20 marzo 2006

Io sono qui

Dopo aver scoperto l'eccellente progetto Voi siete qui che consente di misurare oggettivamente la propria vicinanza/lontananza dai partiti, ho voluto cimentarmi anch'io. Per questione di trasparenza ritengo corretto riportarne l'esito, così potete inquadrare meglio le posizioni di chi state leggendo.
Come potete osservare, il risultato non è del tipo: "si è di destra" o "si è di sinistra", espressioni piuttosto idiote, ma il grafico mostra semplicemente la propria distanza dai partiti calcolata confrontando le diverse posizioni sui 25 temi più presenti nei programmi elettorali e nei dibattiti politici (es: la pirateria musicale, la TAV, la fecondazione assistita, e simili). Consiglio davvero tutti di provare almeno una volta a rispondere alle 25 domande, anche nel caso che sappiate perfettamente per quale partito votare: più che altro per verificare che il partito prescelto effettivamente esprima correttamente le vostre posizioni.

Naturalmente, vista la mia mania per le classifiche, ho voluto calcolare analiticamente la distanza che mi separa dai vari partiti ed è venuto fuori che quello che sembra più vicino alle mie posizioni è l'Italia dei Valori di Di Pietro, seguito a brevissima distanza dai Verdi. Questa è la "hit parade" completa (tra parentesi, la misura numerica della distanza).

  1. Italia dei Valori (25)
  2. Verdi (28)
  3. DS (31)
  4. PRC (32)
  5. PdCI (33)
  6. UDEUR (38)
  7. Rosa nel Pugno - Socialisti Italiani (38)
  8. Margherita (39)
  9. AN (89)
  10. UDC (89)
  11. Lega Nord (104)
  12. Forza Italia (107)

Che dire? Una conferma schiacciante della distanza che mi separa dai partiti attualmente al potere, in particolar modo dall'accoppiata Lega-Forza Italia, i due partiti che maggiormente hanno devastato l'Italia in questi ultimi 5 anni.

La cosa che più mi ha sorpreso è che, tutto sommato, la distanza che mi separa dall'UDEUR di Mastella è la stessa di quella che mi seprara dai radicali della Rosa nel Pugno. In astratto credevo che le truppe mastellate mi rappresentassero meno di quelle pannellate, ma evidentemente ero vittima di un pregiudizio. Vai Clemente!

Analizzando più a fondo la classifica vi sono comunque degli aspetti piuttosto sorprendenti. Il primo è, per quanto emerso dal mio test, che non intravedo alcuna "area di centro": le posizioni dei due schieramenti sulle varie tematiche sono nettamente separate e la distanza minore tra partiti dei due schieramenti è di 50 punti (precisamente: Margherita con 39 e la coppia AN-UDC con 89). Che è molto superiore rispetto al massimo scarto che si registra all'interno dei due schieramenti, rispettivamente di 14 e 18 punti.

E questo è l'altro aspetto sorprendente: nonostante la varietà dei partiti che compongono l'Unione (8), la loro distanza sulle varie tematiche è di appena 14 punti (dai 25 dei dipietristi ai 39 dei margheritini) mentre con soli 4 partiti la Casa delle Libertà esprime un divario di 18 punti (dagli 89 dei neo-fascisti ai 107 dei forzitalioti). E ciò per fare giustizia della presunta litigiosità all'interno dell'Unione sulle cose da fare rispetto all'altrettanto presunta compattezza della attuale maggioranza.

La cosa che comunque mi ha sorpreso maggiormente è che le domande poste non hanno niente a che vedere con posizioni ideologiche o con posizioni di governo/opposizione ma semplicemente viene chiesto di indicare quanto si è favorevoli o contrari a proposito di specifiche tematiche. Sarebbe interessante che sopratutto i tifosi dell'attuale maggioranza provassero ad eseguire il test e vedere quanto e se effettivamente il proprio partito li rappresenta. Che è esattamente quanto l'iniziativa OpenPolis si prefigge mettendo a disposizione questo eccellente strumento.

Ma ancora più interessante è se, dopo aver eseguito il vostro test, ne illustraste i risultati nei commenti a questo articolo. Naturalmente potete farlo utilizzando un nickname o in modo completamente anonimo.

5 commenti:

Libo ha detto...

Bellissimo questo questionario. Mi ha dato la conferma di quello che ho sempre sostenuto e sempre sosterrò da qui all'eternità. Sono praticamente nella mappa in un punto equidistante e lontano da ogni partito politico, il che vuol dire che per fare (secondo il mio punto di vista ovviamente) di uno Stato una cosa migliore bisogna ragionare con l'intelligenza e con la saggezza. Le ideologie, gli schieramenti, i programmi politici? Sono tutti fatti più contro qualcuno che per il bene di tutti. Se si mettesse a capo dell'Italia (così come di qualunque altro paese) un gruppo di gente saggia, piena di cultura, aperta al nuovo con un occhio attentissimo a ciò che è stato, questa sarebbe una nazione migliore. E questa rimarrà aimè un'utopia...

Miki ha detto...

Interessante.

Non troppe sorprese per me, devo dire.
Senza entrare nei dettagli, mi colloco piú vicina alle posizioni di sinistra con Verdi, Italia dei Valori, Rosa nel Pugno, DS, PRC, PdCI e UDEUR tutti piuttosto vicini e Margherita un po' piú in lá.
Decisamente lontanucci AN e Lega.
Lontana anni luce FI.
^__^

Miki

Anonimo ha detto...

GRRRRR! Sono indeciso se votare Rifondazione, Verdi o Rosa nel Pugno. Faccio il test per cercare di avere uno spunto e scopro che...
... sono equidistante da Rifondazione, Verdi e Rosa nel Pugno.
Che rabbia! :(

simplicius ha detto...

vota Verdi
gli altri due hanno sicuramente qualcosa da farsi perdonare ed è giusto che saltino un turno: Rifondazione è quella che fece cadere il primo governo di centro-sinistra, regalando l'italia al CaiNano; i radicali della Rosa nel Pugno fuorno addirittura alleati e nel primo governo del centro-destra: sarebbe troppo premiarli

Anonimo ha detto...

Il popolare giornalista candidato con la lista “Italia dei Valori”

Antonello De Pierro a Ladispoli

Nella cittadina litoranea laziale tanti applausi e consensi per il
direttore di Italymedia.it che ha chiesto a tutti i presenti “di riflettere secondo coscienza sul programma del partito e, per tutelare realmente i diritti di tutti, sostenere “Italia dei Valori”


Ladispoli (RM). Grande successo, come da copione, l’altra sera a Ladispoli, nei pressi di Roma, per l’incontro avuto dal noto giornalista Antonello De Pierro con un folto gruppo di simpatizzanti del partito “Italia dei Valori”. Il direttore di Italymedia.it che, nella cittadina balneare è candidato al Comune nella lista che fa capo ad Antonio Di Pietro, in un noto ristorante del posto, gremito al limite della capienza, ha presentato il suo programma ed ha spiegato i motivi della sua candidatura. Una scelta nata sulla consapevolezza di un’affinità ideale con la politica del partito, maturata giorno per giorno, dopo il distacco, come ha spiegato lo stesso De Pierro, dall’orbita dei Verdi, per alcuni motivi interni che però non ha citato. Da quanto appreso dalla voce del cronista romano, noto per le sue battaglie mediatiche nel campo del sociale e in particolar modo dei diritti, soprattutto sulle frequenze di Radioroma, la sua presenza tra le file della locale lista “Italia dei Valori”, non nasce da un proposito di affermazione personale, ma dalla volontà di apportare un contributo di esperienza professionale al partito, che tra l’altro per queste elezioni amministrative 2007 ha schierato una squadra fortemente competitiva, rappresentando praticamente tutte le figure dell’universo sociale. Un gruppo compatto, che fa paura a molti, che pur tra una raffica di tentativi di contrasto, punta dritto alla linea del traguardo finale, con la previsione ottimistica di un altisonante successo svelato dall’atteso verdetto delle urne. A capeggiare la lista è Giovanni Crimaldi, segretario politico di Ladispoli, seguito dal segretario dei giovani Biagio Camicia, ma tra gli altri spiccano il vicesegretario Silvio Leo e l’ingegnere informatico Giacinto Spinillo. Ben rappresentate anche le donne, da Valentina Fanelli, esperta di diritto, a Valentina Ferrara e ancora a Clara De Ruosi.
De Pierro, legato alla corrente capeggiata dal segretario romano Roberto Soldà, si è avvicinato al movimento che ha fondato la sua linea politica sui temi dei valori e della legalità, dopo la posizione assunta da Antonio Di Pietro sull’indulto, quando ha ingaggiato una furiosa battaglia giornalistica contro il provvedimento, che potrebbe sintetizzarsi in quanto scritto all’indirizzo http://www.italymedia.it/editoriale/010.html
Ma per comprendere meglio la linea portata avanti dall’attivissimo e intransigente direttore di Italymedia.it pubblichiamo una sintesi di quanto detto l’altra sera, rimandando per gli approfondimenti generali al sito ufficiale della sua candidatura http://www.italymedia.it/depierroladispoli

Cari amici,
sono qui per comunicarvi i motivi che mi hanno spinto ad accettare la candidatura alla carica di consigliere per il Comune di Ladispoli.
Parto innanzitutto dalla scelta della lista, la cui offerta ho accettato con grande entusiasmo. Quando alcuni mesi or sono si è votata in Parlamento la vergognosa legge sull’indulto, in cui ogni compagine partitica sembrava avere più o meno qualche interesse elettorale, e il partito “Italia dei Valori”, con in testa il suo presidente Antonio Di Pietro, si è opposto immediatamente a tale manovra legislativa che vanificava il lavoro di magistratura e forze dell’ordine e mortificava il concetto di legalità, lanciando un messaggio fortemente negativo al tessuto sociale e abbassando sensibilmente nei profili mentali della gente l’indice di gravità di alcuni reati, io personalmente mi sono subito schierato contro questo grave provvedimento, che va ad inficiare la sicurezza e il concetto stesso di legalità, contenendo tra l’altro elementi paradossali e illogici, scrivendo immediatamente un editoriale sull’argomento, pubblicato tra le pagine di Italymedia.it, il portale di informazione di cui sono direttore, all’indirizzo http://www.italymedia.it/editoriale/010.html
Le affinità ideali col movimento di Antonio Di Pietro, mi hanno avvicinato al gruppo, maturando sempre più la convinzione di avere un alto numero di elementi concettuali in comune, anche dopo aver ascoltato più volte con attenzione gli interventi politici del leader. Il senso di giustizia sociale e l’alto spirito di legalità, elementi che hanno da sempre illuminato e guidato il mio percorso giornalistico, costantemente al servizio della gente e mai delle trame del potere, li ho colti integralmente nei concetti espressi, perfettamente allineati con i miei, e tra l’altro uditi per la prima volta dalla voce di un politico, esplicitati con grande spontaneità e passione oratoria, senza la minima traccia di retorica. Ho trovato tra l’altro un gruppo di altri tempi, dove il protagonismo del singolo non trova spazio e se accenna ad emergere viene subito soffocato, dove la struttura oligo-verticistica è una prerogativa di altri, dove invece lo spirito di gruppo regna sovrano e porta avanti gli ideali verso un successo di affermazione dei principi sostenuti e giammai del singolo elemento.
Un’oasi di sana politica su un proscenio generale di cariatidi incollate agli scranni, in nome di un potere da difendere strenuamente, dove le esigenze del popolo sono relegate ai margini più remoti delle priorità e il tutto è condito da demagogia esasperata e distribuita copiosamente al solo fine di racimolare consensi elettorali.
Giornalisticamente mi sono sempre adoperato, insieme ai miei collaboratori, per denunciare inefficienze, abusi, soprusi, ed ho pensato di contribuire all’affermazione dei principi di giustizia anche tramite un impegno politico.
Nell’arido deserto di valori in cui purtroppo boccheggia la nazione, c’è urgente bisogno di affermare gli stessi con impegno ed abnegazione, da parte di tutti coloro i quali credono che il cambiamento sia realmente possibile e non solo impantanato in sterili speranze di sapore onirico e utopistico.
La scelta di Ladispoli è da ricercare in un antico legame che ho il piacere di avere con la cittadina alle porte di Roma. Si tratta di un legame affettivo, fatto di elementi relazionali amicali con alcuni cittadini, nonché di elementi turistici, nel senso di averla scelta da sempre come meta per le mie sortite fuori porta.
Nel corso degli ultimi anni ho assistito con dispiacere ad una gestione amministrativa sempre piuttosto superficiale e involutiva sul territorio, ma nel corso dell’ultimo mandato la stessa è diventata praticamente inesistente o scriteriata, con un paese, già afflitto da problemi di origine atavica, che è stato stritolato dal degrado e dall’immobilismo totale di chi avrebbe dovuto invece adeguarlo alle esigenze sempre più pressanti dei cittadini.
Si può fare molto, anzi si deve, e questo è un preciso e inderogabile impegno elettorale dell’Italia dei Valori dopo l’ingresso nel consiglio comunale.
Un problema che mi sta particolarmente a cuore è legato al sacrosanto diritto alla salute, sancito dall’articolo 32 della Carta Costituzionale, e regolarmente calpestato nelle strutture sanitarie pubbliche del territorio.
È giusto e di rigore adempiere i doveri, ma quando si parla di diritti, vanno rispettati senza indugi e nessuno può e deve permettersi di negarli.
Abbiamo assistito ad una interminabile e dolorosa sequenza di carenze nell’ambito della sanità pubblica, per cui, spesso gli utenti (o pazienti, è proprio il caso di dire) sono stati dirottati dalle impellenti esigenze, verso le strutture private.
Questa è una vergogna che deve finire, insieme all’alto prezzo pagato dai cittadini.
L’impegno su questo terreno è di non fare sconti a nessuno.
Passando all’articolo 4 della Costituzione, che tutela il diritto al lavoro e prevede che lo stato si adoperi affinché questo venga rispettato, abbiamo assistito negli ultimi anni ad un vero e proprio attentato nei confronti di questo precetto costituzionale.
Il baratro di un futuro all’insegna del precariato e dell’incertezza si è sempre più allargato sul percorso professionale e biologico delle nuove generazioni.
A livello locale purtroppo non si può fare molto in questo senso, però perfettamente in linea con quanto sostenuto in campo nazionale dal ministro Di Pietro, mi impegno da un lato a proporre un trattamento privilegiato alle aziende del territorio che garantiranno contratti a tempo indeterminato, regalando quindi una concreta speranza di stabilità futura, e dall’altro una severa penalizzazione delle strutture che continueranno a sostenere la vergogna dei contratti a termine, tanto cari alla Destra per meri fini statistici.
Un altro impegno che richiede un attivazione istituzionale urgente riguarda il piano urbanistico, concepito senza una logica, con un labirinto di sensi unici e divieti di accesso e con le infrastrutture al collasso, soprattutto per quanto concerne la rete idrica e fognaria.
Carattere di urgenza rivestono alcuni provvedimenti in tema di sicurezza, a fronte di una crescita demografica esponenziale e multietnica, fenomeno che insieme a risorse benefiche per la collettività, trascina inevitabilmente con sé elementi delinquenziali e con un rilevante carico potenziale di pericolosità sociale.
Ci sono metodi che risalgono a secoli addietro, che prevedevano il mantenere la gente nell’ignoranza per favorire il sonno delle coscienze. I governi nazionali di Destra hanno incarnato perfettamente questi concetti metodici. A Ladispoli non credo che si sia giunti a questo, anche se oggettivamente per la cultura è stato fatto davvero poco, e questo è grave per un’Amministrazione di Centrosinistra, che per formazione storica deve nutrire le menti.
Gli appuntamenti culturali sono stati lesinati come l’acqua nel deserto a una cittadinanza che fortunatamente possiede invece una naturale predisposizione verso lo scibile e una fertile vocazione nei confronti della crescita umana e intellettuale.
È ora di promuovere la cultura, quella vera, nel territorio di Ladispoli, con l’incentivare eventi di grande spessore con iniziative mirate, non tralasciando mai la crescita umana e l’integrazione sociale dei portatori di handicap, nonché della comunità immigrata che ha raggiunto ormai una consistente percentuale di presenze nel computo territoriale.
Tali eventi, di riflesso porterebbero linfa vitale al settore turistico, ampiamente penalizzato negli ultimi anni, valorizzando e rinvigorendo le strutture alberghiere presenti sul territorio.
Per realizzare tutto ciò serve l’impegno di tutti voi, nel votare “Italia dei Valori” nel segreto della cabina elettorale e nel sostenerci dopo l’ingresso nelle stanze delle decisioni amministrative.
Grazie a tutti.

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.