian tante,
di giuristi, ex magistrati,
di causidici, avvocati,
pronti, intrepidi, a spiegare
che la legge è da votare,
poiché vuole la dottrina
che il diritto su una china
più virtuosa scorrerà,
se la norma si farà.

Ma pensate che bellezza
per un reo, l’aver certezza
che se il giudice è impaurito
o corrotto o scimunito,
potrà dar l'assoluzione
senza alcuna sconfessione,
che il processo finirà
e un macigno calerà
sull’accusa dello Stato
e su chi subì reato.
Che trionfo, che tripudio,
e per Silvio che preludio
ad una dolce terza età,
l’assoluta impunità.

Bentornati senatori,
per la fine dei lavori;
cinque anni incominciati
coi tesori detassati,
poi vissuti con amore
a far leggi di favore:
rogatorie, suspicioni,
lodi, falsi e prescrizioni,
approvate in frenesia
e con gran democrazia,
che chi c’è non può parlare
e chi è assente può votare.
Mentre al pubblico in diretta
lui giurava: "Date retta,
se non si combina niente
sui problemi della gente
colpa è di opposizioni,
Parlamento e Commissioni!".

Bravi voi che con tempismo
combattete il comunismo,
anche se nell’ossessione
ce l’aveste una ragione:
falsa è di Marx la tesi
che lo Stato è dei borghesi;
ci insegnaste voi del Polo
che lo Stato è di uno solo.
Or votando con l’inchino
si completi il gran bottino
delle leggi personali,
questo sconcio senza eguali.
Del diritto sia mattanza.
Ma l’Italia ne ha abbastanza".

3 commenti:

Anonimo ha detto...

...e questo quanto lo paghiamo al mese?

ma ci rendiamo conto? si presenta con una rima!!!

non dovrebbero essere persone serie, perone fidate, persone importanti? a me sembrano dei pagliacci... tutti!

chartitalia ha detto...

aprire il dizionario, vedasi alla voce "ironia"

Anonimo ha detto...

Finalmente qualcosa di originale.. Tanto laddove sei già sconfitto dai numeri ed il dibattito altro non è che un 'pro-forma' l'arma dell'ironia mi pare un mezzo di comunicazione assolutamente lecito ed anzi auspicabile (Mario Capanna, quando venne eletto al parlamento europeo, scrisse - non ricordo per protestare in merito a cosa- il suo intervento in latino..)

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.