11 giugno 2006

Covo di pirati all'Università

"Fotocopiavano libri e dispense" e le spacciavano agli studenti. Con questa accusa sono finiti nel mirino dei magistrati bergamaschi 81 persone, tra fra docenti dell'Università di Bergamo ed uno stampatore.

Sembra che nel corso di un anno di indagini, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Bergamo abbiano sequestrato circa 900 dispense che lo stampatore aveva venduto agli studenti senza pagare, però, i necessari diritti d'autore. Minchia, Signor Tenente! Spero di aver capito male. Cioè le nostre emerite Fiamme Gialle impiegano un anno di indagini per stanare un pericoloso covo di pirati che nel corso di un anno hanno fotocopiato 900 dispense? Pari a 75 dispense al mese? E a circa 2 al giorno? Azz, considerando che il balzello per la SIAE su ogni fotocopia è di ben 4 centesimi a pagina, considerando und dispensa di un centinaio di pagine, i pericolosi malfattori hanno evaso qualcosa come 8 euro al giorno! Tali cifre giustificano sicuramente un anno di indagine da parte di una squadra della Guradia di Finanza, coordinate dal solerte PM bergamasco. Cose da pazzi.

La legge che istituiva la "tassa sullo studio" come è stato definito il prelievo SIAE sulle fotocopie, ha suscitato diverse critiche, sopratutto nel mondo scolastico dove le fotocopie sono molto utilizzate. E' stata l'ennesima dimostrazione dello strangolamento che la SIAE opera sull'intera società italiana.

Certo, se le Guardia di Finanza passa il tempo a rincorrere le briciole, capisco meglio perchè l'ammontare della evasione in Italia sia superiore ai 200 miliardi di euro. Ogni anno.

"Covo di pirati all'Università di Bergamo" Compilation

Giorgio Faletti: SIGNOR TENENTE
Lucio Battisti: INNOCENTI EVASIONI
Edoardo Bennato: NEL COVO DEI PIRATI
The Beatles: TAXMAN
Frankie Hi Nrg: LIBRI DI SANGUE
Julio Iglesias: SONO UN PIRATA, SONO UN SIGNORE
Joe Tex: BUYING A BOOK
Equipe 84: LA FINE DEL LIBRO
Di Giacomo / Di Capua: VURRIA SCRIVERE 'NU LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.