26 marzo 2006

Ricordiamocelo il 9 aprile: L'onorevole Bondi

L'onorevole Sandro Bondi, noto voltagabbana per banali ragioni di potere, è l'organizzatore della propaganda di Forza Italia. Sono anni che imperversa in televisione, solitamente all'ora di cena, a rovinarcela con le sue indigeste e rozze falsità. Qualche giorno fa ha inviato a tutti i 25.000 parroci italiani un opuscolo propagandistico di Forza Italia intitolato "I frutti e l'albero". Don Aldo Antonelli, parroco di Antrosano, un paesino dell'Abruzzo, rispedisce al mittente lo spudorato opuscolo, accompagnandolo con una splendida lettera che fa riavvicinare ai valori del Vangelo anche laici incalliti come chi scrive.

Ecco il testo della lettera di don Aldo Antonelli, seguita dalle firme di altri prelati che l'hanno sottoscritta. Fa davvero piacere prendere atto che anche nella Chiesa, almeno quella di base, vi sono delle persone che sanno quali devono essere i valori di una società civile.

Signor Bondi,
sono abituato a dare alle parole il loro peso per cui a chiamarla "onorevole" dovrei coartare la mia coscienza.

Ho ricevuto l’inverecondo opuscolo che lei, immagino, ha inviato a tutte le parrocchie d’Italia.

Glielo restituisco senza nemmeno sfogliarlo e le ricordo che le parrocchie non sono discariche di rifiuti né postriboli nei quali si possa fare opera di meretricio.

Abbiamo una nostra dignità, noi sacerdoti, e non siamo usi a svendere per un piatto di fagioli il nostro patrimonio religioso, culturale, sociale ed umanistico che voi in cinque anni di malgoverno avete dilapidato.

Avete fatto razzia di tutto. Avete dissestato la finanza pubblica, avete ridotto alla fame gli enti locali da una parte e foraggiato, dall’altra, gli enti ecclesiastici cercando di comprarvi il nostro silenzio se non addirittura la nostra compiacenza.

Avete popolato il Parlamento di manigoldi, ladri e truffatori. Di 23 parlamentari condannati in via definitiva più della metà (13 per la precisione) fanno parte del vostro gruppo. Avete fornicato con il razzismo della Lega e con il fascismo di Rauti. Con voi i ricchi sono diventati più ricchi ed i poveri più poveri. Il vostro “Capo” in cinque anni ha quadruplicato il suo patrimonio, mentre le aziende del paese andavano in crisi. Solo l’elettromeccanica, nell’ultimo quadrimestre del 2005, ha perso il 7,1% del suo fatturato.

I nostri pensionati, da qualche anno in qua, non solo non riescono più ad accantonare un soldo, ma hanno incominciato a rosicchiare il loro già risicati risparmi.

Avete speso energie e sedute-fiume in parlamento per difendere a denti stretti le “vostre” libertà mentre il paese rotolava al 41° posto quanto a libertà di stampa e pluralismo di informazione, dopo l’Angola.

Avete mercificato i lavoratori e ipostatizzato le merci.

Si tenga pure, signor Bondi, la sua presunzione di coerenza con la “dottrina sociale della Chiesa”. Noi preti vogliamo tenerci cara la libertà di lotta e di contestazione contro la deriva liberista e populista della vostra coalizione.
Aldo Antonelli (parroco)

Antrosano, 1 Marzo 2006

Firmatari:
Padre Massimo Nevola SJ (Roma)/Don Mario Pavanini (Milano)/Don Claudio Miglioranza (Castelfranco Veneto)/Don Alessandro Dussin (Treviso)/Don Silvio Favrin (Castelfranco Veneto)/Don Paolo Farinella (Genova)/Don Nino Balestra (Avezzano)/Don Carmine Miccoli (Chieti)/Don Virgilio Marone (Napoli)/Don Giuseppe Gambardella (Napoli)/Don Domenico Iervolino (Napoli)/Don Renato Sacco (Novara)/Don Paolo Tornambè (Avezzano)/Don Giorgio Borroni (Novara)/Don Raffaele Garofalo (Sulmona)/Don Angelo cassano (Bari)/Don Carlo De Angelis (Napoli) /Don Alessandro Santoro (Firenze)/Don Alberto Maggi (Macerata)/Gioele Fuligno (Frosinone)/Don Mario Vencaraglia (Stazzema, Lucca)Don Mario Piantelli Riplata Cremasca/Don Dario Ferrario - Casoria Napoli/Don Marco Luciano (Grugliasco, Torino)/Don Giulio Girardi (Roma)/Don Luigi De Rocco (Pieve di Zoldo, Belluno)/Don Giuseppe Stoppiglia /Don Gaetano Farinelli/Don Paolo Tofani (Pistoia)/Don Gianantonio Allegri (Vicenza)/Don Agostino Bruttomesso (Vicenza)/Don Dario Fridel (Bolzano)/Don Giuseppe Fedele/don Vittorio Gnoato (Vicenza)


Articolo precedente della serie: Ricordiamocelo il 9 aprile: Gianfranco Fini

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma cosa sta dicendo questo prete ???
Finalmente almeno abbiamo saputo cosa faccia "Don Prodi" quando ha tempo libero... fa in incognito il parroco in Abruzzo !
Curioso comunque che la Chiesa ora si schieri con la sinistra, mi risultava che storicamente fossero acerrimi nemici..., comunque contenti loro contenti tutti.
Quando però il nuovo governo di sinistra promulgherà leggi che andranno contro gli elementari valori cattolici, morali e di dignità tanto cari al mondo della Chiesa, speriamo che il nostro buon parroco rosso si ricordi che è ancora un dipendente del Signore.
Ma forse sarà troppo impegnato a fare i comizi e non si accorgerà neppure...
Comunque, per concludere, a questo prete vorrei dire le stesse parole che Silvio ha detto alla Annunziata e cioè: "Deve avere un po' di vergogna per come si è comportato".

Anonimo ha detto...

Bigotto... come tutti quelli della destra!

chartitalia ha detto...

Cosa sta dicendo quel prete? Parole chiarissime che solo menti possedute da "colui che non si può nominare" non comprendono. Cito letteralme: "Avete fatto razzia di tutto. Avete dissestato la finanza pubblica, avete ridotto alla fame gli enti locali da una parte e foraggiato, dall’altra, gli enti ecclesiastici cercando di comprarvi il nostro silenzio se non addirittura la nostra compiacenza."

Parole limpide, dirette, non ambigue. E di una grande dignità. Al contrario della untuosità di un Ruini, intento a raccattare tutte le elemosine raccattabili, secondo metodologie di scambio da anni '50: voti dei fedeli cattolici in cambio di privilegi per le gerarchie ecclesiatiche.

Comunque, vedo che i silvio-boys burattini imperversano; spero solo che i burattinai paghino bene. Se così non fosse, i guasti procurati da tu chi sai al tessuto sociale italiano sono ancora peggio di quanto si temesse, sperando che il finale del film di Moretti sia solo una fantasia d'artista...

Anonimo ha detto...

Ho preso prima del "bigotto" e poi del "burattino". Come sempre la sinistra si dimostra incapace di dialogare ma maestra nell'insultare o offendere chi non ha le proprie idee... Mamma mia a che disastro stiamo andando incontro...
E vorrei ricordare (ma tanto è fatica sprecata) che l'Italia non è un paese che sta andando a rotoli come tutto uno schieramento sta facendo credere con la sua dannata stampa. Quando tutti quanti hanno tra le mani l'ultimo modello di telefonino, l'auto (o LE auto) superaccessoriata/e, fanno vacanze ovunque nel mondo, hanno le scarpe firmate, il pc portatile, ecc.ecc., (e sono tutte cose che non costano propriamente 2 euro...) non parlerei proprio di economia in ginocchio e di povertà. Ma forse fare i piagnoni fa comodo a tante persone...

PS: Il film di Moretti non l'ho visto, mi sono risparmiato un paio di ore di propaganda gratuita sicuramente evitabile.

Il silvio-boy burattino saluta cordialmente gli appartenenti al regime staliniano di questo sito, sperando di non essere deportato in Siberia in quanto non facente parte del sistema !

Anonimo ha detto...

Mmm...queste parole mi suonano familiari...invece di reinventarti prete per propinarci il tuo verbo laicista...non sarebbe meglio aggiornare il sito con l hits del 2006?.
Da Abruzzese mi sorge spontaneo ricordare al pretino conterraneo alcune parole dette da un suo illustre predecessore:" Chi è senza peccato scagli la prima pietra"...ooops...dimenticavo...a voi dell'altra sponda scagliare pietre riesce molto mooooooooolto bene...
Caro pretino...vada a prendersi cura dei bambini Moldavi o Bielorussi...a meno che non pensi che pure quelle disgrazie siano colpa del Cavaliere...occhio però che le donne da quelle parti sono assai accomodanti...di Bisceglia ne basta uno...o no?
Caro gestore...attendo le hits...e grazie comunque.

Anonimo ha detto...

uahauha!
questo blog é uno spasso, per chi non si schiera con nessuno ed é capace di pensare con la propria testa.
Fate ridere i polli tutti quanti!

Anonimo ha detto...

infatti, vedo che stai ridendo...

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

Capito sul blog di Chartitalia solo occasionalmente. Vorrei rispondere a chi sostiene che il calo di benessere di questi ultimi anni sia solo propaganda della sinistra : chi così afferma non ha tutti i torti, di tempo prima di tirare la cinghia, ce n'è. Ma, mi domando, e quando questo tempo sarà finito ? Io sono laureato in giurisprudenza da più di un anno, ho anche altri titoli, e, dopo aver inviato qualche centinaio di curriculum, le uniche risposte mi sono giunte da chi mi voule utilizzare per vendere beni o servizi (promoter, etc.). Cosa rimane ? Farsi sfruttare da qualche studio legale finchè non si diventa avvocati con un minimo di successo; studiare per i concorsi pubblici, con il rischio di vedersi superare da qualche raccomandato. Eppure, durante questi mesi ho lavorato. Ho fatto il magazziniere (contratto a tempo determinato); il dipendente di fast food (contratto a progetto). Adesso tiro avanti con il servizio civile volontario, fino a novembre. Poi si vedrà. Ecco ... in questi anni è mancata la speranza, la certezza nel futuro. Ho la consapevolezza che del benessere in cui vivo io debba ringraziare i miei genitori, e che questo finirà senza che io possa porvi rimedio. Poi, certo, c'è gente meno "catastrofista" di me, che preferisce godere del presente e concedersi la bella macchina, il bel telefonino o la bella TV Lcd (finchè è possibile pagare a rate ... fra un po' ci faremo pure la spesa nel fine settimana). Ma io, quei pochi soldi che guadagno, me li tengo ben stretti, e così, ormai, molti altri giovani delusi che conosco. Il nostro benessere è stato costruito nel passato, non nel presente - in questi ultimi anni, checchè ne dica il Presidente del Consiglio, il quale si vanta dei posti di lavoro che ha creato magari contando me TRE volte. Comunque, io non spendo, qualcun altro non guadagna, ed il serpente si morde la coda.

Saluti

Anonimo ha detto...

forse non è ben chiaro una cosa
io ho un'auto, un cellulare, un pc e una tv normale (lcd e plasma per me si vedono troppo male) ma il mio lavoro da 5 anni (guarda caso) è interinale
ora c'è qualcuno che mi sa spiegare quale futuro si possa avere con un lavoro dove oggi c'è ma domani chissà (nel senso proprio letterale del termine)
ammettiamo che il lavoro finisca o che mi infortuni seriamente (non esiste indennizzo per noi interinali) sapete questi beni di lusso dove me li posso mettere?
questo prete ha tutta la mia solidarietà anche perchè altri 5 anni così...(i cinesi che bolliscono i bambini...mamma mia ma nessuno che abbia il potere di fermarlo...non ci credo)

Anonimo ha detto...

FINALMENTE FRA POCHI GIORNI LA DITTATURA SARA' FINITA e l'ITALIA SI DESTERA' DI NUOVO.. RESISTIAMO!!!

Anonimo ha detto...

Ma per me il problema è che molti di voi credono che con l'avvento del governo di sinistra, le cose che avete detto e scritto miglioreranno. La bacchetta magica non ce l'ha nessuno, e la destra se non altro ha insito nella sua cultura il concetto del lavoro (cosa che la sinistra tra riduzioni di ore, scioperi, manifestazioni, statalismi ecc.ecc. non mi pare abbia). Con un governo diverso le cose possono solo peggiorare, e molto. Auguri.

Anonimo ha detto...

guarda...peggio di così...

Anonimo ha detto...

Quello che le sinistre avrebbero fatto possiamo immaginarlo, ma non possiamo avere certezze perchè non è al governo. La destra ha invece ampiamente dimostrato di non essere in grado di garantire stabilità economica, sicurezza e prospettive di benessere per i giovani. Pertanto, mi sembra giusto che cedano il posto.

Saluti.

Anonimo ha detto...

Di errori ne sono stati fatti e se ne fanno tutt' ora sia da parte dei politici sia da parte della Chiesa, che non è certo mai stata immune da gravissime pecche! Mi turba molto il fatto che un prete faccia di tutta l' erba un fascio dal momento che noi, poveri laici, cerchiamo al contrario di non "generalizzare", altrimenti dovremmo accusare lo stesso autore della lettera di essere un pedofilo... Abbiamo osservato nel corso della storia come taluni preti non siano affatto degni delle vesti che indossano: preti pedofili, preti che vanno con donne, preti che hanno figli segreti e mi fermo qui. Dunque dovremmo dire che la Chiesa è perversa o falsa? Non ci permettiamo di farlo così come non dovrebbe permettersi di farlo chi si ritiene saggio, giusto e tollerante. Mi sembra invece che qualcuno predichi bene e razzoli male! Dove sta la tolleranza e la bontà tanto predicata dai sacerdoti? Non c'è scritto sul Vangelo di andare a trovare anche i carcerati? E come mai si straccia una lettera dicendo peste e corna di un determinato orientamento politico? Senza fare riferimento al Vangelo ma al Galateo, posso dire che per educazione si ascolta la parola di chi cerca di esprimere un' opinione, giusta o sbagliata che sia.
Loredana Mendicino

chartitalia ha detto...

@loredana mendicino:

ho paura che tu stia facendo confusione tra la Chiesa ed sacerdoti firmatari della lettera, e tu addebiti a questi degnisssimi sacerdoti delle colpe e dei comportamenti che sono di altri

e mi sa che tra la dignitosa indignazione dei religiosi e la pacchiana propaganda del bondi, tu propoenda per quest'ultima

bah...

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.