10 gennaio 2006

I pirati si organizzano e si fanno partito

Già, la "guerra" in atto tra consumatori e produttori di contenuti (case discografiche e cinematografiche in primis) si arricchisce di un ulteriore tassello (dopo la nascita della Carta dei diritti del consumatore): in Svezia nasce il Partito dei Pirati (Piratpartiet), con tanto di sito annesso, che potete visitare se conoscete lo svedese.

Magari resterà un caso isolato, ma se il Piratpartiet dovesse riuscire a superare lo sbarramento del 4%, la cosa potrebbe dilagare a livello europeo: in Italia credo vi sia già un'ampia base potenziale... Magari resterà una goliardata, ma cinematografari e discografari farebbero bene a rifletterci un po' su. Sinora non si era mai visto un partito costituito da clienti che nasce con il preciso scopo di dare battaglia ai propri fornitori.

Ma farebbero bene a farci su qualche riflessione anche i partiti tradizionali: c'è un'area elettorale che è esasperata dalle politiche sinora seguite riguardo alle proprietà intellettuali. "Politiche" è un termine un po' forte. Anzi, ve n'è stata una sola: appiattimento totale sulle richieste e sugli interessi dell'industria culturale e totale dispregio per gli interessi dei propri rappresentati.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

bella idea... speriamo che non gli uccidano sul nascere

Anonimo ha detto...

Bello , li voto subito ! :D

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.